Da Il Manifesto del 12/11/2004

«Fermate il massacro»

Appello per Falluja di Mohamed Alla: Italia, ritira le truppe dall'Iraq

di Giuliana Sgrena

Articolo presente nelle categorie:
Il mondo in guerra: ieri, oggi, domaniIeriLe guerre del Golfo
Il massacro di Falluja continua. Ne parliamo con Mohamed Alla del Centro studi per i diritti e la democrazia di Falluja, a Roma per partecipare all'incontro «Costruire ponti di pace».

Quali sono le ultime notizie?

Continuano i bombardamenti. All'inizio dell'attacco in sole 24 ore sono state sganciate sulla città 25 bombe a grappolo. Si usano armi proibite.

La resistenza ha avanzato al governo iracheno una proposta di negoziato...

Le varie componenti della resistenza esprimono la loro disponibilità a trattare per trovare una soluzione pacifica. La gente di Falluja vuole la pace per salvaguardare la propria vita, ma anche quella dei soldati iracheni che si trovano in mezzo e anche degli americani manipolati e costretti a simili azioni.

Inoltre sembra impossibile arrestare l'avanzata delle truppe con armi sofisticate e la resistenza sembra voglia evitare un bagno di sangue...

Noi non misuriamo il grado di resistenza sulla base della qualità e quantità tecnica e militare, ma sulla base della fede in dio onnipotente. Un uomo con un Rpg in spalla come può far fronte alla tecnologia militare? La resistenza può essere militare o morale. La resistenza non è debole, ha varie opzioni e non le ha ancora utilizzate tutte. I bombardamenti non sono mirati perché quello che vuole colpire il governo iracheno è il simbolo della resistenza. Ma qualsiasi sarà l'esito della battaglia, ci saranno altre Falluja, già si parla di Mosul, Baquba, Ramadi. Il nostro auspicio è che il governo iracheno cambi atteggiamento e rispetti il suo compito istituzionale: salvare la vita degli iracheni. Una parte del governo non è per la soluzione militare.

Ma non riesce ad imporsi...

C'è un «complotto» contro Falluja perché un accordo era stato raggiunto dalla delegazione (Mohammed Alla ha fatto parte della delegazione di rappresentanti di Falluja che hanno negoziato con il governo, ndr) con il ministro della difesa iracheno, erano stati definiti tutti i punti: ritorno alla supremazia del diritto con il ripristino della Guardia nazionale; le truppe Usa non sarebbero entrate a Falluja; ritorno degli sfollati con incentivi economici e risarcimento per le distruzioni dello scorso aprile. I rappresentanti di Falluja si impegnavano a ristabilire un clima di fiducia verso il governo, e, dopo un periodo da concordare, la consegna delle armi e l'allontanamento dalla città di combattenti stranieri.

Ma poi tutto è saltato...

Quando è arrivato Rumsfeld e ha posto la condizione impossibile: la consegna di Zarqawi. Prima gli americani hanno fatto la guerra perché dicevano che Saddam aveva le armi di distruzione di massa, che non c'erano, poi hanno chiesto la consegna di Zarqawi, ora che sono entrati a Falluja dicono che Zarqawi è fuggito, ma da dove è scappato se eravamo assediati?

Anche l'appello di Kofi Annan è stato ignorato, nemmeno l'Onu riesce ad avere un ruolo.

Quando abbiamo incontrato il rappresentante dell'Onu avevamo chiesto oltre a un appello per fermare i massacri anche un ruolo attivo dell'Onu di mediazione tra il governo e i rappresentanti di Falluja. Kofi Annan ha risposto solo alla prima richiesta».

Dal convegno di Roma Alla lancia un appello: «alzate la vostra voce per fermare lo spargimento di sangue. Dovete chiedere il ritiro delle truppe italiane perché danno una immagine negativa dell'Italia. Noi vi vogliamo come amici e non come occupanti. Ci dispiace per i 19 italiani uccisi a Nassiriya, avete pagato per gli errori Usa.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Raccontare il conflitto in Iraq è diventata, per i media, un'impresa più letale di quelle toccate alle precedenti generazioni di reporter di guerra
Iraq, uccisi più giornalisti che in Vietnam e nella Seconda Guerra mondiale
di . Redazione su Ansa del 12/06/2006
Fu una Lawrence d'Arabia in gonnella. Ma i suoi errori commessi a Bagdad si ripetono oggi
La lezione di Gertrude Bell: guai a chi tocca l'Iraq
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 23/03/2006

News in archivio

13 febbraio 1991, Bagdad: la strage annunciata
Quindici anni fa i bombardieri americani facevano strage di civili a Bagdad
Circa 400 civili, quasi tutti donne e bambini, muoiono all'interno del bunker in cui avevano trovato riparo. Gli USA, responsabili dell'attacco, diranno che si trattava di un obiettivo militare
su mondoacolori.org del 13/02/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0