Da Corriere della Sera del 24/09/2005

Il senatore a vita sul caso De Pedis: è una storia alla Agata Christie

Intervista a Giulio Andreotti sul caso De Pedis

Il Senatore a vita, "Il boss nella cripta? Spostarlo non sarebbe rispettoso”

di Andrea Garibaldi

ROMA — Senatore Andreotti, cosa pensa di Enrico De Pedis, detto Renatino, leader della banda della Magliana, sepolto nella basilica di Sant'Apollinare, vicino piazza Navona?
«Certo, è singolare. Non so-no tante le sepolture recenti in chiesa. Mi ricordo il cardinale Clemente Micara, vicario di Roma, morto nel '65 e seppellito in Santa Maria sopra Minerva. E i Borghese, che hanno una cappella in Santa Maria Maggiore. E De Gasperi, che sta a San Lorenzo fuori le Mu-ra, ma nell’atrio...».

De Pedis che c'entra?

«L'unica spiegazione e che fosse un benefattore della chiesa».
E' proprio ciò che disse al cardinale vicario Ugo Poletti, nel marzo l990, il rettore di Sant'Apollinare, monsignor Vergari.

«Ecco, magari non era proprio un benefattore per tutti. Ma per Sant'Apollinare si».

Tra 1'altro, era stato già sepolto al Verano e lo dovettero estumulare.

«Chissà i permessi sanitari che hanno dovuto chiedere. Mi ricordo che per De Gasperi faticammo molto. Ma forse De Pedis, essendo morto ammazzato, presentava minori rischi infezioni».

Il fatto che fosse stato ucciso per la strada a colpi d'arma da fuoco non doveva allarmare il cardinale Potetti? II vicario invece diede il nulla osta per la sepoltura in chiesa. .

«Credo che il cardinale vicario potesse non sapere chi era davvero De Pedis».

Il giorno dopo la sua uccisione — 3 febbraio 1990 — il Corriere della Sera titolò: «Due killer per Enrico De Pedis, boss della mala romana, capo dei capi».

«Insomma, mi sembra una storia misteriosa. Alla Agata Christie».

Lei cosa dice, ora andrebbe portata via dalla chiesa, quella tomba?

«Seppellire i morti e sempre un gesto di misericordia. Uno spostamento andrebbe contro il rispetto dei morti. Ma si pub chiedere al Vicariato di dare tutte le spiegazioni».

Spiegazioni?

«E’ il Vicariato che diede 1'autorizzazione, il Vicariato che dovrebbe decidere l’eventuale spostamento e che potrebbe rispondere a tutti i perché. Ma c'è una cosa che non capisco».

Quale?

«Io non 1'ho conosciuto, ma cosa importava a uno come De Pedis di essere sepolto in basilica?».

Si era sposato lì e secondo la moglie aveva espresso questo desiderio.

«E faceva consistenti oboli».

Si

«Ciò gli sarà utile nell'altro mondo. Lassù non badano a ' dove si viene sepolti».

Nell'altro mondo terranno conto di tutte le attività di De Pedis?

«Penso di si. Qui esiste un'associazione che si chiama "Nessuno tocchi Caino". Manca però "Nessuno tocchi Abele"».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

CASO ORLANDI
Si accendono i riflettori sul giallo. I familiari: 'Riaprite quel fascicolo'
A 'Chi l'ha visto' l'appello dei fratelli di Emanuela, la quindicenne rapita nel 1983
di AA.VV. su Il Resto del Carlino del 21/02/2006
Il capo della Magliana è sepolto nella chiesa di Sant'Apollinare. "Chi l'ha visto?" riapre il giallo: una pista sul caso Orlandi
I nuovi misteri sul boss nella cripta da cardinale
di Andrea Garibaldi su Corriere della Sera del 12/09/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0