Da La Repubblica del 26/11/2006

Caso Litvinenko, indagine sulla diffusione del veleno

Allarme radiazioni a Londra a rischio chi incontrò l' ex spia

Test medici per chi vide l' ex agente del Kgb. Nuova riunione di ministri e servizi segreti Dovrà essere decontaminato il sushi bar dove mangiò Sotto esame i filmati delle telecamere a circuito chiuso

di AA.VV.

LONDRA - «Tutti coloro che pensano di avere incontrato Aleksandr Litvinenko il primo novembre scorso, o di essere stati nei luoghi da lui frequentati quel giorno, sono pregati di contattare il servizio sanitario nazionale per sottoporsi a test di controllo». Poche ore dopo questo annuncio diffuso ieri dalle autorità britanniche, Scotland Yard ha reso noto che bisognerà «decontaminare» Itsu, il ristorante in cui il primo novembre l' ex-colonnello del Kgb pranzò e dove gli fu probabilmente somministrato polonio 210, la sostanza fortemente radioattiva che tre settimane più tardi lo ha ucciso. E' scattata insomma la caccia alle radiazioni, senza scatenare il panico trai milioni di londinesi e di visitatori della capitale, almeno per ora, ma facendo certamente aumentare la preoccupazione. L' ex-colonnello del Kgb, deceduto giovedì sera, prima di sentirsi male andò in giro per Londra lasciando tracce di radioattività al ristorante, in un albergo di Grosvenore Square, forse altrove. Il rischio per la popolazione «è minimo», afferma la Health Protection Agency: ma intanto gli esperti della polizia, coperti dalla testa a piedi da tute protettive, perlustrano la metropoli. E il Gruppo Cobra, l' organismo segreto che riunisce i vertici di forze armati, servizi di sicurezza, ministero degli Interni e della Difesa, si è riunito per la seconda volta in 24 ore a Downing street. Chiarito «cosa» ha ucciso Litvinenko, Scotland Yard cerca adesso di stabilire «chi» lo ha ucciso. A livello ufficiale, viene fatto trapelare poco: Peter Clarke, capo della squadra anti-terrorismo, afferma soltanto che verranno esaminati tutti i filmati delle telecamere a circuito chiuso di Itsu, il sushi-bar in cui Litvinenko pranzò con il suo informatore italiano Mario Scaramella, per cercare «elementi utili» all' inchiesta. Fonti della polizia sono più esplicite, riconoscendo che in quelle immagini si cerca il volto dell' assassino. Gli inquirenti sembrano infatti convinti che l' ex-spia russa fu contaminata proprio al ristorante: «E' probabile che il polonio sia stato spruzzato sul suo cibo con una bomboletta», riferisce il Sun. Spruzzato o in polvere, il polonio potrebbe essere finito anche sugli abiti di Litvinenko, che in questo modo avrebbe poi portato la sostanza radioattiva nell' albergo in cui prese il tè con due uomini d' affari russi e successivamente a casa propria. La stampa non ha dubbi sui mandanti. «Questo assassinio è un affronto alle nostre leggi e alla nostra democrazia», afferma un editoriale sul Times. «Quando un governo usa forze letali in un altro paese, commette un atto di terrorismo, si potrebbe dire un atto di guerra», è ancora più duro il Telegraph, a cui un' altra fonte di Scotland Yard rivela che la polizia avrebbe prove del coinvolgimento di «agenti stranieri» nel complotto per eliminare Litvinenko, ma non le ha rese pubbliche. «Finora l' Occidente ha chiuso un occhio sull' autoritarismo di Vladimir Putin, per bisogno del gas russo», prosegue l' editoriale del Telegraph, «ma la pazienza potrebbe finire». Frai duecentomila russi di "Londongrad", ovvero della «Mosca sul Tamigi», come viene chiamata la città in cui sono emigrati, il giallo suscita crescente apprensione. Sia perché sembra dimostrare che la lunga mano del Cremlino può arrivare fin qui; sia perché le sue ramificazioni si allargano: a parte le accuse a Putin per i crimini in Cecenia, la corruzione e l' assassinio della giornalista Anna Politovskaja, Litvinenko sapeva qualcosa di importante - dicono notizie provenienti dalla comunità di immigrati russi in Israele - sulla Yukos, il gigante petrolifero che il Cremlino ha tolto all' oligarca Mikhail Khodorkovskij, prima di sbatterlo in un campo di prigionia in Siberia per evasione fiscale. L' ex colonnello del Kgb era inoltre legato a Stephen Curtis, un avvocato d' affari inglese che fece da tramite fra gli oligarchi dissidenti, morto nel 2004 quando il suo elicottero esplose misteriosamente in volo sulla Manica: episodio archiviato dalla polizia come un «incidente», ma che alla luce di quanto è successo a Litvinenko appare assai meno accidentale.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0