Da La Stampa del 10/11/2005

Scontri Alta Velocità

Tav, tre proiettili nella buca della Bresso

Dopo i volantini con la stella a 5 punte e il pacco-bomba, preso di mira il numero uno della Regione

VAL DI SUSA LA MINACCIA PRECEDUTA UN PAIO DI GIORNI FA DALLA COMPARSA DEL SIMBOLO DELLE BR E DELLE SCRITTE «NO TAV» E «NO OLIMPIADI» SUL MURO DI CASA
Tre proiettili calibro 38 sono stati trovati, ieri mattina, dalla presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, nella buca delle lettere di casa, una villetta sulla collina torinese. La Prefettura sta valutando la possibilità di assegnare una scorta all’esponente Ds, da aprile alla guida del governo piemontese. Protezione già rifiutata dalla Bresso pochi giorni fa ma che ora sta diventando indispensabile.
Lei minimizza: «C’è sicuramente qualcuno interessato a far salire la tensione, dobbiamo stare attenti, ma finora non ho avuto la percezione di intimidazioni personali». La Prefettura non è dello stesso avviso: la questione sarà esaminata nel corso della riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza democratico che si riunirà nei primi giorni della prossima settimana.
La denuncia del ritrovamento dei tre proiettili è stata presentata ieri mattina subito dopo la partenza della Bresso per Roma. Nella capitale l'ex-europarlamentare ha partecipato ad un vertice nazionale dei Ds sulla Tav con il segretario Piero Fassino.
Le indagini sono coordinate dalla Digos che sta anche cercando di capire se ci sia un legame tra i tre proiettili abbandonati nella buca delle lettere e la stella a cinque punte tracciata tre giorni fa su un muro a poche decine di metri dalla sua abitazione. Il simbolo delle Brigate Rosse era in mezzo alle scritte «No Tav» e «No Olimpiadi». Una scritta che la Bresso ha fatto immediatamente cancellare (è rimasto solo lo slogan di vernice rossa contro la linea ad alta velocità) per non contribuire ad alzare il livello della tensione già altissimo in vista dello sciopero generale della Val di Susa in programma il 16 novembre.
Il ritrovamento dei proiettili è l’ultimo atto di una vera e propria escalation. Prima il volantino firmato dalla sigla Valsusa Rossa inneggiante ad alcuni brigatisti uccisi e abbandonato a Bussoleno e in altre località della Valle. Poi il pacco bomba fatto ritrovare sulla statale 25. Ecco perché Antonio Ferrentino, presidente della Comunità della Bassa Val di Susa e Cenischia, esprimendo tutta la sua solidarietà alla Bresso, parla di «un incredibile atto di intimidazione nei confronti del presidente della Regione» e definisce «scellerati» gli autori di questi atti. Resta da vedere chi si nasconde dietro le minacce contro la presidente. Nel giro di pochi mesi si è passati dalle cartoline piene di ingiurie, alle scritte sui muri e, ora, ai proiettili. Il 15 giugno due cartoline del movimento No Tav piene di insulti e minacce furono recapitate a casa della Bresso: «Voi espropriate le nostre terre e noi esproprieremo la tua abitazione». Bresso non è preoccupata da queste intimidazioni anche se invita tutti, dai manifestanti ai ministri (il riferimento è al ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi e alla sue aspre critiche ai Valsusini, ieri in parte rettificate) ad «abbassare i toni» e ad accettare le «regole del gioco del confronto democratico» e «ad isolare e a non mescolare i violenti, o chi non accetta il dialogo». Bresso punta ad una soluzione politica: «Il mio problema è coniugare la realizzazione della Torino-Lione con la tutela della salute dei cittadini. L'unico modo di accertarlo, però, è quello di non dipingere come untori quelli che vogliono la Tav ma di realizzare i sondaggi per accertare la presenza o meno di sostanze nocive. Avviati i carotaggi e completato il progetto definitivo credo sia possibile sottoporlo alla valutazione di impatto ambientale, una procedura non prevista dalla “legge obiettivo” ma che potrebbe permettere di uscire dall'impasse in cui ci troviamo». Basterà? «Bisogna accettare le regole della democrazia, altrimenti si rischia di esaltare chi è interessato solo a soffiare sul fuoco».

Fonte: La Stampa

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'intervista. Il magistrato di piazza Fontana: ora serve una riconciliazione
«Impunità per i protagonisti che sveleranno i misteri»
Il giudice Salvini: sì a una commissione con giuristi e storici
La lezione inascoltata della storia
Ha fatto bene il sindaco Cofferati a vietare la manifestazione dei neofascisti nella mia Bologna
di Enzo Biagi su L'Espresso del 01/04/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0