Da Granma International Digitale del 11/05/2005

Posada ricatta Bush, dice un esperto del caso Kennedy

di Jean-Guy Allard

Articolo presente nelle categorie:
Il mondo in guerra: ieri, oggi, domaniIeriLe guerre del Golfo
WIM Dankbaar, uno specialista olandese sull’assassinio di John F. Kennedy, sospetta che Luis Posada Carriles dispone di prove molto incriminanti contro Bush padre che, nel caso di una sua scomparsa sospetta verrebbero diffuse.

In un’intervista con Granma Internacional, Wim Dankbaar,

che ha finanziato nuove investigazioni sulla morte di Kennedy, con la collaborazione di agenti pensionati del FBI, non ha nascosto la sua sorpresa di fronte alla riapparizione del terrorista internazionale Luis Posada Carriles a Miami... Che non riesco a comprendere!

Sono decisamente stupefatto e anche di più, per l’apatia dei mezzi di comunicazione. Perchè la stampa non dice che quest’uomo non è stato amnistiato dopo aver provocato la morte di 73 persone, ma che è scappato ed è sempre un terrorista ricercato?"

Dankbaar ha realizzato un documentario sull’assassinio di Kennedy che si intitola Second Look e ricorda come uno dei tre individui arrestati dalla polizia di Dallas poco dopo il crimine, disse che Posada Carriles si trovava a Dealey Plaza, nella stessa città e nello steso momento dell’omicidio.

L’esperto olandese afferma che Chauncey Holt, uno dei tre presunti vagabondi arrestati che in realtà erano sicari della mafia travestiti, testimoniò sui fatti in un video di due ore registrato poco prima della sua morte e mai diffuso.

In questo documento, racconta Dankbaar, Holt ha nominato alcuni cubano americani tra i quali Posada Carriles. Egli ha identificato gli altri due vagabondi come Charles Rogers e Charles Harrelson.

"Harrelson è un sicario condannato all’ergastolo per un altro assassinio ed è anche il padre dell’attore di Hollywood, Woody Harrelson."

Chauncey Holt aveva lavorato agli ordini di Meyer Lansky, il famoso capo della banda ebrea mafiosa di New York, alleata alla famiglia di Lucky Luciano negli USA e a Cuba e di Pete Licavoli, un altro capo mafioso nordamericano.

"Però Holt, dice l’esperto, era anche un operativo della CIA. Egli ricevette le istruzioni per Dallas dal suo supervisore Undercover Philip Twombly del Banco Fullerton, in California; quelle istruzioni erano specifiche per preparare e consegnare le credenziali a un nemico di Castro molto arrabbiato che si chiamava Homer Echevarría ed era un socio del capo mafia Paulino Sierra.

Holt ha raccontato anche come prepararono le carte di identità per Lee Harvey Oswald, Lee Henry Oswald, Leon Oswald, Leon Osborne e Alek Hidell.Holt andò a Dallas partendo dal ranch di Licavoli, in Arizona, accompagnato da Leo Moceri e Charles Nicoletti, due sicari dei capi mafia Giancana e Licavoli. La testimonianza di Holt sul complotto contro J. F. Kennedy è una prova della collaborazione tra la CIA, il crimine organizzato e la mafia cubano americana, con il consenso di elementi del governo nordamericano al più alto livello ha affermato lolandese.

Dankbaar ha segnalato che nella biografia del capo mafioso Sam Giancana scritta dal fratello di costui, si parla del ruolo giocato da due amici delle capo mafia dellAvana Santos Trafficante. Uno poteva essere Posada Carriles, in accordo con le descrizioni offerte.

Linvestigazione finanziata da Dankbaar è stata diretta dal detective in pensione Zack Shelton, che ha lavorato per 28 anni con il FBI soprattutto a Chicago e a Kansas City. Second Look presenta i risultati di quella investigazione.

In accordo con Dankbaar, la presenza a Dallas di vari piccoli gruppi di individui legati sia alla mafia italiana che alla cupola cubano - batistiana - americana si spiega con la divisione in compartimenti applicata dalla CIA nelle sue operazioni.

Oltre a Posada fu segnalata a Dealy Plaza la presenza di altri operativi, i noti cubano americani della CIA come Frank Sturgis e Orlando Bosch.

Dankbaar non scarta l'ipotesi secondo la quale Posada Carriles fu uno dei franco tiratori che spararono a Kennedy. Egli indica che il presidente cubano aveva segnalato, in un intervento, che Posada Carriles usava il nome in codice di El Cazador e aveva un certificato di franco tiratore esperto rilasciato da un'accademia militare nordamericana dove aveva ottenuto il grado di tenente, stando a un documento oggi reso pubblico.

Posada Carriles nel 1990 in Guatemala fu attaccato e gravemente ferito. "Io credo che si stata opera della CIA ...questo individuo sa troppe cose e non credo che i esagerato pensare adesso che si sia procurato qualche tipo di assicurazione!" ha detto l'esperto.

Va ricordato che Barry Seal, il narcotrafficante e operativo nello scandalo Iran - Contras fu assassinato.

Se uno crede al suo avvocato, Seal era in contatto diretto con George Bush padre e il numero di telefono personale di Bush fu incontrato nel portabagagli della sua macchina. Il Cartello di Medellin fu accusato dell'omicidio, ma lui doveva andare a testimoniare e c'erano rumori che Seal avesse un nastro registrato su Jeb e George W. Bush!

L'esperto olandese ha citato anche il caso di David Morales: È un altro assassino della CIA coinvolto nell'uccisione di J.F.K ed è morto in circostanze sospette... aveva un sistema di allarme a casa sua, ma non contro i ladri. Aveva confessato a un amico mi preoccupa la mia gente perchè so troppe cose. È possibile così che Posada Carriles oggi posa ricattare l'amministrazione Bush!"

Non mi sorprenderei nemmeno se gli concedessero l'asilo politico... il fatto che il nuovo capo della CIA sia l'ex operativo della stessa agenzia, Porter Goss, che ha partecipato alle azioni terroriste contro Cuba dalla stazione JM/WAWE forse non facilita il rientro negli USA di Posada?

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Raccontare il conflitto in Iraq è diventata, per i media, un'impresa più letale di quelle toccate alle precedenti generazioni di reporter di guerra
Iraq, uccisi più giornalisti che in Vietnam e nella Seconda Guerra mondiale
di . Redazione su Ansa del 12/06/2006
Fu una Lawrence d'Arabia in gonnella. Ma i suoi errori commessi a Bagdad si ripetono oggi
La lezione di Gertrude Bell: guai a chi tocca l'Iraq
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 23/03/2006

News in archivio

13 febbraio 1991, Bagdad: la strage annunciata
Quindici anni fa i bombardieri americani facevano strage di civili a Bagdad
Circa 400 civili, quasi tutti donne e bambini, muoiono all'interno del bunker in cui avevano trovato riparo. Gli USA, responsabili dell'attacco, diranno che si trattava di un obiettivo militare
su mondoacolori.org del 13/02/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0