Da La Repubblica del 09/12/2006

E sulla vicenda è già partito il progetto di un film per la tv Channel 4. Ancora mistero sulle condizioni delle due ex spie ricoverate a Mosca

Londra, polonio al bar dell´hotel contaminato anche Lugovoij

Test sui clienti del Millennium, avvelenati i baristi

di Leonardo Coen

MOSCA - Lo stesso polonio 210 che ha ucciso Aleksandr Litvinenko il 1 novembre scorso ha contaminato Dmitri Kovtun - giovedì è rimasto brevemente in coma - e Andrei Lugovoij, l´imprenditore ed ex agente del Kgb che aveva con Litvinenko un appuntamento al Pine Bar dell´hotel Millennium Mayfair di Londra. Lugovoij andò a quell´incontro accompagnato dal socio Dmitri Kovtun. C´era un terzo personaggio, Vyaceslav Sokolenko: non è certo che sedette allo stesso tavolino di quel bar, quando Litvinenko sorseggiò una tazza di tè in compagnia di Lugovoij e Kovtun. Di Sokolenko non si parla più: un mistero nei misteri del caso Litvinenko.
Scotland Yard ha stabilito che l´ex spia venne contaminata in quel bar: infatti tutti e sette i baristi al lavoro in quelle ore sono risultati positivi alla sostanza radioattiva, nella stessa misura in cui è stata rilevata alla moglie dell´ex spia, Marina. I sette non correrebbero rischi a breve, ma nel lungo termine potrebbero ammalarsi di cancro, «un rischio molto piccolo», rassicurano le autorità sanitarie britanniche. Quel giorno furono 250 i clienti del bar e tutti sono stati invitati a presentarsi in ospedale per i test. Idem a Mosca: il ministero della Salute russo offre esami a chiunque abbia paura d´essere stato contaminato. Sembra il gioco delle parti. Come nelle matrioske, ogni giorno si apre una nuova storia che ne cela un´altra. Il Kgb era sublime esecutore di depistaggi.
Per esempio, si ridimensiona la pista del sushi bar di Piccadilly, dove Litvinenko vide Mario Scaramella, l´ex consulente della commissione Mitrokin. C´è di più. Gli inquirenti inglesi sono sempre più convinti - anzi quasi certi - che «l´arma del delitto» sia stata una micidiale pillola al polonio 210 confezionata in una stanza dell´albergo, dove sono state trovate «tracce significative» del radionucleide. Se è così, gli inglesi sanno anche chi ha occupato quella stanza. Tuttavia, è ipotizzabile una simile leggerezza? Troppe tracce «evidenti» per pensare che sia stato un omicidio su commissione. Non solo complicato nell´esecuzione, ma esageratamente teatrale. Perché il polonio non uccide subito.
E qui c´entra la pista di Mosca. Lugovoij e Kovtun sono finiti in ospedale. Kovtun ha parlato coi magistrati russi due volte, gli inglesi hanno assistito all´interrogatorio. Lugovoij, invece, non ha ancora parlato. Il suo interrogatorio slitta ogni giorno. Che cosa lo impedisce? Eppure lui è il teste chiave. Afferma che è stato Litvinenko a invitarlo a Londra. L´ex agente del Kgb, oggi titolare della più grossa fabbrica russa di «bibite analcoliche tipiche & antiche», sa che le sue spiegazioni non hanno convinto gli inglesi. Forse c´è qualcuno che non vuole che dica di più.
Questi rinvii irritano gli inglesi. Dicono che si vogliono nascondere ricatti e di traffici loschi, sotto la copertura di società russe di import ed export. I russi replicano: era Litvinenko il mercante di segreti, stava al centro di un traffico clandestino di materiali radioattivi, è rimasto accidentalmente contaminato. Già, e Kovtun? E Lugovoij? «I medici dicono che sono stazionario», dice. Però la stessa agenzia che riporta queste dichiarazioni ha scritto che nel suo corpo «sono state riscontrate disfunzioni di alcuni organi colpiti da radionucleidi». Sta meglio di Kovtun, spiega l´agenzia. Ma come sta davvero Kovtun? E il terzo uomo, Sokolenko, che fine ha fatto?
Gli ingredienti del giallo finiranno anche in un film, commissionato dalla rete britannica Channel 4 al regista Peter Kosminky, autore di film-inchiesta come The Government Inspector, sulla morte dello scienziato David Kelly coinvolto nella manipolazione delle prove sulle armi di distruzione di massa di Saddam.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0