Da Aljazira del 11/07/2005
Originale su http://www.aljazira.it/index.php?option=content&task=view&id=6...

Londra, terroristi, "avvertimenti"

Londinesi in strada subito dopo le esplosioni

di Maurizio Blondet

Ai lettori che chiedono notizie sugli attentati di Londra dell'8 luglio, suggerirei di alzare lo sguardo oltre le immancabili rivendicazioni di "Al Qaeda" e della Brigata Al-Masri.
Portiamoci a qualche giorno prima: 5 luglio.
La scena: Roma, Italia.
Nel programma mattutino di RaiNews24, appare dal passato remoto Giovanni Galloni, già vicesegretario della DC e vicepresidente del Consiglio Supremo della Magistratura.
E racconta: pochi giorni prima di essere rapito, Aldo Moro mi disse: "ho per certo la notizia che i servizi segreti sia americano sia israeliano hanno degli infiltrati all'interno delle Brigate Rosse, però non siamo stati avvertiti di questo; se fossimo stati avvertiti, probabilmente i covi li avremmo trovati".

Poi parla di Mino Pecorelli, il giornalista di OP anche lui trucidato da Al-Qaeda – pardon, dalle Brigate Rosse: "Pecorelli aveva preannunciato sulla sua agenzia che il 15 marzo si sarebbe verificato un fatto gravissimo in Italia".
Moro fu rapito il 16 marzo 1978, ma Galloni dice: "sapemmo poi che Moro doveva essere sequestrato il giorno prima, Pecorelli aveva imbroccato… E io faccio risalire l'uccisione (di Pecorelli) al fatto che minacciasse di rivelare la fonte di quelle notizie. Fu fatto fuori scientificamente, probabilmente da servizi".

Il lettore ha diritto di chiedere: ma cosa c'entrano gli attentati a Londra con Moro e le Brigate Rosse?
Ma forse c'entra.
Forse Galloni è uscito allo scoperto dopo quasi trent'anni con le sue rivelazioni per dare un "avvertimento" a chi di dovere: sappiamo che siete i mandanti di quel che "sta per succedere", come foste allora i mandanti delle Brigate Rosse.
Tali avvertimenti hanno un senso nei rapporti tesi fra servizi segreti.
Forse Galloni stava tentando di sventare quell'attentato che "Al-Qaeda" minaccia di fare anche in Italia, minacciando di rivelare "la fonte" vera del terrore?

Perché la nuova fase di attentati "islamici" è cominciata, andava rinfrescato l'orrore – l'11 settembre è ormai lontano – e bisogna dare nuovi motivi all'imminente avventura contro l'Iran.
Lo ha detto alla Fox News la fonte più certa: Juval Aviv, esperto israeliano di terrorismo, uno dei capi del Mossad ed oggi privato gestore di "sicurezza".
"Prevedo imminenti attacchi in USA, al massimo entro 90 giorni", ha profetizzato Aviv, come se guardasse nella sfera di cristallo.
Ed ha parlato di attacchi indiscriminati contro la popolazione comune, proprio come quelli di Londra, "in sei, sette, otto città simultaneamente, e non solo le grandi città". I terroristi "arabi", ha detto Aviv, vogliono terrorizzare la popolazione e mostrare la loro geometrica potenza con stragi simultanee.

Ci sono avvertimenti ante-factum e post-factum.
Qui a Londra Robin Cook, l'ex ministro degli Esteri laburista, che si dimise per protesta contro l'aggressione all'Iraq di Tony Blair, ha scritto sul Guardian dell'8 luglio – a cose fatte – quanto segue: "per quanto ne so io, 'Al-Qaeda' (letteralmente "La Base") è originariamente il nome di una database del governo USA.
Con i nomi di migliaia di mujaheddin arruolati dalla CIA per combattere contro i russi in Afghanistan".
Nella lista c'erano nomi che saltano fuori anche adesso: fra cui quello di Abu Hafs detto "al Masri" (l'egiziano), ai tempi accusato dell'attentato a Sadat, braccio destro di bin Laden e a lui congiunto per matrimonio.

Fatto strano, proprio in quelle ore la strage di Londra veniva rivendicata dalla fantomatica "Brigata Al Masri".
E Cook non è uno qualunque: è stato anche uno dei controllori dei servizi segreti britannici.
Nella sua posizione di socialista perdente, ricorda un po' Rino Formica.
Che c'entra?
C'entra.
Quando avvenne l'attentato alla stazione di Bologna, Rino Formica disse che gli autori venivano da "un piccolo Paese medio-orientale" che ci vuol mettere in cattiva luce presso gli americani.
Poi si chiuse nel silenzio.
Anche Galloni si è ri-murato nel suo trentennale silenzio.
Fatti strani.

Come la notizia apparsa a Londra: Bibi Netanyahu, ministro ed ex premier israeliano era qui, ed è stato avvertito in anticipo dai servizi israeliani di non uscire dall'albergo nel giorno fatale.
Notizia subito corretta: i servizi non l'hanno avvertito "prima", ma "subito dopo" l'attentato.
Come la rivendicazione di "Al Qaeda", la prima.
E' apparsa sul sito di un dottor Saad Al-Faqih, saudita.
Uno che sostiene di essere un "riformatore democratico" del regno dei Saud, che si è presentato per anni come una specie di Chalabi saudita, vantando buoni contatti con gli USA.
Oggi, da dicembre, gli USA lo hanno messo nella lista dei terroristi.
E Al Faqih continua ad abitare indisturbato a Londra.
E il suo sito fa capo ad un server di Houston, Texas.

Fatti strani.
Da collegare anche con il sequestro a Milano, da parte di agenti USA, del povero imam egiziano.
C'è chi dice che fosse un informatore dei nostri servizi, in difficoltà dopo l'uccisione di Calipari, che teneva le fila della rete di informazione in Iraq.
C'è chi dice che ci sia stato sottratto così un testimone prezioso, essenziale.
Fatti strani.
Avvertimenti.
Grandi manovre sanguinose.
Perciò non aspettatevi notizie da Scotland Yard.
Qui a Londra, gli investigatori raccolgono indizi minimi, e confessano di non avere nulla di certo in mano.
E' difficile trovare prove, non si cercano – non si "devono", non si vogliono cercare - nella direzione giusta.
Magari nella direzione di una "false flag operation", di cui sono maestri gli agenti di un piccolo paese del Medio Oriente.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Br, 25 anni di successi e ombre
I pentiti: da Buscetta alla Banelli
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/07/2005

News in archivio

La donna, braccio destro di Mario Moretti, condannata diversi ergastoli. Quasi tutti i parenti delle vittime si erano detti contrari alla scarcerazione
Br, libertà condizionata alla Balzerani partecipò al commando che sequestrò Moro
su La Repubblica del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0