Da L'Ora del 10/04/1972

Cosa c' dietro le bombe nel siracusano

di Giovanni Spampinato

Che cosa preparano i fascisti nelle province di Ragusa e Siracusa?

Il disegno criminale che avevamo denunziato un mese fa da queste colonne acquista ogni giorno contorni più precisi. E' chiaro ormai che, prima della fine della campagna elettorale, i fascisti tenteranno una grossa provocazione. Ed è opinione diffusa a Ragusa come a Siracusa, che tale provocazione non è, nelle intenzioni degli strateghi della tensione e del disordine, di carattere soltanto dimostrativo, ma tende a creare panico: non è ancora spenta l'eco dell'esplosione alla amera del Lavoro di Siracusa dove solo un puro caso ha evitato che si verificasse una strage.

Per capire quanto è successo e continua a succedere nelle due province della Sicilia sud orientale, e che ha a protagonisti noti individui del neofascismo locale e nazionale, oltre ad agenti dei colonnelli greci, val la pena di riassumere brevemente gli avvenimenti di questi mesi.

A Ragusa è stata segnalata la presenza del fascista Stefano Delle Chiaie imputato latitante al processo per le bombe del 12 dicembre 1969. Il Delle Chiaie che ha aderito sin dalla fondazione alla organizzazione neofascista di Pino Rauti "Ordine nuovo", e che ha poi fondato varie organizzazioni di picchiatori e dinamitardi di estrema destra, è considerato il massimo teorico della "strategia dell'infiltrazione e della provocazione". Mario Merlino, il fascista infiltratosi nel circolo anarchico "22 Marzo", ora in carcere con Valpreda, è un uomo da lui manovrato. Delle Chiaie metteva bombe nelle sedi comuniste, ma ogni tanto ne collocava qualcuna nelle sedi dell'estrema destra, per provocare confusione e scaricare le responsabilità.

Il libro "Strage di stato", documenta i suoi buoni rapporti con le autorità di P.S. Ma la polizia di Ragusa non lo conosce, non ha mai avuto sue foto.

Che significa la permanenza, che sembra durata parecchi giorni,, del "Càccola" a Ragusa? Gli avvenimenti successivi la spiegano a sufficienza.

Nello stesso periodo - il mese di gennaio - un giovane sedicenne, Giulio Quintavalle, tenta una infiltrazione fra gli anarchici di Ragusa. Subito identificato, il giovane fascista viene allontanato. Il padre, Vittorio, che ora dice di essere pittore, ora laureato in pedagogia, ora maestro di karaté, ora operatore economico e così via, e che vive da venti anni con tutta la famiglia a Roma, dopo una permanenza di qualche giorno a Vittoria e Ragusa, dove era giunto con i fratelli e i genitori nell'agosto del 1945, da Milano, da dove erano fuggiti precipitosamente - apparteneva alla famigerata X MAS di Valerio Borghese, responsabile dell'omicidio di 800 tra partigiani, donne e bambini - è intimo dell'on. missino Cilia. Molti sostengono d'aver visto insieme il terzetto Cilia - Delle Chiaie - Quintavalle.

Cosa era venuto a fare a Ragusa il signor Quintavalle, e perché raccontava tante balle sul proprio conto? E perché, dopo che L'Ora ha fatto il suo nome e quello di suo figlio insieme con quello di Delle Chiaie, è sparito dalla circolazione, non facendosi più vivo nonostante avesse affittato a Ragusa un appartamentino?

La polizia, che lo definisce enigmaticamente "una guardia del corpo", si è interessata alla sua persona. E i carabinieri lo hanno interrogato immediatamente dopo la scoperta dell'assassinio dell'ing. Angelo Tumino e hanno a lungo perquisito il suo appartamento.

Non sappiamo quali legami potesse avere il Quintavalle con Tumino. Certo è che anche lui, come il professionista ucciso, si occupava, non sappiamo a che titolo, di quadri.

Nello stesso periodo, si parla con insistenza di un vasto giro di esplosivi e armi, di esercitazioni a fuoco, di "qualcosa di grosso" che si preparerebbe per l'immediato futuro.

L'Ora avanza l'ipotesi che si preparano degli attentati dinamitardi e che l'obiettivo sia Siracusa, dove in quel periodo erano in corso forti lotte operaie, mentre Ragusa, che è più periferica e tranquilla, serve da deposito e da base operativa.

Il 13 e 14 marzo, precedute da alcuni "botti" inspiegabili contro un tabaccaio e un cantiere eidle, scoppiano le grosse bombe all'ufficio di collocamento di Siracusa e alla CGIL della stessa città. La polizia immediatamente indaga a sinistra (e continuerà a farlo per tutti gli avvenimenti successivi): trentamila lavoratori scioperano il 15 in tutta la provincia, indicando nei fascisti i criminali responsabili degli attentati. Da allora le bombe "vaganti" che scoppiano qua e là per le province di Siracusa e Ragusa si moltiplicano, diventa una danza inspiegabile se non si presuppone una abile regia.

E la regia c'è La Pasqua a Ragusa, Giarratana, Marzamemi è movimentata da una serie di esplosioni. E altre esplosioni si sono avute anche dopo Pasqua.

Certo, c'è anche qualcuno che approfitta delle confusioni per regolare i suoi conti personali. Ma la bottiglia "molotov" accanto alla sede del sindacato fascista CISNAL di Ragusa, che annerisce la porta senza provocare danni, serve egregiamente a creare vittimismo per i fascisti e a scaricare a sinistra le responsabilità.

Anche se tali diversivi non convincono nessuno, la polizia sembra orientata a seguire da presso i giovani di sinistra e a ignorare le piste nere. Un sapore provocatorio assumono certi "avvertimenti" fatti ripetutamente dalla polizia su presunte infiltrazioni di dinamitardi tra gli anarchici di Ragusa e gli extraparlamentari di Siracusa.

Il giudizio politico che viene espresso da rasponsabili forze di sinistra è che ci si trova di fronte ad una grossa provocazione a tinte criminali che il ministero degli interni pensa di manovrare per creare il clima giusto per coinvolgere la sinistra in pesanti sospetti e per presentare la DC come la sola garante dell'ordine e del centralismo in mezzo alla confusione e al disordine.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0