Da Corriere della Sera del 24/10/2005

Addio alla suora degli anni di piombo

Da Morucci a Franceschini, così Teresilla aiutò i br a diventare ex

Sergio Segio: "Lei non giudicava. Una figura assai rara di riconciliazione". Valerio Morucci, br: "Cercò di favorire un contatto tra noi e i familiari delle vittime".

di Falco Accame

La piangono molti ex-terroristi, e solo chi non è mai stato in una galera può trovarci qualcosa di strano.
Suor Teresilla, al secolo Chiara Barillà, è morta l´altra notte a Roma, investita da un´auto in via Ardeatina. Aveva 61 anni, era caposala nel reparto di chirurgia all´ospedale San Giovanni Addolorata. Per decenni ha assistito, con brusca franchezza calabrese, detenuti di ogni provenienza.
E, dagli anni Ottanta, ha cominciato a frequentare ex - terroristi. «Venne da me a Rebibbia nell´82 - ricorda Valerio Morucci, che era in carcere come protagonista del sequestro Moro - Venne per perorare la causa di un contatto fra noi e i familiari delle vittime. Questo era il suo obiettivo. E ci convinse, me e molti altri».
Suor Teresilla, quando i brigatisti la «scoprirono», faceva questo lavoro da vent´anni. «Era una che, a suo tempo, andava da Ghiani. Insomma, non è che avesse una preferenza per noi detenuti «politici». Lei non faceva distinzione», dice Morucci. Ma certo la sua missione, in quegli anni Ottanta, fu delicatissima. Teneva i contatti fra i brigatisti detenuti e alcuni esponenti democristiani, di primissimo piano: «Io non credo fosse una missione politica, la sua - continua Morucci - S´era messa in testa di far sì che i dc potessero capire meglio quello che era successo. Anche la Dc era una nostra vittima. Mi fece conoscere Remigio Cavedon, che se non sbaglio era il vicedirettore del Popolo». E fu a Suor Teresilla che Morucci consegnò il suo memoriale - era il 1990 - perché lo facesse avere a Francesco Cossiga, presidente della Repubblica.
Ma questo ruolo di tramite e messaggero, che pure le procurò qualche grana perché i magistrati si risentirono, non rende giustizia alla figura della suora. «Io la ricordo come una donna straordinaria, di profondissima umanità, una persona rara e, temo, insostituibile», dice Adriana Faranda, anche lei ex-brigatista. Non ha dimenticato il loro primo incontro: «Chiese di vedermi, e quando mi ebbe davanti chiese: "Ma tu sei Adriana?". Sì, risposi, sono io. E lei: "Tutto qui? E io chissà che me credevo...". Per dire che era anche dotata di un gran senso dell´umorismo, e di una vitalità straripante. Una donna brusca, diretta, sincera, che non cercava simpatia. E proprio questo me l´ha resa subito cara».
Suor Teresilla è morta, investita da una Renault Twingo, mentre accompagnava un pellegrinaggio al santuario del Divino Amore. Era buio. Il guidatore s´è fermato, ma non c´era più nulla da fare. Morucci dice ancora: «È morta com´era vissuta, sempre al lavoro. Lavorava sempre, non dormiva mai. Smontava dalla notte in ospedale, e invece di andare a riposarsi veniva in carcere. È morta di troppo lavoro come don Luigi Di Liegro, con cui aveva molto in comune». In quegli anni Ottanta la piccola suora calabrese cominciò ad allacciare rapporti fra i terroristi e i familiari delle vittime: «Fu un dialogo difficilissimo, quasi impossibile - racconta Morucci - Non è che si possa dire molto in questi casi. I familiari delle vittime cercavano ragioni di carattere morale che nulla avevano a che vedere con noi. Noi potevamo rispondere solo con enormi sensi di colpa. Ma il dialogo ci fu».
Dice Adriana Faranda: «Cercava di avviare un percorso che, secondo lei, sarebbe stato un balsamo per le sofferenze di tutti. Una volta, quando io ero già uscita dal carcere, mi accompagnò fuori Roma a incontrare il fratello di una delle vittime di via Fani. Anche dopo che molti di noi erano tornati in libertà, lei cercava di ricucire le lacerazioni. Aveva una sua esigenza di verità, e ci si dedicava. Non cercava conversioni, non poneva condizioni, e non si scoraggiava di fronte a risposte negative». Lei e suor Teresilla erano diventate amiche: «La andavo a trovare in ospedale, ci fecevamo gli auguri per le feste». Morucci l´aveva sentita tre giorni fa: «Era rimasta una profonda amicizia, che non aveva più nulla a che fare con il carcere. Era una persona che ti rimane come punto di riferimento».
Con tanti terroristi detenuti ha avuto consuetudine. Una volta Alberto Franceschini, davanti alla Commissione Moro, dichiarò: «Io scherzando dicevo che era dei servizi segreti vaticani. Una volta lei mi disse: «Se hai qualcosa da dire, scrivilo e io lo faccio avere a chi di dovere, non star lì a dirlo a giornalisti e magistrati». Un «lavoro» che usciva anche da Roma e dall´ambito brigatista: «Venne a trovarmi in carcere a Torino - ricorda Sergio Segio, ex-Prima Linea - accompagnata da Adolfo Bachelet, persona eccezionale. Suor Teresilla era molto simpatica, come spesso capita di trovare fra i religiosi. Attenta, capace di solidarietà, e non certo solo consolatoria. È stata una delle belle figure di quegli anni. Io apprezzavo il fatto che fosse un rapporto gratuito, lei non chiedeva e non giudicava. Una figura di riconciliazione, assai rara. Mi mancherà».
Morucci, ricordando di Suor Teresilla «l´estrema praticità, e la fede profonda, irremovibile», dice che lei rappresentava «la normalità del bene». Un bell´epitaffio, da chi ha conosciuto la banalità del male.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A 29 anni dal rapimento parla uno dei più stretti collaboratori dello statista ucciso dalle Br: venne sacrificato per la ragione di Stato e del partito
«E Piccoli disse: se Moro torna sono dolori»
I ricordi di Corrado Guerzoni: la Dc seguì il Pci, e non fece nulla per salvarlo
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 16/03/2007
LA LETTERA. Una lettera del presidente della Repubblica al nostro giornale. Il capo dello Stato chiede più attenzione nell'informazione televisiva
Ex br in tv, chiedo rispetto per le vittime del terrorismo
di Giorgio Napolitano su La Repubblica del 13/03/2007

News in archivio

La donna, braccio destro di Mario Moretti, condannata diversi ergastoli. Quasi tutti i parenti delle vittime si erano detti contrari alla scarcerazione
Br, libertà condizionata alla Balzerani partecipò al commando che sequestrò Moro
su La Repubblica del 18/12/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0