Da La Repubblica del 19/02/2005

"Processate Mori e Ultimo"

Il giudice: non perquisirono il covo di Riina

La decisione del Gup nonostante le ripetute richieste di proscioglimento dei pm di Palermo. Il processo si terrà il 7 aprile
L´accusa per il generale e l´ex capitano che arrestarono il boss è di favoreggiamento alla mafia
Quando i carabinieri entrarono 19 giorni dopo, la villa era già stata "ripulita"

di Francesco Viviano

Articolo presente nelle categorie:
Storia del crimine organizzato in Italia1. Mafia
PALERMO - Il numero uno dei servizi segreti italiani, l´ex generale dei carabinieri ora capo del Sisde Mario Mori, e l´ex capitano "Ultimo", Sergio De Caprio, adesso colonnello ma al Nucleo Operativo Ecologico, saranno processati con l´accusa di favoreggiamento a Cosa nostra. Compariranno sul banco degli imputati nel palazzo di giustizia di Palermo, il 7 aprile. Lo ha deciso ieri il giudice dell´udienza preliminare, Marco Mazzeo, a conclusione di un tira e molla tra la procura, che per due volte aveva chiesto l´archiviazione dell´indagine, e l´ufficio del Gip che ne chiedeva invece il processo. Per il Gup i due sono responsabili di non avere perquisito nel gennaio del 1993 il «covo» di Totò Riina subito dopo il suo arresto, avvenuto il 15 gennaio, e neppure nei 19 giorni successivi. E quando lo fecero, non trovarono nulla.
La villetta di via Bernini 15 era pulita come uno specchio. Prima dell´irruzione dei carabinieri, sostiene l´accusa, quella casa era stata «ripulita» da cima a fondo dai fedelissimi di Riina. Non solo: la moglie e i figli di Riina si allontanarono indisturbati da quella casa facendo ritorno a Corleone. Si portarono via pure i mobili. E nessuno vide nulla. Per questo saranno processati, il capo del Sisde Mori ed il colonnello De Caprio.
Alcuni pentiti, e tra questi Giovanni Brusca, riferirono ai magistrati che quel covo probabilmente non fu perquisito perché i carabinieri «temevano che all´interno potesse trovarsi traccia del papello, e cioè tracce relative alla presunta trattativa che l´allora colonnello Mori avrebbe intavolato con il defunto ex sindaco di Palermo, Vito Ciancimino, al quale i carabinieri, subito dopo le stragi Falcone e Borsellino del 1992, si erano rivolti per arrestare Totò Riina e Bernardo Provenzano. Mori e De Caprio hanno sempre respinto queste accuse e, con varie motivazioni, hanno sostenuto che la mancata perquisizione fu frutto di una «incomprensione» tra procura e carabinieri del Ros. Dopo alcuni anni, sulla base delle dichiarazioni dei pentiti, la procura aprì un´inchiesta e, pur sostenendo le presunte «colpe» dei due indagati, ne chiese l´archiviazione. Il Gip Vincenzina Massa ritenne invece che bisognava continuare ad indagare. I Pm Antonino Ingroia e Antonino Prestipino riaprirono l´inchiesta e, per la seconda volta, ne chiesero l´archiviazione perché non sarebbe stata accertata «l´inspiegabile condotta dei vertici operativi del Ros». Ma anche questa volta il Gip respinse la richiesta dei pubblici ministeri chiedendo l´«imputazione coatta» di Mori e De Caprio.
Così accadde e l´indagine approdò al Gup Mazzeo che, dopo due udienze, ieri ha disposto il rinvio a giudizio del capo del Sisde e del capitano «Ultimo». Mori e De Caprio erano presenti alla sentenza. Poco prima il generale Mori, conversando con i giornalisti, osservava: «Da 40 anni servo lo Stato, ho arrestato con i miei uomini Riina, i Caruana, i Marchese e tanti altri mafiosi e prima ancora ero stato impegnato nella lotta al terrorismo. Adesso mi ritrovo qua». Gli amici palermitani di "Ultimo" dicono che «è sereno, nonostante l´amarezza». Che ripete: «Bisogna andare avanti a combattere la mafia e l´ingiustizia che la sostiene».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

News in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo pap". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa l'industria italiana che risulta pi produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0