Da Il Resto del Carlino del 21/02/2006
Originale su http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/art/2006/02/21/5404299

CASO ORLANDI

Si accendono i riflettori sul giallo. I familiari: 'Riaprite quel fascicolo'

A 'Chi l'ha visto' l'appello dei fratelli di Emanuela, la quindicenne rapita nel 1983

di AA.VV.

Roma, 20 febbraio 2006 - Si accendono di nuovo i riflettori sulla vicenda di Emanuela Orlandi, cittadina vaticana, scomparsa in circostanze misteriose il 22 giugno 1983.

''Chiediamo che sia riaperto il caso. Riteniamo che sia un dovere accertare la verita' nel rispetto di nostra sorella Emanuela e di nostro padre Ercole. Lo Stato Vaticano chieda la riapertura del caso''. E' quanto hanno chiesto Natalina e Pietro Orlandi, la sorella ed il fratello di Emanuela, la quindicenne rapita 23 anni fa, durante la trasmissione televisiva ''Chi l'ha visto'' andata in onda su Raitre.

NEL MISTERO
Sarebbe stato un esponente della banda della Magliana, legato al boss Enrico «Renatino» de Pedis, il sedicente Mario che sei giorni dopo il rapimento di Emanuela Orlandi telefonò ai familiari della 15enne cittadina vaticana con l'evidente intento di depistare. A riconoscerlo, dandogli nome e cognome, è stato uno dei fondatori della banda, Antonio Mancini, poi divenuto collaboratore di giustizia, tuttora sotto protezione, raggiunto dalla trasmissione «Chi l'ha visto?».

«Se volete saperne di più sul sequestro Orlandi, andate a vedere nella basilica di Sant'Apollinare» (in piazza delle Cinque Lune a Roma, quella dove tuttora riposa la salma di De Pedis): «è da questa telefonata - spiega Federica Sciarelli - che è partita l'idea di far sentire a Mancini, pentito giudicato attendibile, la registrazione di un'altra chiamata, quella che l'uomo che diceva di chiamarsi Mario fece a casa Orlandi la settimana dopo il rapimento, assicurando che Emanuela sarebbe tornata presto e dimostrando di sapere particolari (sul matrimonio della sorella, ad esempio, ndr) che solo i familiari conoscevano. Mancini ha ascoltato con attenzione quel nastro, registrato all'epoca con un apparecchio comprato dalla stessa famiglia, e ha assicurato di aver riconosciuto a chi apparteneva la voce».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il senatore a vita sul caso De Pedis: è una storia alla Agata Christie
Intervista a Giulio Andreotti sul caso De Pedis
Il Senatore a vita, "Il boss nella cripta? Spostarlo non sarebbe rispettoso”
di Andrea Garibaldi su Corriere della Sera del 24/09/2005
Il capo della Magliana è sepolto nella chiesa di Sant'Apollinare. "Chi l'ha visto?" riapre il giallo: una pista sul caso Orlandi
I nuovi misteri sul boss nella cripta da cardinale
di Andrea Garibaldi su Corriere della Sera del 12/09/2005
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0