Da La Repubblica del 17/09/2005
Originale su http://www.repubblica.it/2004/k/sezioni/cronaca/intercett/vispiamo/vis...

Sempre più spesso la magistratura ricorre ad agenzie private. Ecco il racconto di uno dei veterani del settore

"In auto, al bar, al computer così scopriamo i vostri segreti"

di AA.VV.

MILANO - Non sono magistrati, non sono poliziotti, non sono detective privati. I loro uffici sono coperti da sigle o da nomi di fantasia che dicono poco o nulla di quello che realmente si fa lì dentro. Sono gli intercettatori, quelli che di mestiere ascoltano le conversazioni degli altri. Lavorano in appalto per le procure di tutta Italia, arrivando là dove le forze di polizia - per mancanza di mezzi, di organici, di know how - non riescono ad arrivare. Fino a pochi anni orsono, a fare questo lavoro erano in pochi. Adesso che le intercettazioni sono divenute un business, il settore si sta allargando. Sono quasi un centinaio, in Italia, le agenzie di intercettazione. Ecco il racconto di uno dei "vecchi" del settore.

Quale tipo di servizio fornite ai magistrati?
"Si fa prima a dire quale tipo di servizio non forniamo: la comprensione, l'analisi. A noi non viene detto quale indagine è in corso né quali sono le ipotesi di reato. Ci dicono solo: il bersaglio è questo. Da quel momento in avanti sono fatti nostri: dal professionista che apre la porta di un auto o di un appartamento per piazzare la microspia, fino alla registrazione su cd del lavoro finito, cioè delle conversazioni registrate e delle trascrizioni. E lì ci fermiamo".

Dove si recluta il "professionista" che scassina la serratura?
"Ovvio: o tra gli ex ladri, o tra gli ex poliziotti".

Una volta entrati, dove si piazza la microspia?
"In genere si lavora di estro, di fantasia. Se si tratta di una intercettazione breve, un 'mordi e fuggi' che deve durare qualche ora, puoi anche lanciare l'apparecchio sopra l'armadio e andartene. Se invece deve durare delle settimane, allora sei vincolato ad una presa di corrente, e la cosa si fa più complicata. Soprattutto all'interno di una automobile: una volta un'auto era piena di spazi vuoti inutilizzati, una vettura moderna oggi è invece talmente imbottita di circuiti che trovare un varco dove inserirsi non è facile".


Il posto più bizzarro dove ha piazzato una cimice?
"Sulla tomba di un malavitoso assassinato, per registrare quello che i parenti dicevano sul conto degli assassini".

Esiste una conversazione impossibile da intercettare?
"In teoria, con il progresso tecnico attuale, tutto è intercettabile. Il problema è che i criminali sono sempre qualche passo davanti a noi: quando i telefonini Tacs vennero sostituiti dai Gsm ci fu un buco di qualche mese durante il quale ci trovammo in grandi difficoltà. Oggi la nuova frontiera è ovviamente tutto quello che passa per Internet. In questo settore ci sono comunicazioni facilmente intercettabili ed altre che possono crearci qualche difficoltà in più".

Per esempio?
"Il voip, cioè la voce trasmessa via Internet: viene trasformata in dati, noi i dati li intercettiamo comodamente ma per ritrasformarli in voce servono dei codici che non sempre sono facili da individuare. Oppure alcune forme di steganografia, cioè i pezzi di testo nascosti un una immagine. Ma ci stiamo attrezzando".

Qual è il posto più sicuro per fare una chiacchierata dal vivo senza essere intercettati da una microspia?
"Potrei rispondere: un bar all'ora dell'happy hour, con la musica di sottofondo a tutto volume. Ma c'è il rischio che il cliente accanto in realtà sia un maresciallo che ti ascolta. Per cui dico: all'aperto, passeggiando, in un luogo dove non si è mai stati prima".

Adesso le intercettazioni si registrano sul computer. C'è chi teme che fabbricare prove false diventi un gioco da bambini.
"È vero che io col computer posso fare qualunque cosa, compreso produrre una registrazione di Bush che chiacchiera con Osama. Ma alla base c'è sempre una registrazione originale. E non esiste intervento che non lasci traccia".
(l. f.)

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le rivelazioni della stampa Usa mettono in difficoltà il presidente. Nel 2003 le banche centrali di alcuni Paesi furono già messe al corrente
La Cia spia i conti bancari in tutto il mondo
Nuovo scandalo sulla sorveglianza totale. La Casa Bianca: «Così fermiamo i terroristi»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 24/06/2006
Nasce un sito italiano per contrastare il Trusted Platform Module la nuova tecnologia per rendere più sicuri ma anche 'chiusi' i PC
In arrivo "l'informatica affidabile" ma per qualcuno è una minaccia
"Combattiamo per essere liberi scegliere il programma da usare"
di Francesco Caccavella su La Repubblica del 20/09/2005
"E-mail e sms, più controlli nella Ue"
Clarke ai partner europei: "Così avremmo potuto fermare gli assassini"
di Giampaolo Cadalanu su La Repubblica del 11/07/2005

News in archivio

I messaggi, intercettati nel '42 dai nazisti che li avevano codificati con la celebre macchina, erano gli ultimi a resistere
Quei tre ultimi dispacci di Enigma un esercito di computer decifrarli
Grazie ad una enorme rete di pc svelato il primo. E ora gli altri
su La Repubblica del 28/02/2006
Bush costruirà una superbase a Taranto
Accordo di Cheney con il governo: 500 milioni di investimenti
su Il mondo del 13/02/2004
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0