Da L'Unità del 05/03/2007

Omicidio Fortugno, cinque a giudizio come killer e mandanti

di AA.VV.

Il gup di Reggio Calabria, Santo Melidona, ha rinviato a giudizio cinque persone per l'assassinio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno. Si tratta di: Salvatore Ritorto, presunto esecutore del delitto avvenuto il 16 ottobre di due anni fa in un seggio delle primarie dell'Unione a Locri in cui Fortugno, della Margherita, si era recato a votare. Più quelli che secondo il giudice sono stati i mandanti dell'omicideio: Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio.Assieme a loro saranno processati anche Domenico Audino e Carmelo Crisalli, accusati di concorso in omicidio. Antonio Dessì è stato rinviato a giudizio per rapina e danneggiamento, Alessio Scali è stato rinviato a giudizio per favoreggiamento e false dichiarazioni al pm, Vincenzo Cordì - dell'omonima cosca mafiosa -dovrà rispondere dell'accusa di associazione mafiosa.È stato invece scagionato dalle accuse Salvatore Dessì, mentre Carmelo Dessì sarà processato per associazione mafiosa, essendo stato scagionato dall'accusa di concorso in omicidio. I cinque imputati si presenteranno al processo il prossimo 20 maggio. Vincenzo Mazzara, Bruno Piccolo ed il pentito Domenico Novella hanno chiesto il ritro abbreviato, mentre Gaetano Pitasi ha avanzato richiesta di patteggiamento.Su queste richieste la magistratura deciderà il prossimo 12 aprile.

Durante l'udienza preliminare di lunedì mattina nell'aula bunker di Reggio, i familiari di Alessandro e Giuseppe Marcianò, avevano esposto alcuni striscioni in cui si afferma l'innocenza de due.

«Questo primo risultato processuale è positivo e fa fare un passo avanti per l'accertamento della verità sull'omicidio di Franco Fortugno», ha dichiarato il presidente della Commissione antimafia, Francesco Forgione. «Ora - ha aggiunto Forgione - bisogna andare più a fondo con le indagini per capire tutto ciò che ha portato alla decisione di uccidere Fortugno: quali interessi aveva toccato e perchè si è deciso di colpire così in alto».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Politici, religiosi, comuni cittadini: tutti uniti contro la ’Ndrangheta. Durerà o, stemperata l’indignazione generale, tornerà tutto come prima?
Non chiamiamola "Primavera". Per scaramanzia
di Marco Nebiolo su Narcomafie del 01/11/2005
I colloqui tra un poliziotto e un uomo dei boss che lavorà con sottosegretari
Delitto Fortugno, tutte le telefonate
L'inchiesta sull'omicidio del vicepresidente della Calabria. Traccia di contatti tra il suocero della vittima e un'affiliato dei clan
Delitto Fortugno. Accuse pesanti fra Corsera e Repubblica
E' una piccola storia ignobile, che vi vado a raccontare. Da MediaQuotidiano.it
di Mario Adinolfi su Il Barbiere della Sera del 24/10/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0