Da Il Giorno del 18/05/1972

Dopo il Vietnam la guerra è un crimine

Le patenti di nobiltà non sono più credibili

di Cesare Garboli

Cinque anni fa, un giorno d´estate, decisi di partire per il Vietnam. Ricordo che la decisione fu repentina, impulsiva, di quelle che si presentano a un tratto con misteriosa e coercitiva naturalezza. E´ anche probabile che al fondo della mia decisione agissero motivi che non erano chiari: il dubbio istintivo di «andare a vedere», una falsa esigenza di testimone spregiudicato, un equivoco spirito di avventura, il bisogno di fuggire la mia civiltà e di guadagnarmi il gettone per condannarla. Fatto sta che non ebbi pace finché non atterrai a Than-Sonnut, l´aeroporto di Saigon.

Rimasi nel Vietnam abbastanza a lungo per girarne tutta la penisola. Mi spinsi in Cambogia, nella speranza di ottenere il visto per Hanoi, ricalcando la solita trafila di tutti gli inviati occidentali. Affidavo a un taccuino le mie confuse reazioni emotive. Ma, soprattutto, mi chiedevo costantemente per quali ragioni mi trovassi là, in Vietnam. Mi rivedo sdraiato sulla brandina del «center press» di Oa Nang, le mani incrociate dietro la nuca. Mi chiedevo: «Che cos´ha di diverso, la guerra in Vietnam, da tutte le altre conosciute in passato dal genere umano?».

Oggi so di poter rispondere con chiarezza. E so anche spiegarmi per quale ragione avevo fatto improvvisamente la valigia ed ero partito. Avevo bisogno di licenziare per sempre, dentro di me, una persuasione storica secolare: l´idea della guerra come fatto ineluttabile in cui si esprimono dei valori. Avevo bisogno di liquidare quest´idea attraverso un´esperienza diretta e personale, quella intellettuale non mi bastava. Appartengo a una generazione che ha fatto in tempo ad assistere agli orrori della Seconda guerra mondiale. Ma la mia educazione, la mia forma mentale sono anche quelle per le quali il vilipendio delle forze armate è un reato.

Chi parte per il Vietnam, può anche limitarsi a pensare genericamente che la guerra sia un male. Ma chi ne torna è sicuro che la guerra è un crimine. Così il popolo vietnamita ci si configura come un popolo eroico due volte. Una volta, per la sua resistenza contro un´aggressione condotta coi metodi di un terrorismo spietato e brutale. Una seconda volta, perché la sua resistenza segna una conquista storica irrevocabile. Sembra infatti che il destino abbia scelto il popolo vietnamita per chiarire in termini inequivocabili che la guerra non è una fatalità, ma semplicemente un delitto.

Un tempo, non era così. Un tempo, simili a terremoti, a cataclismi naturali, le guerre passavano sul mondo nelle stagioni adatte, seminando lutti e rovine, poi il grano ricresceva e le vittime del flagello proseguivano nel loro sconosciuto cammino di sempre. Un tempo, si poteva esser soldati con onore. A stare a tutte le letterature del passato, misurarsi col fuoco era una situazione perfino poeticamente vivibile. Oggi non è più così. Oggi la coscienza comune è portata irrevocabilmente a identificare un´azione di guerra con un´azione criminosa. Si esita a chiamare soldati i piloti dei bombardieri che sorvolano il Nord Vietnam. E se la guerra è un crimine, è abbastanza curioso pretendere che essa sia condotta secondo un codice, secondo «legalità».

Qualche giorno fa, Enzo Bettiza si chiedeva sulle pagine del «Corriere della Sera» quali metodi potrebbero istituirsi per una repressione efficace del terrorismo, ormai dilagante su scala mondiale. Bettiza ne proponeva due. Il primo, la cooperazione di tutte le polizie europee. Era un suggerimento tecnico. Il secondo suggerimento era invece ideologico, o addirittura linguistico. «Dobbiamo smettere» - scrive Bettiza - «di fare confusione fra terrorismo e guerriglia, fra azione politica e attività criminosa: non dobbiamo donare comode patenti di nobiltà a chi si serve di metodi che, almeno a parole, vengono condannate anche a Tirana e a Mosca. Guerrigliero è chi affronta il nemico in uniforme, e lo uccide, suscitando intorno al suo cadavere una guerra di popolo. Chi gioca indiscriminatamente sui cadaveri è un banale assassino e come tale dovrà essere trattato dai governi, dalle polizie e dalle opinioni europee».

Personalmente, posso andare d´accordo con Bettiza. Ma la realtà delle cose è tutt´altra. Credo che sia giusto chiamare «terrorista» il palestinese che confeziona un pacco esplosivo: ma credo sia giusto anche chiamarlo «guerrigliero». Non si tratta di aggiustare il tiro al vocabolario, si tratta di prendere atto che la guerra, qualunque guerra, se ne infischia, ormai, delle patenti di nobiltà. Se continuiamo a chiamare «guerra» il terrorismo dei bombardieri americani, perché non dovremmo chiamare «guerriglia» un´azione criminosa individuale? La tragedia che sta vivendo il mondo contemporaneo si racchiude tutta in questa atroce domanda.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La paura della guerra, ieri e oggi
Gli amerciani allarmati dall'offensiva del "Tet"
Il Report della BBC del 31 gennaio 1968
di AA.VV. su BBC News del 31/01/2007
Dall´andamento della guerra alle ripercussioni sulle elezioni, i dialoghi interni all´amministrazione. Identici a quelli di oggi
Un Vietnam che ricorda l´Iraq ecco le carte segrete di Nixon
Tolto il segreto su 50 mila documenti degli anni 70
di Vittorio Zucconi su La Repubblica del 18/11/2005

Uno sguardo all'attualità

Articoli in archivio

«Ora mille Nassiriya» Tutti contro i Cobas. La sinistra: orribile
Prodi: vergogna. Bertinotti: non ci sono scusanti Ma il centrodestra all’Ulivo: ecco i vostri alleati
di Roberto Zuccolini su Corriere della Sera del 05/06/2004

News in archivio

Nuovo appello di Benedetto XVI a israeliani e Hezbollah perchè abbandonino le armi
Medio Oriente: il Papa chiede il cessate il fuoco "Al via dialogo per pace duratura"
Il pontefice ha anche chiesto alle organizzazioni umanitarie di far pervenire aiuti ai civili colpiti
su La Repubblica del 23/07/2006

In biblioteca

di Amos Oz
Feltrinelli Editore, 2009
di Giulietto Chiesa
Edizioni Nottetempo, 2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0