Da La Repubblica del 20/11/2006

Bufera sui servizi segreti del Cremlino. Nella vicenda anche un italiano, collaboratore della Commissione Mitrokhin

Politkovskaja, Putin sotto accusa

Ex spia russa in fin di vita a Londra, indagava sulla giornalista uccisa - Aleksandr Livtinenko è in ospedale per una grave intossicazione da tallio, un topicida

di Leonardo Coen

MOSCA - Una volta il Kgb usava gli ombrelli dalla punta avvelenata per uccidere gli avversari del regime: successe nel 1978, quando il dissidente bulgaro Georgi Markov fu assassinato alla fermata del bus di Waterloo Bridge, nella City londinese. Oggi si ricorre alle tossine letali, agli intrighi e agli intrugli chimici. Due anni fa se ne accorse l' ucraino Viktor Yushenko, candidato alle presidenziali, che i rivali filorussi tentarono brutalmente di liquidare: il suo volto sfigurato fece il giro del mondo. Adesso è scoppiato il clamoroso affaire del tallio che ha quasi mandato al Creatore Aleksandr Livtinenko, 43 anni, ex colonnello del Kgb in disgrazia ed esule a Londra da dieci anni (è appena diventato cittadino britannico): il tallio è un veleno usato per sterminare i topi, basta un grammo per uccidere. Livtinenko è in ospedale da due settimane, le sue condizioni sono molto gravi. Lo cura lo stesso luminare che scoprì l' avvelenamento di Yushenko. Ha perso i capelli, viene alimentato solo per endovena, ha subito profonde alterazioni epatiche e renali. Litvinenko ha tuttavia avuto il tempo di raccontare che stava indagando sull' omicidio della giornalista Anna Politkovskaia, «una mia cara amica», e che dopo aver incontrato un certo «Mario», un italiano che gli doveva consegnare dei documenti molto importanti sul coinvolgimento di quattro agenti dell' Fsb, il servizio che ha sostituito il Kgb, si è sentito male. Dietro il mio avvelenamento c' è di sicuro lo zampino di Putin, ha confidato ad un amico giornalista. L' accusa è pesantissima. Ma non è la prima volta che succede. Solo che in questi giorni crea più imbarazzo che mai: mentre Putin il diplomatico sta incassando ad Hanoi i dividendi della nuova ambiziosa politica geostrategica russa con l' ammissione al Wto, questa brillante immagine è rovinata dall' ombra lunga del Vladimir Putin ex colonnello del Kgb, al centro di un' oscura storia degna di un romanzo di spionaggio. «è stato quel bandito di Putin ad ordinare l' eliminazione di Litvinenko», ha dichiarato alla stampa inglese l' oligarca in disgrazia Boris Berezovski, che trovò asilo a Londra nel 2001 dopo essere stato il consigliere più ascoltato di Eltsin. Di sicuro, per il momento, c' è che Scotland Yard ha aperto un' indagine per «tentato omicidio» da parte di ignoti. E che, parallelamente, i servizi segreti inglesi - l' MI5 - stanno operando discretamente nell' intricato pianeta della nuova immigrazione russa: Londra ha accolto negli ultimi anni mille miliardari come Berezovski e come il famosissimo Roman Abramovich (il patron del Chelsea, buon amico di Putin), ma anche altre 250mila persone, quasi tutte dotate di notevoli mezzi economici. Quante di costoro hanno una doppia vita? Quanti sono infiltrati negli ambienti degli oppositori di Putin? Londra, inoltre, è il mercato più fiorente delle informazioni, materia prima delle potenti lobby create dagli ex agenti segreti dei servizi dell' Est. Documenti che sono pericolosissimi strumenti di ricatto. Come nel caso dell' omicidio di Anna Politkovskaia. Che stava pubblicando una serie di articoli sulle violazioni dei diritti umani in Cecenia. Proprio la Cecenia è stata la causa della fuga di Aleksandr Litvinenko da Mosca, sei anni fa. Osò dire in faccia a Putin che i servizi di sicurezza si erano riorganizzati come gang criminali e che i vertici delle forze armate russe trafficavano coi leader della guerriglia cecena. Putin interruppe l' incontro e Litvinenko fu sospeso dall' Fsb per essere poi accusato di alto tradimento. Fece in tempo a denunciare pubblicamente a Mosca che le autorità russe gli avevano ordinato di uccidere Berezovski. Scappato in Occidente, Litvinenko non smise di essere critico nei confronti del «nuovo regime» russo. In una famosa conferenza stampa di qualche anno fa, dichiarò che Putin aveva «cinicamente orchestrato nel 1999 una serie di sanguinosi attentati terroristici a Mosca per poter scatenare di nuovo la guerra in Cecenia». Quanto all' avvelenamento, Litvinenko si è sentito male due ore dopo aver pranzato con un "contatto" italiano al ristorante giapponese Sushi-Sashimi Itsu nella zona di Piccadilly: grandi vetrate, sempre affollato. Questo Mario sarebbe, secondo la stampa inglese, il professore napoletano Mario Scaramella, consulente della commissione Mitrokhin (istituita dal parlamento italiano per indagare sulle attività del Kgb in Italia durante la guerra fredda). A Mosca, naturalmente, bocche cucite. Putin non c' è, e al Cremlino i suoi fedelissimi fanno finta di nulla.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0