ETA

Euzkadi Ta Askatasuna − Spagna

Conosciuti anche come:
Basque Fatherland and Liberty

Nel 1512 le truppe castigliane conquistarono con le armi il Regno di Navarra. A partire da quel momento, il Paese Basco si è trovato diviso fra lo Stato Francese e quello spagnolo. La parte nord (Lapurdi, Bassa Navarra e Zuberoa) ha mantenuto le proprie istituzioni sino alla rivoluzione francese, che le ha abolite malgrado la resistenza basca. Nel sud, le Cortes (camere) della Navarra si riunirono per l'ultima volta nel 1829, poco prima delle guerre carliste che portarono alla perdita di tutte le istituzioni, leggi e costumi propri. Per anni, l'emblema basco è stato rappresentato da Gernika; nel 1937, il generale fascista Franco fece bombardare dall'aviazione nazista la città, durante un giorno di mercato: con questo gesto si è voluto infrangere la storia e dare un castigo esemplare al popolo basco ed alle sue ansie di libertà.
Nel dicembre 1958 nasce ETA, Euskadi Ta Askatasuna (Patria Basca e Libertà), l'organizzazione che, ancora oggi, porta avanti la resistenza armata contro lo Stato spagnolo, mentre nella parte di Paese Basco sotto amministrazione francese è attiva l'organizzazione Iparretarrak.
Quando nel 1978 lo Stato spagnolo si è dotato di una Costituzione, questa è stata respinta dalla maggioranza dei Baschi in un referendum. La ragione di questa scelta è che Madrid si rifiuta di riconoscere i diritti più elementari del popolo basco: il Diritto all'Autodeterminazione e all'Unità Territoriale.
Dalla fine della dittatura franchista ad oggi tutti i tentativi di negoziare una soluzione pacifica del conflitto sono falliti; l'ultima occasione che si è presentata è costituita dalla tregua unilaterale osservata da ETA dal settembre 1998 alla fine di ottobre 1999, durante questo periodo la repressione è proseguita, colpendo addirittura i delegati alla negoziazione con il governo spagnolo.
Dopo diversi comunicati nei quali l'organizzazione armata denunciava l'inesistente volontà di soluzione del conflitto da parte dello Stato spagnolo e lo scarso impegno in questo senso del nazionalismo basco moderato, ETA dichiarava conclusa la tregua ed iniziava una nuova campagna di azioni armate (omicidi politici e attentati), tuttora in corso.

2001: Nel giugno 2001, il presidente americano George W. Bush ha promesso di aiutare la Spagna nella lotta contro l'Eta. Quattro mesi dopo, il quotidiano «El Mundo» rivelava che la Nacional security agency statunitense aveva appena lanciato un satellite anti Eta, inserito nel sistema mondiale di spionaggio elettronico Echelon, che controlla tutte le comunicazioni dei Paesi Baschi, sia spagnoli sia francesi.

23 agosto 2002: Il giudice Balthasar Garzon comunica al partito nazionalista basco Herri Batasuna la sospensione cautelare di tutte le sue attività. La notifica è avvenuta durante l'incontro con la rappresentante legale del movimento, Jone Gotycelaya, dopo che oggi stesso la procura dell'Audiencia nacional, massima istanza giudiziaria spagnola, ha espresso parere positivo sul provvedimento. L'accusa è di svolgere attività di sostegno logistico e operativo in favore dell'ETA, il movimento separatista Basco.
Il caso era scoppiatto dopo che Herri Batasuna aveva rifiutato di condannare l'attentato del 4 agosto, quando una bomba nella caserma della guardia civile della città di Santa Pola, sulla costa di Alicante, aveva fatto due vittime, tra cui un bimbo di 6 anni. In quell'occasione i suoi rappresentanti avevano accusato lo stato di esacerbare il conflitto. Fu allora che il Primo Ministro Josè Aznar, aveva definito i suoi membri «spazzatura umana» e aveva fatto convocare una seduta straordinaria delle camere per avviare la procedura di messa al bando.

2003: Nel 2003 è stato raggiunto il record di «etarras» (capi e militanti del movimento) arrestati: 187. E sono stati scoperti 184 covi, sequestrati 3.571 chili di esplosivo e 93 armi da guerra. Conseguenza: solo tre le vittime, il numero più basso dal '73. «Oggi la sconfitta definitiva dell'Eta è un fatto possibile» afferma il ministro dell'Interno spagnolo Angel Acebes. «Questa prospettiva è il risultato dello sforzo congiunto della società e delle istituzioni spagnole. Abbiamo lottato contro il terrorismo in modo globale, perché è terrorista non solo chi spara o piazza un'autobomba, ma anche chi finanzia, fornisce informazioni e logistica. Negli ultimi due anni sono stati messi fuori legge Batasuna, il partito dell'Eta, e organizzazioni fiancheggiatrici come Kas, Ekin, Jarrai, Segi. Ripeto: oggi finalmente la sconfitta definitiva dell'Eta è possibile».

24 dicembre 2004: la polizia sventa un attentato a un treno.

Lista con nomi di individui dell'organizzazione, che il governo degli Stati
Uniti considera terroristi. La lista è stata pubblicata il 3 maggio 2002. Gli individui e l’organizzazione nominati nella lista non sono direttamente coinvolti negli attentati terroristi dell’11 settembre 2001.

BEGIN LIST OF NAMES

APAOLAZA SANCHO, Ivan; member ETA; DOB 10 Nov 1971; POB Beasain (Guipuzcoa Province), Spain; D.N.I. 44.129.178 (individual) [SDGT]

ASKATASUNA (f.k.a. GESTORAS PRO-AMNISTIA), Spain [SDGT]

BERASATEGUI ESCUDERO, Ismael; member ETA; DOB 15 Jun 1969; POB
Eibar (Guipuzcoa Province), Spain; D.N.I. 15.379.555 (individual)
[SDGT]

GALLASTEGUI SODUPE, Lexuri; member ETA; DOB 18 Jun 1969; POB Bilbao (Vizcaya Province), Spain; D.N.I. 16.047.113 (individual) [SDGT]

PALACIOS ALDAY, Gorka; member ETA; DOB 17 Oct 1974; POB Baracaldo (Vizcaya Province), Spain; D.N.I. 30.654.356 (individual) [SDGT]

QUINTANA ZORROZUA, Asier; member ETA; DOB 27 Feb 1968; POB Bilbao (Vizcaya Province), Spain; D.N.I. 30.609.430 (individual) [SDGT]

RUBENACH ROIG, Juan Luis; member ETA; DOB 18 Sep 1964; POB Bilbao
(Vizcaya Province), Spain; D.N.I. 18.197.545 (individual) [SDGT]

ZUBIAGA BRAVO, Manex; member ETA; DOB 14 Aug 1979; POB Getxo
(Vizcaya Province), Spain; D.N.I. 16.064.664 (individual) [SDGT]

END LIST OF NAMES


IN INGLESE:

Euskal Herria (Basque Country) is divided politically between the French and Spanish states. It is composed of seven provinces: three under French administration, Iparraldea or Northern Basque Country, and four under Spanish administration, Hegoaldea or Southern Basque Country. In 1901 the founder of the Basque Nationalist Party, Sabino Arana, coined the term, Euzkadi(also spelled Euskadi) to describe a hypothetical Basque confederated state comprised of the seven Basque provinces. Basque Fatherland and Liberty a.k.a Euzkadi Ta Askatasuna (ETA) was founded in 1959 with the aim of establishing an independent homeland based on Marxist principles in the northern Spanish Provinces of Vizcaya, Guipuzcoa, Alava, and Navarra, and the southwestern French Departments of Labourd, Basse-Navarra, and Soule.

Activities

Primarily involved in bombings and assassinations of Spanish Government officials, security and military forces, politicians, and judicial figures. ETA finances its activities through kidnappings, robberies, and extortion. The group has killed more than 800 persons and injured hundreds of others since it began lethal attacks in the early 1960s. In November 1999, ETA broke its "unilateral and indefinite" cease-fire and began an assassination and bombing campaign that has killed 38 individuals and wounded scores more by the end of 2001.

Strength

Unknown; may have hundreds of members, plus supporters.

Location/Area of Operation

Operates primarily in the Basque autonomous regions of northern Spain and southwestern France, but also has bombed Spanish and French interests elsewhere.

External Aid


Has received training at various times in the past in Libya, Lebanon, and Nicaragua. Some ETA members allegedly have received sanctuary in Cuba while others reside in South America.
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0