Da La Repubblica del 27/11/2006

Un ministro di Blair contro Putin: 'Sotto di lui oscuri omicidi'

Litvinenko, due nomi per il killer

Si indaga su uno 007 dell' Fsb e su un ex agente speciale - Le tracce nell' ultima intervista della vittima e in un memorandum trovato dalla polizia

di AA.VV.

LONDRA - Pochi giorni prima di morire, intervistato sul suo letto d' ospedale da un cronista del Sunday Times, Aleksandr Litvinenko aveva fatto il nome di un agente dell' Fsb, il servizio segreto russo successore del Kgb, che secondo lui aveva l' incarico di controllarlo, pedinarlo e forse di eliminarlo. L' agente si chiama Viktor Kirov; un diplomatico dallo stesso nome ha prestato servizio fino a un anno fa presso l' ambasciata russa di Londra, e potrebbe avere visitato la capitale anche in seguito. è il mandante dell' avvelenamento con una sostanza radioattiva, il polonio 210, che ha ucciso Litvinenko? Scotland Yard ha sequestrato la registrazione dell' intervista per studiarne ogni dettaglio. E la polizia britannica ha sequestrato anche un secondo documento, un memorandum di tre pagine rinvenuto a casa di Litvinenko, che contiene un altro nome: quello di un ex-commando degli Spetnaz, le squadre speciali del ministero degli Interni sovietico, campione di judo, azzoppato da precedenti missioni clandestine ma ancora operativo, che potrebbe essere stato l' esecutore materiale dell' assassinio. Il News of the World, più diffuso giornale domenicale del Regno Unito, che ha visionato una copia del memorandum, rivela in prima pagina il nome dell' ex-militare, Igor appunto, non pubblicando il cognome «per ragioni legali». Igor farebbe parte di un gruppo di ex-agenti segreti ed ex-commandos sovietici denominato "Dignità e Orgoglio", determinato a difendere con ogni mezzo il buon nome della Russia, in patria e all' estero. Le due indiscrezioni rappresentano soltanto un' ipotesi per stabilire chi ha ucciso Litvinenko. In una lettera resa nota dai familiari subito dopo il decesso, l' ex-colonnello del Kgb aveva indicato piuttosto il presidente russo Vladimir Putin come responsabile ultimo della sua malattia e, come lui stesso capiva, della sua morte ormai imminente. Ma uno dei più cari amici di Litvinenko, il regista russo Andrej Nekrasov, sembra condividere la pista citata dalla stampa: «Non credo che Putin sia direttamente responsabile», dice alla Bbc. «Penso invece a un' operazione di servizi deviati, un gruppo di ex-agenti del Kgb o di altri reparti speciali, gente pericolosa e senza scrupoli». Quando entrano in azione servizi segreti "deviati", naturalmente, è difficile separare le iniziative autonome da quelle pilotate, ispirate o approvate dall' alto, dal potere politico. Non è fantapolitica immaginare uno scenario di questo genere: un gruppo ultranazionalista russo decide di far fuori Litvinenko, perché con le sua accuse a Putin sulla Cecenia e sull' omicidio della giornalista Anna Politovskaja infangava la Russia, oppure perché conosceva segreti imbarazzanti su trame politiche e affari sporchi, o magari per spaventare qualcuno più potente, per esempio l' oligarca russo in dorato esilio a Londra Boris Berezovskij; la decisione viene a conoscenza degli spioni russi in servizio all' ambasciata russa a Londra e forse anche di altri settori del governo russo a Mosca, che la approvano o comunque non la intralciano; cosicché Putin può negare di essere il mandante dell' omicidio, ma al tempo stesso infligge un altro colpo ai suoi oppositori. L' ipotesi dei servizi deviati, tra l' altro, spiegherebbe come hanno fatto gli assassini a procurarsi polonio 210, un materiale radioattivo così raro che soltanto chi ha accesso a centrali nucleari può entrarne in possesso. Scotland Yard spera di saperne di più indagando sul traffico di scorie radioattive e altre sostanze atomiche attorno alle centrali nucleari dell' ex-Unione Sovietica: con mafia, terroristi e appunto servizi deviati quali potenziali acquirenti. Altre indagini porteranno nei prossimi giorni detective britannici a Mosca e a Roma per interrogare possibili sospetti e testimoni, tra cui probabilmente l' italiano Mario Scaramella, che pranzò con Litvinenko il primo novembre nel sushi-bar dove sarebbe avvenuta la fatale contaminazione. E intanto il governo di Tony Blair continua ad alzare il livello della tensione con Mosca: ieri il ministro per l' Irlanda del Nord, Peter Hain, un fedelissimo del premier, ha criticato pesantemente Putin per gli «oscuri omicidi» e le minacce alle «libertà individuali e alla democrazia» che contraddistinguono la sua era.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0