Da Corriere della Sera del 11/01/2007

La Cassazione assolve i generali. Il capo dell'Aeronautica: «Cancellate le ombre». Il legale dei familiari: «Siamo indignati»

Ustica, nessun colpevole. E nessun risarcimento

L'ira dei parenti delle vittime. Il governo: benefici già previsti nella Finanziaria

di Dino Martirano

ROMA — I generali dell'Aeronautica militare non tradirono le istituzioni e non depistarono gli inquirenti dopo la strage del Dc9 Itavia precipitato nelle acque di Ustica la sera del 27 giugno 1980 con 81 persone a bordo.
Ora, dopo 26 anni e mezzo, con la sentenza definitiva della Cassazione il processo è chiuso. Senza colpevoli. E i familiari delle vittime (tranne i pochi che lo hanno già fatto) non potranno più ricorrere in sede civile per i risarcimenti. Il governo, che pure era parte civile ed è stato condannato a pagare 1.000 euro di spese processuali, aveva comunque fatto in tempo a far inserire nella Finanziaria un comma per estendere ai parenti della vittime di Ustica i benefici concessi alle famiglie colpite dal terrorismo.
La prima sezione penale della Cassazione, presidente Torquato Gemelli, ha dunque assolto in via definitiva i generali Franco Ferri e Lamberto Bartolucci confermando la sentenza di secondo grado con cui la Corte di Appello di Roma aveva già assolto i militari «perché il fatto non sussiste», ovvero ricorrendo all'articolo 530 del Codice di procedura penale (vecchia insufficienza di prove). È così finito in un vicolo cieco il ricorso della Procura generale e dell'Avvocatura dello Stato (in rappresentanza della Presidenza del Consiglio e della Difesa) che avevano chiesto di riformulare l'assoluzione: non «perché il fatto non sussiste» ma perché «il fatto non è più previsto dalla legge come reato», visto che nel 2006 è stata varata una legge che depenalizza i reati militari di depistaggio e di turbativa.
Quindi non c'è nessun colpevole, anche se il reato di strage non si prescrive mai, per l'aereo di linea disintegratosi in volo nel momento in cui nei cieli del Basso Tirreno incrociavano jet militari americani, francesi e libici. L'ordinanza-sentenza del giudice Rosario Priore stabilì nel '99 che il Dc9 in servizio da Bologna a Palermo fu abbattuto da un missile o a causa di una collisione. Ma nei processi i generali (oltre a Ferri e a Bartolucci c'erano Zeno Tascio e Corrado Melillo), sono usciti indenni dall'accusa di aver depistato le indagini: in primo grado arrivò anche la prescrizione per il capo di imputazione riguardante l'informazione alle autorità politiche della presenza di altri aerei in volo la sera dell'incidente. Poi in appello intervenne l'«insufficienza di prove» e ora la Cassazione ha messo la parola fine al processo.
Da Palazzo Chigi non c'è alcun commento. Solo un generico «massimo rispetto per le sentenze» pur «dimostrando sentimenti di vicinanza alle famiglie delle vittime». Più esplicita la sottosegretaria alla Giustizia Daniela Melchiorre, che proviene dalle file della magistratura militare: «27 anni dopo questo esito ha per tutti gli italiani il sapore amaro della sconfitta e per questo sono personalmente vicina alle famiglie delle 81 vittime». Molto duri i commenti di Rifondazione, Verdi, Pdci, Margherita e sinistra Ds mentre la Cdl parla di «schiaffo al governo». E c'è anche Francesco Cossiga che invita il governo a presentare un ddl per il risarcimento. Combattiva Daria Bonfietti, presidente dell'associazione dei parenti: «Non si chiude un bel niente. Non hanno mica processato i colpevoli della strage. Ora il governo deve mobilitarsi per fare luce». Per i vertici dell'Aeronautica militare, la verità è stata finalmente ristabilita: così il capo di Stato maggiore, generale Vincenzo Camporini, può dire che la sentenza della Cassazione ha dissolto per sempre «le ombre gettate ingiustamente sull'Aeronautica militare».
IN PRIMA LINEA
Daria Bonfietti, la presidente dei familiari delle 81 vittime, ora si appella al governo (Emmevi)

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

II relitto del DC9 pazientemente ricostruito. Gli effetti personali delle 81 vittime del volo Itavia. Curato da Christian Boltanski, nasce a Bologna il Museo di Ustica.
La galleria di fantasmi che chiedono giustizia per la strage impunita
Per evitare che, di questo e altri misteri italiani, restino solo schegge

News in archivio

Sentenza del tribunale civile di Palermo, a cui, nel 1990, si erano rivolti i parenti di quattro persone morte il 27 giugno '80. Un verdetto diverso da quello, definitivo, del processo penale
Ustica, giudice ordina risarcimento per quattro vittime della strage
su La Repubblica del 30/05/2007
Sostituire la formula "il fatto non sussiste" con quella "perchè il fatto contestato non è più previsto dalla legge come reato" aprirebbe la strada ai risarcimenti delle vittime
Strage di Ustica, il Pg della Cassazione "Si cambino motivazioni dell'assoluzione"
su La Repubblica del 10/01/2007
Lungo viaggio da Pratica di Mare al capoluogo felsineo. ll velivolo sarà ricostruito nel museo della memoria
Bologna, arrivato il relitto del Dc-9 di Ustica
su La Repubblica del 25/06/2006

In biblioteca

di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0