Da La Repubblica del 28/09/2006

Pollari sotto torchio al Copaco: si doveva trasferire uno 007 Cia

"Abu Omar, forse un finto rapimento"

Brutti (ds): azioni da censurare da parte di elementi dei servizi segreti;
Il generale invoca di nuovo il segreto di Stato e nega complicità sulle intercettazioni;
Scajola: zone d´ombra Il governo attende il comitato per decidere.

di Carmelo Lopara

ROMA - È entrato teso, nervoso. È uscito quasi quattro ore dopo provato dal fuoco di fila delle troppe domande alle quali non è riuscito a dare una risposta. E quando, nel bel mezzo dell´audizione, il capo del Sismi Nicolò Pollari ha confessato che in fondo lui non è nemmeno certo che l´operazione della Cia in Italia ai danni dell´imam Abu Omar, in quel febbraio 2003, sia stata un vero e proprio rapimento e non piuttosto il trasferimento in gran segreto di un informatore, ebbene a quel punto i parlamentari che lo ascoltavano si sono guardati attoniti. E l´imbarazzo è calato sul Comitato di controllo sui servizi. Come quando, poco dopo, gli è stato chiesto di spiegare cosa ci sia dietro le complicità emerse dall´inchiesta milanese tra pezzi del Sismi e centrale delle intercettazioni Telecom. «Non mi risulta che ci siano state tali complicità - è stata la sua risposta - e poi non è chiaro a che livello il dottor Mancini (il suo numero due, ndr) sia coinvolto nelle intercettazioni illegali».
Pollari non ha ceduto, non ha ammesso il ruolo del servizio militare nella faccenda del blitz di extraordinary rendition a dispetto del procuratore di Milano Armando Spataro che, appena una settimana fa, davanti allo stesso Copaco aveva spiegato che il Sismi non poteva non sapere e aveva anzi collaborato. Ieri il generale ha battuto la stessa pista difensiva della precedente audizione del 6 agosto ma in un´atmosfera per lui ben più rarefatta. Ha negato tutto: di aver saputo, di aver collaborato. Messo alle strette si è fatto scudo ancora una volta col segreto di Stato al quale il governo lo vincola. Ma è un Pollari indebolito, quello che poco dopo le 16 ha lasciato Palazzo San Macuto. Destinatario probabile di un rinvio a giudizio, come anticipato dalla magistratura milanese, ma soprattutto di un probabile ben servito dal governo. Perché il numero uno del Sismi diventa adesso una grossa grana proprio per il governo Prodi, che fino a qualche settimana fa escludeva un avvicendamento e che ora attende invece la relazione del Copaco (a fine ottobre) per procedere. Successione? «Ricade sotto la responsabilità del presidente del Consiglio», si è lavato le mani a fine audizione, con diplomatica abilità, il presidente Claudio Scajola. Ormai anche lui ammette che «alcune risposte sono state discordanti rispetto ad altri elementi emersi finora nell´indagine» e che emergono «zone d´ombra da chiarire». Adesso si dovrà passare all´ultimo atto, l´audizione del sottosegretario con delega ai Servizi Micheli, «perché possa chiarire aspetti della vicenda, in particolare sul segreto di Stato». Un altro tassello per la ricostruzione, nel frattempo, dovrebbe fornirlo l´audizione il 4 ottobre del ministro dell´Interno Amato. Il diessino Massimo Brutti il più duro: «Da parte di persone dell´intelligence vi sono stati comportamenti riprovevoli dal punto di vista istituzionale». «Giudizi sommari e sconcertanti» gli ha ribattuto il senatore De Gregorio che non ha mai perso un colpo in questi mesi quando si è trattato di difendere Pollari. E così anche il forzista Pittelli: «Dal generale prova di grande equilibrio». Ma prima che venga conclusa l´indagine sul caso Abu Omar, già la prossima settimana il Copaco aprirà il capitolo intercettazioni, con l´audizione di tutti i vertici della telefonia. Si comincerà il 5 ottobre col neo presidente di Telecom Guido Rossi. Segnerà l´avvio di un´indagine conoscitiva destinata a soppiantare quella già avviata dalla commissione Giustizia del Senato. Tra le ire del suo presidente Cesare Salvi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'ex imama rapito nel 2003 a Milano. "Finalmente giustizia". Per il sequestro sotto accusa ex vertici Sismi, 26 agenti Cia, un sottufficiale del Ros
Le lacrime della moglie. "Porta i segni delle torture"
di Alberto Custodero su La Repubblica del 12/02/2007
Caso Abu Omar, i pm: infondata la richiesta di ricorrere alla Corte Costituzionale
Pollari: io, vittima innocente
L'ex capo del Sismi in aula: se mi difendo divento un traditore
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 30/01/2007

News in archivio

Pomarici ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per l'ex direttore del Sismi. Gli avvocati di Pollari contestano la decisione del Gup: "Fa venir meno il dovere dell'imputato"
Abu Omar: "Non c' segreto di Stato". Non saranno sentiti Prodi e Berlusconi
su La Repubblica del 06/02/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0