Da Articolo 21 del 07/07/2005
Originale su http://www.articolo21.info/notizia.php?id=2214

Dssa. Il Viminale sapeva

L’esistenza della polizia segreta era nota da anni. Ma Pisanu ora si meraviglia

di Gianni Cipriani

Di loro mi ero occupato circa un paio di anni fa, quando non si chiamavano ancora Dssa (Dipartimento studi strategici antiterrorismo) bensì “Reparti di protezione nazionale”. Ma sempre della stessa minestra si trattava: l’aquila della Cia ricopiata con poca fantasia come logo, con l’aggiunta di uno scudetto tricolore (quando si dice l’amor patrio…) e della scritta “Destra nazionale”; il sedicente sindacato di polizia chiamato “Unione nazionale forze di polizia”, là dove il plurale indicava la presenza di poliziotti, carabinieri, finanzieri e perfino guardie forestali; i proclami contro gli islamici e gli immigrati: feccia della società che insozzava l’Italia per colpa dei comunisti, ovviamente. Tutto scritto, tutto ostentato non senza fanatismo, tutto proclamato.
Ed è per questo che di tutta la storia della cosiddetta “polizia parallela” la cosa che meraviglia di più non è tanto l’esistenza di rigurgiti fascisti e xenofobi tra alcuni di coloro che si occupano di sicurezza, quanto che si è dovuta attendere l’inchiesta della procura di Genova perché alcuni di questi “sceriffi” in servizio presso le forze di polizia fossero sospesi. Meraviglia la meraviglia del ministro, sicuramente uno dei migliori di questo governo, ma che questa volta è sembrato - appunto - Alice nel paese delle meraviglie, quasi che quella scoperta da Genova fosse una realtà inconfessabile ed inimmaginabile. E invece no. Al Viminale erano giunte segnalazioni su segnalazioni; allarmi su allarmi. Anche gli articoli che avevo scritto erano finiti sulle rassegne stampa ed erano stati rilasciati su molti siti internet. Eppure si è giocato alle tre scimmiette. Senza le ordinanze di custodia cautelare dei giorni scorsi, gli aderenti alla Dssa sarebbero rimasti al loro posto. Ed è questa la cosa che, obiettivamente, fa preoccupare di più: quali controlli ci sono perché una persona entri e faccia parte di una forza di polizia? Possibile che gente che pubblicamente proclama la sua personale «lotta allo zingaro» resti al suo posto o continui ad avere una pistola «regolarmente detenuta»?
Per cui, al di là degli scandalismi, delle rappresentazioni schematiche e fuorvianti («polizia parallela», ma quale?) e delle frottole da 007 da bar (da quando un vero agente segreto allude a mezzo mondo di essere un agente segreto?), la vera riflessione che deve scaturire da questa vicenda è la presenza di un filiera o di una nervatura razzista, xenofoba e profondamente fascista all’interno di limitati settori delle forze di polizia; di settori delle guardie giurate; di settori di aziende che si occupano di sicurezza. Una nervatura trasversale che deve essere guardata con attenzione, al di là degli eccessi folkloristici di alcuni protagonisti, e che deve essere assolutamente «bonificata». Tra i millantatori e i fanatici di oggi potrebbero nascondersi gli eversori di domani, le teste calde disponibili a qualsiasi provocazione. Chi ha buona memoria ricordi la storia del bombarolo Gianfranco Bertoli: alcolizzato e considerato mezzo scemo dai suoi camerati. E per questo mandato a gettare la bomba alla questura di Milano. Quindi niente allarmismi inutili, perché non c’è nessuna Gladio parallela o quant’altro; nessuna sottovalutazione perché tra chi si occupa di sicurezza, tra chi ha il porto d’armi, tra chi fa l’investigatore o il contractor girano troppe teste calde. Urge, come detto, una bonifica.
Ma perché è così imbarazzante e avvilente che per prendere uno straccio di provvedimento sia stata necessaria l’inchiesta della procura di Genova? Si torni ad un paio di anni fa, alla Dssa vecchio formato, con gli stessi uomini, la stessa ideologia. Ecco cosa scrivevano: «L’esistenza della Repubblica italiana, una ed indivisibile, sovrana ed indipendente, fondata sul principio dell’uguaglianza di tutti i cittadini, quale che sia la loro origine e fede religiosa (tranne quella islamica) in pari diritti e doveri, nella certezza del diritto alla salvaguardia della loro libertà economica e sociale». E ancora per spiegare la discriminazione dei musulmani: «In quanto la religione islamica non ha rispetto per l’individuo, poiché l’islam non prevede la persona, considerando che per l’islam religione e politica sono la stessa cosa». Ovviamente nei progetti c’era quello di fermare l’immigrazione perché dannosa per l’ordine pubblico.
Ecco altri proclami: «Il modo di vivere dei Comunisti è cattivo e maligno, essi sono un’organizzazione internazionale criminale (…). Il loro obiettivo primario è l’invasione sistematica della nostra Nazione da parte di zingari, albanesi, marocchini e islamici di vario colore, propendono affinché vengano riconosciute di fatto le famiglie omosessuali e vorrebbero affidare a questi pervertiti la custodia di bambini. Il loro sogno perverso è un’Italia piena di zingari, islamici, omosessuali e prostitute (…) questi senza Dio vogliono fare della nostra Nazione un gigantesco bordello a cielo aperto. Sono dei nemici e vanno combattuti con ogni mezzo, è razzismo è discriminazione è violenza il volerci imporre la convivenza forzata con la spazzatura dell’umanità».
Ecco quindi la necessità di formare gruppi para-militari o giù di lì: «Nei prossimi mesi l’Italia potrebbe essere investita da attacchi di una violenza inaudita da parte dei paesi islamici del bacino Mediterraneo. La nostra Nazione potrebbe essere distrutta prima ancora che le forze alleate intervengano in ausilio delle forze armate presenti sul territorio. Quanti di loro ci attaccheranno? Basteranno le sole forze armate e di polizia a proteggerci? No. La nostra difesa parte da noi stessi con i Reparti di Protezione Nazionale che in caso di grave pericolo saranno un valido supporto alle forze armate nazionali».
Per l’adesione all’organizzazione c’era, ovviamente, il giuramento: «Io liberamente e spontaneamente prometto e giuro di non tradire mai i principi dell’ideologia a cui oggi solennemente aderisco. Giuro di proteggere, difendere e servire la mia Patria, l’Italia e con essa tutti gli italiani, a te Gaetano Saya nostro Capo e guida giuro fedeltà e valore. A te e a tutti coloro che indicherai come Capi giuro obbedienza fino alla morte e che ciò si avveri con l’aiuto di Dio».
Roba da ridere? Certo. Peccato che questi mattacchioni fossero piuttosto motivati. E continuassero ad avere i loro contatti. Tanto da rendere legittima la domanda da porre al Viminale e a tutti gli altri organismi istituzionali interessati: di fronte a gente che fa dei proclami che da soli rappresentano un manifesto dell’incitamento all’odio razziale; che afferma di voler creare una sorta di milizia contro gli islamici, era necessario aspettare due anni e l’inchiesta della procura di Genova per fare qualcosa? Davvero non si poteva prendere una misura disciplinare? Davvero chi afferma queste cose è meritevole di indossare una divisa?
È tollerabile, tra le forze dell’ordine, la presenza di chi vuole creare una milizia per «segnalare alle autorità di polizia qualsiasi reato relativo all’incolumità della persona e della proprietà sia pubblica che privata; collaborare se richiesto con le autorità dello Stato e con tutte le forze di polizia per concorrere agli atti richiesti alla tutela della sicurezza nazionale e dell’ordine pubblico in caso di gravi turbamenti, nonché della salvaguardia del patrimonio artistico, naturale, ambientale della Nazione»?
Ecco il vero risvolto inquietante di questa sorta di gruppo di controspionaggio, antiterrorismo e lotta all’immigrato fai da te. Oltre gli aspetti truffaldini (siamo il paese che ha arricchito Wanna Marchi e il mago Do Nascimento) delle finte palette, dei finti tesserini, delle finte università, delle finte relazioni internazionali, delle finte cerimonie, dei finti autisti e delle finte guardie del corpo, c’è questa venatura profondamente reazionaria che aleggia sulla nostra convivenza democratica. Non chiediamoci poi, all’indomani di Bolzaneto o dei fatti di Napoli, da dove spuntino i saluti al Duce o le suonerie con “faccetta nera”.
E soprattutto, di fronte ai tentativi sempre più sfacciati e stringenti di privatizzare la sicurezza sfruttando l’effetto 11 settembre e le paure che ne sono conseguite, è il caso di dire che questo comparto deve essere tenuto davvero sotto controllo. Porti d’arma e licenze vanno revocate a chi pesca nel torbido; chi non è affidabile non deve rimanere nelle forze di polizia. E sarebbe meglio se l’essere esaltati o pataccari non sia considerato titolo di merito per accedere alle commissioni d’inchiesta o ai finanziamenti pubblici. Chissà se tornare ad essere seri e responsabili è una richiesta rivoluzionaria, riformista, democratica o semplicemente ovvia. Nel frattempo, questo paese si merita la Dssa, in tutte le sue vesti e con tutti i suoi confratelli.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Black R.O.C.
La vera storia del Raggruppamento Operativo Centrale, il buco nero da cui passano i fondi destinati all’attività dei Servizi italiani.
di Norberto Breda su La Voce della Campania del 20/07/2007

News in archivio

La rivelazione: militano nella Margherita
Cossiga e gli adepti di Gladio "Due sono ora al governo"
su Corriere della Sera del 23/03/2008
Il "sì" definitivo dalla commissione Affari costituzionali del Senato. lunedì la Camera aveva portato da 8 a 10 il numero dei membri del Copaco
Approvata la riforma dei Servizi segreti. Napolitano: "Felice per il voto unanime"
su La Repubblica del 01/08/2007
La riforma approvata all'unanimità. Due "Agenzie" al posto di Sismi e Sisde. Più potere al Copaco, guidato per legge dall'opposizione. Ora si torna alla Camera
Il Senato vara la riforma dei Servizi. Più facile revocare il segreto di stato
su La Repubblica del 25/07/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0