Da Il Giornale del 14/05/2006

Se la sinistra sottovaluta il caos Somalia

di Massimo Introvigne

Articolo presente nelle categorie:
Il mondo in guerra: ieri, oggi, domaniOggiI conflitti dimenticatiSomalia
L'ultimo paese che può permettersi di sottovalutare quanto sta accadendo in questi giorni in Somalia è l'Italia. Qualche mese fa sembrava che un paese senza governo e con un parlamento che si riunisce prevalentemente all'estero, a Nairobi, stesse per tornare a una parvenza di normalità. Il governo Berlusconi e la diplomazia italiana erano stati pubblicamente ringraziati dall'Organizzazione per l'unità africana, dal Dipartimento di Stato americano e persino dalla televisione araba al-Jazeera per il loro discreto ma decisivo contributo. L'Italia è il primo partner economico della Somalia, e i rapporti economici finora frenati dall'inesistenza di un governo capace di controllare il territorio trarrebbero certo profitto da un'evoluzione positiva della situazione. L'Italia è anche la prima méta europea dell'emigrazione somala, e ogni turbolenza della vita politica e religiosa della Somalia - dove sono rappresentate più o meno tutte le correnti islamiche - si ripercuote immediatamente tra gli emigrati somali in Italia.
Al Qaida, che si è da anni infiltrata in Somalia e che conta di continuare a pescare nel torbido in futuro, ha perfettamente sincronizzato il suo tentativo di impedire l'insediamento a Mogadiscio di un governo «normale» con la delicata fase di transizione politica che sta vivendo l'Italia. Premesso che nella capitale somala non esiste alcuna forza di polizia regolare in grado di mantenere l'ordine, il nostro paese ufficialmente sostiene, come gli Stati Uniti, una milizia chiamata «Alleanza somala per la restaurazione della pace e contro il terrorismo». Si tratta di una polizia non ufficiale e di cui fanno certamente parte anche elementi poco raccomandabili, ma che è appoggiata da tutti i partiti politici che hanno una qualche consistenza in Somalia con la sola eccezione degli ultra-fondamentalisti islamici. Nelle intenzioni dell'Italia e degli Stati Uniti l'Alleanza avrebbe dovuto snidare i terroristi legati ad Al Qaida e permettere il ritorno a Mogadiscio del parlamento e di un governo somalo. Qualche risultato era stato ottenuto.
Nell'ultima settimana Al Qaida e i suoi alleati - raccolti nei cosiddetti Tribunali islamici uniti - hanno trasformato la semplice resistenza ai rastrellamenti dell'Alleanza somala in una vera e propria guerriglia urbana, combattuta a Mogadiscio strada per strada e casa per casa. Oggi i Tribunali islamici uniti, grazie all'apporto di ultra-fondamentalisti affluiti da numerosi paesi stranieri, controllano l'ottanta per cento della capitale somala, che rischia di trasformarsi in una nuova Kabul del tempo dei talebani. Uno dei capi supremi di Al Qaida, l'egiziano Muhammad Fazul - principale organizzatore degli attentati dell'organizzazione di Bin Laden in Africa - si mostra apertamente per le strade di Mogadiscio insieme a numerosi altri terroristi ricercati da anni.
Il capo delle milizie dell'Alleanza somala, Muhammed Kanair Efroah, ha rivolto un appello a Stati Uniti e Italia per un immediato intervento. Certo, già il ministro Fini aveva sempre escluso interventi militari in Somalia. Tuttavia - dalla minaccia di sanzioni economiche a chi aiuta Al Qaida al supporto logistico di azioni di paesi vicini amici dell'Occidente - l'Italia negli ultimi anni ha sempre trovato il modo di dire la sua e prevenire il peggio nel turbolento scenario somalo. Uno scenario cui invece il centrosinistra sembra tragicamente disinteressato, inconsapevole dei rischi che a Mogadiscio si preparano per l'Italia.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Rieplode la guerra civile in Somalia
La battaglia di Mogadiscio
di Luciano Scalettari su Famiglia cristiana del 14/04/2007
Pena di morte, da Addis Abeba il premier spinge per la moratoria
L'Italia all'Unione Africana: «Siamo pronti a ospitare un summit sulla Somalia»
Prodi: nei negoziati anche i moderati delle Corti islamiche
di Francesco Alberti su Corriere della Sera del 30/01/2007
La drammatica avventura dell'inviato del Corriere in Somalia
«Le mie ore di terrore in mano ai miliziani»
Massimo Alberizzi arrestato e portato all'aeroporto di Mogadiscio. «Il luogo ideale per un'esecuzione». L'interrogatorio e il rilascio
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0