Da Corriere della Sera del 27/05/2005

Tobagi, la dignità di chi vuole soltanto capire

di Enzo Biagi

Di certi fatti drammatici, che hanno segnato anche la tua vita, vengono in mente particolari che possono sembrare insignificanti e trascurabili. I terroristi uccisero Walter Tobagi nello stesso giorno in cui usciva un suo libro. Forse non lo aveva neppure visto stampato. Quel giorno pioveva, e un oste pietoso aveva coperto quel corpo immobile sul marciapiede con una tovaglia.
Qualcuno ha scritto: «Il sangue nella storia asciuga in fretta». Forse, ma non nella memoria dei superstiti di una stagione crudele. Ricordo che in quel tempo ero sempre accompagnato dalla Digos e, una volta, fui giustamente rimproverato perché ero andato in giro da solo. Sono passati venticinque anni da quella impresa dei terroristi: tra i componenti della Brigata «XXVIII Marzo» c’erano i figli di un dirigente editoriale e di un giornalista. Si pentirono e se la cavarono con tre anni di detenzione. Mi auguro per loro solo il tormento del rimorso fino al giorno in cui dovranno presentarsi al tribunale di Dio.
Che non partecipa a certi sconci giochi delle parti, per cui Salò e piazzale Loreto sono solo simboli: per terra sono rimasti cadaveri. Quelli che spararono a Walter erano soltanto degli assassini non dei combattenti, magari per una causa apparentemente nobile, ma nei fatti abietta. Spacciarono perfino una «rivendicazione»: «Abbiamo ucciso un servitore dello Stato».
L’imbecillità non è un reato: chi serve lo Stato rende un servizio allo Stato. Cioè a tutti. La Brigata «XXVIII Marzo » puntò su una creatura mite e sognatrice di un mondo più giusto che si batteva contro la prepotenza e l’ipocrisia che dominano ancora nella società. Walter Tobagi era un cattolico impegnato anche nella vita parrocchiale: la sua vicenda drammatica profuma di un tempo in cui la messa, le vigilie, la comunione, almeno a Pasqua, erano nelle famiglie ricorrenze da rispettare come dei doveri. Ma era soprattutto un giornalista, uno storico, uno che si occupava della nostra «difficile» categoria, un uomo buono, se posso usare parole inattuali.
La sua unica colpa era stata quella di cercare che cosa c’era dietro alle Brigate Rosse e che cosa le ispirava, cosa volevano. Stella Tobagi, la sposa, racconta che ha imparato a vivere coi ricordi. Sono i l solo conforto quando non si può costruire o inventare una vita a due. Giangiacomo Schiavi ha scritto che «quella di Walter e di Stella è la storia di un amore spezzato che non è mai finito».
Ed ora la moglie e i figli debbono sentire, nella tristezza del rimpianto, che la memoria di Walter, in chi lo ha conosciuto, lascia un segno di dignità e di pulizia in questa travagliata e confusa stagione che stiamo vivendo. La sera prima che lo uccidessero aveva partecipato a un dibattito su informazione e terrorismo. Concludendo il suo intervento aveva detto: «E adesso vediamo a chi toccherà». La Bibbia dice: «Beato l’uomo perché non conosce la sua sorte».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A 29 anni dal rapimento parla uno dei più stretti collaboratori dello statista ucciso dalle Br: venne sacrificato per la ragione di Stato e del partito
«E Piccoli disse: se Moro torna sono dolori»
I ricordi di Corrado Guerzoni: la Dc seguì il Pci, e non fece nulla per salvarlo
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 16/03/2007
LA LETTERA. Una lettera del presidente della Repubblica al nostro giornale. Il capo dello Stato chiede più attenzione nell'informazione televisiva
Ex br in tv, chiedo rispetto per le vittime del terrorismo
di Giorgio Napolitano su La Repubblica del 13/03/2007

News in archivio

La donna, braccio destro di Mario Moretti, condannata diversi ergastoli. Quasi tutti i parenti delle vittime si erano detti contrari alla scarcerazione
Br, libertà condizionata alla Balzerani partecipò al commando che sequestrò Moro
su La Repubblica del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0