Uno sparo in caserma. Il caso Lombardo

Edito da Città del Sole Edizioni, 2007
188 pagine, € 12,00
ISBN 8873511236

di Daniela Pellicanò

Libro presente nelle categorie:
Storia del crimine organizzato in Italia1. Mafia
Quarta di copertina

“Questa storia finisce in una notte di marzo. A Palermo due carabinieri chiacchierano nel cortile della caserma Bonsignore, qualcun altro passeggia. All’improvviso un colpo di pistola rompe il silenzio. Un brigadiere corre verso una macchina, riverso sul sedile c’è il maresciallo Antonino Lombardo. Si è suicidato. È il 4 marzo 1995. Questi sono i fatti. E questo è il sospetto: si è suicidato o è stato suicidato? Sono passati undici anni. Il caso è aperto”. In questa premessa l’epilogo di una storia strana ed inquietante. Il protagonista è il maresciallo dei carabinieri Antonino Lombardo. 31 anni di carriera alle spalle interamente dedicati alla lotta alla mafia e sempre in prima linea. Per 14 anni comandante della Stazione dei carabinieri di Terrasini, piccolo paesino alle porte di Palermo. Sin da allora collabora con la Dia e il Ros, il nucleo speciale dell’Arma. È grazie a lui infatti che nel 1993 si arriva all’arresto di Totò Riina. Nel 1994 lascia il comando della Stazione ed entra a far parte ufficialmente del Reparto Operativo Speciale. Il motivo è semplice: per i suoi superiori è “la memoria storica del fenomeno mafioso”. Prima di morire è sulle tracce di Provenzano e di Giovanni Brusca. Ma ha un altro compito non meno importante da portare a termine: deve accompagnare in Italia il boss Tano Badalamenti. Il maresciallo e il padrino si sono incontrati già due volte negli Usa. Hanno parlato, si sono capiti. Ma questo terzo viaggio non è mai avvenuto. Una casualità? Non si direbbe, perché è lui stesso a lasciare una traccia: “La chiave della mia delegittimazione sta nei viaggi americani”. La sera del 4 marzo 1995 dopo un lungo colloquio con alcuni ufficiali, Lombardo sale sull’auto di servizio e scrive una lettera “che è quasi un rebus”. Intorno alle 22.30 si spara un colpo alla tempia. Cosa è accaduto durante quell’incontro? E nei giorni precedenti? Cosa ha indotto Lombardo a un gesto così estremo e disperato? Attraverso l’attenta analisi di tutti i documenti disponibili, l’inchiesta di Daniela Pellicanò ricostruisce gli ultimi dieci giorni di vita del maresciallo soffermandosi su una serie di episodi determinanti. Nel giro di poco tempo infatti si verificano in sequenza degli avvenimenti molto gravi che fanno affiorare un sospetto: che sia stata orchestrata, ai danni del maresciallo, una vera e propria campagna di diffamazione? Viene accusato di essere colluso con la mafia dai sindaci Leoluca Orlando e Manlio Mele dagli schermi televisivi di “Tempo Reale”. Qualche giorno dopo il cadavere di un suo confidente viene fatto ritrovare a poca distanza dalla sua abitazione. E infine Angelo Siino, il ministro dei Lavori Pubblici di Riina, all’epoca confidente dei carabinieri, rivela al colonnello Mori e al capitano De Donno che Lombardo “è un cane che porta le ossa fuori”, in altre parole è un venduto. Queste sono solo alcune tessere del complicato e misterioso puzzle ricostruito attraverso questa indagine. E il libro, nel riportare fedelmente gli avvenimenti, evidenzia una serie di inquietanti interrogativi, che nascono spontanei da una lettura attenta dei documenti e della lettera che il maresciallo scrive prima di morire. Interrogativi ancora attuali che nonostante l’inchiesta condotta dalla Procura di Palermo, non hanno trovato risposte. È un caso irrisolto che si deve riaprire. Lo dimostrano l’analisi dei documenti condotta nel libro e le parole proferite dallo stesso Lombardo poco prima di morire: “Il sospetto e la delegittimazione, in Sicilia, sono sempre stati l’anticamera della soppressione fisica”. Basta questa frase a sollevare il dubbio inquietante che ancora oggi accompagna questa storia: ma è stato davvero un suicidio?

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0