Da L'Espresso del 01/12/2005

Teorema Mitrokhin

La Commissione che indaga sulla ex spia russa ora riapre l'inchiesta sull'attentato del 2 agosto 1980. E ricicla la vecchia ipotesi del terrorista Carlos

di Primo Di Nicola

L'ennesimo polverone. Per far riaprire l'inchiesta sulla strage di Bologna e riabilitare gli estremisti di destra Giusva Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, già condannati per l’attentato. E’ bufera alla commissione Mitrokhin che avrebbe dovuto indagare sulle rivelazioni dell’ex agente del Kgb ma ha esteso le sue ricerche ad altre vicende. Da una parte ci sono i commissari di An Vincenzo Fragalà e Enzo Raisi che gridano vittoria per la riapertura dell’inchiesta da parte della Procura emiliana sulla scorta delle loro informazioni e di un’interrogazione parlamentare sulla presenza a Bologna, il giorno della strage di 25 anni fa, di Thomas Kram, indicato come “esperto in esplosivi del gruppo terroristico Carlos”, al secolo Illich Ramirez Sanchez. Dall’altra, c’è Walter Bielli, capogruppo Ds in commissione che , dopo aver esaminato i “nuovi” documenti e soprattutto la relazione che su di essi ha preparato la consulente Fedora Raugei, accusa: “Trovo gravissimo che il centrodestra utilizzi a fini mediatici notizie parziali e deformate. Vogliono solo far confusione e propaganda politica per dimostrare che la strage non è più fascista”. Ma cosa dicono su Kram i documenti raccolti dalla Commissione?
Anzitutto che Kram era un personaggio perfettamente conosciuto dalla polizia italiana, che già nel 1979, su segnalazione dei colleghi tedeschi (che lo indicano come esperto nella falsificazione di documenti e non di esplosivi; come appartenente alle Cellule rivoluzionarie e non al gruppo Carlos), inizia a monitorarlo con informative: rapporti acquisiti dagli inquirenti bolognesi all’inizio delle indagini sulla strage. Il 1° novembre ’79 la polizia tedesca chiede conferma agli italiani della presenza di Kram nel nostro Paese: sono stati informati che l’uomo frequenterebbe l’Università pr stranieri vicino Roma. Egli è sospettato di appartenere a gruppi terroristici. Il 9 novembre la Questura di Perugina comunica che dal 4 settembre ’79 Kram risulta iscritto all’Università per stranieri, al corso preparatorio di lingua italiana. Nel frattempo è sottoposto a “riservata sorveglianza”. L’11 dicembre la Digos informa il Ministero dell’Interno che il 27 novembre i suoi agenti hanno effettuato una perquisizione in casa di Kram dove è stato sequestrato un dattiloscritto sul “metodo seguito dalla polizia tedesca per gli interrogatori di indiziati di reato con il concorso di computers”. Il 26 febbraio ’80 il questore di Bologna comunica al Viminale che Kram ha alloggiato in un albergo cittadino, esibendo la carta d’identità nr. 7008331, ripartendo la mattina successiva per ignota destinazione. Durante la sua permanenza, comunque, “non ha dato luogo a rilievi”. Una marcatura strettissima quella della polizia italiana che il 22 aprile segnala Kram all’hotel Mozzanti di Verona e il 13 maggio all’hotel Lembo di Bologna dove ha alloggiato con tali Vincenzo Di Costanzo ed Eufemia Amato: i tre, si legge in una nota, sono comunque ripartiti la mattina seguente per ignota destinazione.
Arriviamo ai giorni fatidici della strage. Il 1° agosto 1980, il posto di frontiera di Chiasso informa il Ministero che con treno 307, alle 12.08 Kram (munito di carta d’identità tedesca nr. G7008331) entra in Italia diretto a Milano. Viene anche perquisito con esito negativo. Dove va? A Bologna, all’Albergo Centrale di via della Zecca, dove qualche ora dopo esibisce la sua patente di guida, pernotta e vi resta sino alla mattinata seguente. Un comportamento da perfetto terrorista? Macché. “Appare altamente improbabile fuori da ogni logica criminale”, annota Fedora Raugei nella sua relazione, “ipotizzare che un terrorista, e in particolare Thomas Kram, al fine di compiere o prendere parte a una strage, alla vigilia della stessa si rechi sul luogo stabilito e lasci traccia della propria presenza pernottando in un albergo dove esibisce la propria patente di guida”. E ciò “dopo essere stato fermato, identificato e perquisito poche ora prima alla frontiera”. Siamo allora di fronte a un depistaggio politico? “E’ evidente che alla destra non interessa la verità su Bologna”, spiega l’onorevole Bielli: “Fioravanti e Mambro sono stati dichiarati colpevoli non con un processo indiziario, ma con prove evidenti che hanno trovato riscontro in un altro processo, con altri giudici che per la strage hanno condannato anche Luigi Ciavardini”.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Bomba in stazione, parla il terrorista in cella
«A Bologna a colpire furono Cia e Mossad»
Carlos: utilizzati giovani neofascisti, però per me Mambro e Fioravanti sono innocenti
di Paolo Biondani su Corriere della Sera del 23/11/2005
STRAGE DI BOLOGNA
Carlos: 'C'era un compagno tedesco'
'Ma siamo sempre stati convinti che sia stata organizzata da servizi americani e israeliani'
di AA.VV. su Il Resto del Carlino del 23/11/2005
La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0