Da La Repubblica del 14/01/2005

Creato dopo l'11 settembre, il programma si rivela un fallimento. Andr buttato e riscritto. Era costato 170 milioni di dollari

Fbi, finisce nella spazzatura il nuovo software antiterrorismo

di AA.VV.

Approfondimenti / DOSSIER


 
Il caso Inslaw, neoconservatori corrotti ed il network del terrore mondiale
L'omicidio di Danny Casolaro
di Roberto Bortone

Il corpo del giornalista Danny Casolaro fu trovato disteso sul pavimento di un motel in West Virginia nel pomeriggio del 10 agosto 1991. Su entrambi i polsi presentava sette tagli molto profondi. Casolaro stava lavorando ad un libro, provvisoriamente intitolato "The Octopus", nel quale aveva accuratamente riportato i misfatti del Dipartimento di Giustizia sotto l'amministrazione Regan. Il manoscritto, o meglio l'unico manoscritto di quel libro sparito. Al suo posto, vicino al corpo, stato trovato un biglietto che motivava il suo gesto. A distanza di quindici anni da quel tragico "suicidio", vogliamo qui ripercorrere le tappe dell'inchiesta coraggiosamente portata avanti da Casolaro.
WASHINGTON - Un sofisticato e costosissimo software antiterrorismo ordinato dall'Fbi dopo l'11 settembre si è rivelato totalmente inadeguato: la polizia federale statunitense si vedrà probabilmente costretta a sostituirlo, perdendo i 170 milioni di dollari (circa 130 milioni di euro) investiti per la sua realizzazione.

Nelle intenzioni dell'Fbi, il software avrebbe dovuto permettere agli agenti di condividere informazioni in tempo reale, risolvendo così una delle principali criticità emerse durante gli attacchi alle Torri Gemelle di New York. Il "Virtual Case File", questo il nome del programma, si è invece rivelato antiquato e insoddisfacente.

A quanto pare, gli agenti si sono presto accorti che solo una piccola parte del software faceva il suo dovere. Per non perdere tutti i soldi investiti, l'Fbi tenterà di salvare almeno le parti buone del programma, sostituendo il resto. Ma secondo molti ci sarà bisogno di un sistema completamente nuovo.

Il direttore dell'Fbi, Robert Mueller, si è detto "frustrato" per l'accaduto. Questo è solo l'ultimo di una serie di intoppi incontrati dall'agenzia nel suo tentativo di oliare i suoi meccanismi, apparsi arrugginiti di fronte agli attentati terroristici del 2001. Mueller ha spiegato che il problema deriva principalmente dal fatto che si stanno tentando di aggiustare troppe cose, tutte insieme. "E' come cambiare una gomma mentre la macchina va a 100 all'ora", ha detto. D'ora in avanti, ha aggiunto, gli aggiustamenti verranno fatti per gradi.

L'Fbi aveva deciso di rivedere il sistema di condivisione delle informazioni nell'agenzia dopo aver scoperto l'esistenza di un documento interno che, fin da luglio 2001, segnalava la presenza negli Stati Uniti di terroristi pronti a sferrare un attacco su vasta scala dirottando aerei civili. Il rapporto era stato inviato al quartier generale dei federali, ma era stato notato solo dopo gli attacchi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A 17 anni dall'omicidio del giornalista ultimo tentativo di evitare l'archiviazione
Delitto Rostagno, caccia ai video spariti. La sorella: "Riaprite l'inchiesta"
I nastri sarebbero stati portati via dai killer: "Sono la chiave del mistero"
di Attilio Bolzoni su La Repubblica del 04/01/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0