Da La Repubblica del 02/07/2005

Tre arresti e 24 indagati in tutta Italia

Una polizia illegale contro il terrorismo

di Massimo Calandri

Articolo presente nelle categorie:
Servizi segreti, spie e dintorniServizi Segreti italiani
Una nuova Gladio «istituzionalizzata», come dicevano gli stessi aderenti, che tra gli obiettivi principali aveva la protezione del Papa, la caccia agli eversori islamici e a latitanti come Cesare Battisti, il monitoraggio di tutti i luoghi frequentati dagli extracomunitari, il reperimento di fondi attraverso organismi internazionali (era appena stata inoltrata alla Ue la richiesta di un finanziamento di 32 milioni di euro). Indagando sui reclutatori di Fabrizio Quattrocchi, il body-guard genovese sequestrato ed ucciso in Iraq lo scorso anno, la Procura del capoluogo ligure ha scoperto un' organizzazione che aveva dato vita ad una sorta di polizia «parallela» illegale, specializzata in indagini sull' eversione e nata all' indomani della strage alla stazione madrilena di Atocha. Il Dipartimento Studi Strategici Antiterrorismo, inquietante combriccola composta da una trentina fra carabinieri, poliziotti, guardie carcerarie, finanzieri, militari in congedo e non, professionisti del depistaggio come Elio Ciolini alcuni dei quali con un passato in Gladio (Antonino Arconte), era guidato da Gaetano Saya e Riccardo Sindoca, fondatori del Nuovo Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale. I due sono da ieri agli arresti domiciliari nelle abitazioni di Firenze e Pavia, la Digos genovese ha compiuto 26 perquisizioni in dieci regioni italiane. Ventiquattro gli indagati per associazione a delinquere finalizzata all' usurpazione di pubbliche funzioni e - nel caso degli undici appartenenti alle forze dell' ordine - per aver rivelato notizie contenute nella banca-dati del Ministero dell' Interno. In serata è stato arrestato a Milano un poliziotto affiliato alla Dssa, trovato con una pistola con matricola abrasa ed una mappa della città suddivisa per etnìe. Pattugliamenti, ispezioni, interrogatori, contatti con i servizi segreti, che però li hanno sempre tenuti alla larga. Tre le città nel mirino: Milano, Firenze, Roma. La polizia «parallela» indagava mostrando placche, usando lampeggianti e palette, violando le banche dati del ministero. Nel mirino le comunità mussulmane, le macellerie islamiche, i luoghi di aggregazione dei cittadini stranieri, i loro negozi. Venivano redatti rapporti da inviare ai servizi segreti, alla magistratura, alla polizia giudiziaria, o da mostrare ai giornalisti per strappare un riconoscimento ufficiale. Quando i pm Francesca Nanni e Nicola Piacente interrogavano Luigi Valle, amico di Quattrocchi reduce da Bagdad, non immaginavano che da lì a poco il contractor sarebbe stato contattato dalla Dssa con altri reduci come Cristiano Meli. I magistrati volevano fare chiarezza sull' arruolamento del body-guard, e si sono trovati di fronte i crociati delle nuove «legioni» anti-islamiche, della nuova Gladio.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Black R.O.C.
La vera storia del Raggruppamento Operativo Centrale, il buco nero da cui passano i fondi destinati all’attività dei Servizi italiani.
di Norberto Breda su La Voce della Campania del 20/07/2007
Sentenza definitiva per l'ex numero tre del Sisde. Sarà rinchiuso nel carcere militare. Dopo 15 anni la Corte si pronuncia sulle accuse sostenute dai boss Buscetta e Brusca
Contrada, la Cassazione conferma: dieci anni per concorso esterno alla mafia
L'ex 007: "Spero che qualcuno si pentirà del male che mi ha fatto. Un giorno la verità sarà ristabilita".
di AA.VV. su La Repubblica del 10/05/2007

News in archivio

Il "sì" definitivo dalla commissione Affari costituzionali del Senato. lunedì la Camera aveva portato da 8 a 10 il numero dei membri del Copaco
Approvata la riforma dei Servizi segreti. Napolitano: "Felice per il voto unanime"
su La Repubblica del 01/08/2007
La riforma approvata all'unanimità. Due "Agenzie" al posto di Sismi e Sisde. Più potere al Copaco, guidato per legge dall'opposizione. Ora si torna alla Camera
Il Senato vara la riforma dei Servizi. Più facile revocare il segreto di stato
su La Repubblica del 25/07/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0