Da La Repubblica del 20/03/2006

Decisione del sindaco Albertini. La vedova del commissario Calabresi: i partiti abbiano la forza di evitare nuove laceranti polemiche

Milano, sostituita la lapide per Pinelli

"Morto innocente", non ucciso.I vecchi compagni:torni anche l´altra targa

di Luca Fazzo

MILANO - La lapide era lì da più di trent´anni. Nel 2004 l´avevano restaurata perché il tempo l´aveva scolorita come i ricordi della stagione terribile cui si riferiva: la strategia della tensione, la strage di piazza Fontana, la nascita del terrorismo. Per i milanesi era divenuta un elemento del paesaggio, e chi passava davanti alla Banca dell´Agricoltura nemmeno ci faceva più caso. Alle quattro del mattino di sabato scorso, una squadra di operai mandati dal sindaco Albertini smonta la vecchia lapide e ne piazza un´altra al suo posto. Poche ore dopo la giunta comunale ratifica la pensata del sindaco. E a Milano esplode la polemica.
Era la lapide che ricordava Giuseppe Pinelli, ferroviere anarchico, volato dal quarto piano della Questura di Milano la sera del 16 dicembre 1969, quattro giorni dopo il massacro di piazza Fontana. La nuova lapide, quella collocata col favore delle tenebre, è quasi identica a quella vecchia. Cambia la firma: invece che «gli studenti e i democratici milanesi» c´è lo stemma del Comune di Milano. E poi cambiano due parole, pesanti come il marmo su cui sono incise. Pinelli continua a essere un «ferroviere anarchico», continua ad essere «innocente». Ma la parola «ucciso» non c´è più. Pinelli, è «morto tragicamente» dice la nuova lapide: senza sbilanciarsi sulla natura di questa morte tragica, se suicidio, malore, incidente, come nelle tante verità ufficiali affastellate a botta calda in quei giorni del 1969, prima che il giudice istruttore Gerardo D´Ambrosio concludesse definitivamente per una caduta accidentale provocata dallo stress di un interrogatorio duro ed interminabile.
Per Gabriele Albertini, il sindaco che ha voluto lo scambio di lapide, era un atto dovuto: quella parola "ucciso" era un oltraggio alla memoria di Luigi Calabresi, il poliziotto che interrogava Pinelli, e che per l´accusa di avere ucciso Pinelli fu per tre anni linciato sui giornali dell´ultrasinistra e poi - dopo che la magistratura lo aveva prosciolto da ogni accusa - ammazzato alle spalle. Ma nelle reazioni suscitate dall´iniziativa notturna del sindaco non c´è l´esigenza di tutelare la memoria di Calabresi che viene contestata, quanto le modalità della sostituzione e soprattutto i suoi tempi: quasi di nascosto, in una città surriscaldata dalla vigilia elettorale, ancora intenta a ricucire le ferite della guerriglia di nove giorni fa, e dove di benzina getta sul fuoco non si sentiva la mancanza.
«So già che la spaccheranno», dice il vicesindaco Riccardo De Corato (An). Gli anarchici milanesi rispondono che a spaccare la lapide nemmeno ci pensano, ma che giovedì andranno a piazzarle accanto una con il vecchio testo: quella che c´era fino a venerdì, se il Comune la restituirà, oppure ne faranno una nuova. «Le due lapidi possono convivere benone», dicono. Gli eredi di Pinelli sono gente pacata e seria, nulla a che fare con le furie degli anarco-insurrezionalisti che l´altro sabato hanno messo a sacco corso Buenos Aires: e quindi è più che probabile che giovedì tutto fili liscio, con le bandiere nere e le canzoni, "Addio Lugano bella" e quella "Ballata del Pinelli" che a botta calda riassumeva in versi la convinzione di molti: «Se un compagno c´è stato ammazzato - per coprire una strage di Stato...»
Ma cosa faranno gli altri, il popolo degli irriducibili e delle teste calde, nessuno lo sa. E la preoccupazione di molti la fa propria anche Gemma Calabresi, la vedova del commissario assassinato: che non vede «motivo di scandalo» nella decisione della giunta, che ricorda come la magistratura abbia escluso che Pinelli fosse stato ucciso, ma che si augura che «le forze politiche tutte abbiano la forza e il coraggio per evitare nuove laceranti polemiche». A chi, nella riunione di giunta convocata apposta per l´affare lapide, gli chiedeva il perché di tanta fretta, Gabriele Albertini spiegava che è imminente l´anniversario dell´uccisione di Calabresi, e che era giusto che la targa oltraggiosa sparisse prima di allora: ma alla ricorrenza, in realtà, mancano quasi due mesi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il sindaco: «Infangava Calabresi». Fo: «Menzogna storica». L'ex legale Contestabile (FI): «Atto ineccepibile, ma restano i dubbi»
Lapide di Pinelli, scontro sul blitz di Albertini
Milano, la parola «ucciso» sostituita con «morto». Gli anarchici: «Teniamole entrambe»
Domani a Milano la targa per il commissario morto nel 1972. "Solo dopo 35 anni una targa gli restituisce la dignità"
Gemma Calabresi: "Solo ora torno dove uccisero Luigi"
di Dario Cresto-Dina su La Repubblica del 16/05/2007

News in archivio

L'ex leader di Lotta Continua stava beneficiando del differimento della pena. Il provvedimento è stato adottato dal giudice per la persistenza di rischi per la salute
Il tribunale di sorveglianza di Firenze concede a Sofri la detenzione domiciliare
su La Repubblica del 02/07/2007
Il silenzio della vedova del commissario e dei figli, nessuno li ha avvisati del provvedimento per Bompressi
La famiglia Calabresi non avvertita della grazia
su La Repubblica del 01/06/2006
Grazia: Sofri, nessun commento
Su Bompressi e sul suo caso dopo le parole di Mastella
su Ansa del 01/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0