Da Corriere della Sera del 07/05/2009
Originale su http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_07/gemma_calabresi_pinelli_d...

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime

Gemma Calabresi accoglie la Pinelli

«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono

di Claudio Del Frate

MILANO — Le parole più toccanti arrivano da Gemma Capra, vedova del commissario Calabresi: «È un gesto di grande importanza. Siamo tutti vittime di una stagione di odio e terrorismo». Poi c'è il ragionamento di Manlio Milani, che 35 anni fa perse la moglie nella strage di piazza della Loggia a Brescia: «Lo stato finalmente ammette le sue colpe. Si apre una stagione nuova». Ma ci sono anche le voci di palese dissenso, ad esempio quella di Mariella Magi, vedova dell'agente Dionisi, ucciso da Prima Linea: «Siamo perplessi e imbarazzati».

L’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura.
La decisione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di invitare il 9 maggio al Quirinale anche la vedova dell'anarchico Giuseppe Pinelli in occasione della giornata dedicata alle vittime del terrorismo, ha inevitabilmente provocato divisioni. La notizia, trapelata due giorni fa a Milano in occasione della presentazione di un libro di Corrado Stajano, è stata confermata ieri dal Colle. Licia Rognoni Pinelli, vedova del ferroviere morto precipitando da una finestra della Questura di Milano tre giorni dopo la strage di piazza Fontana, si troverà a fianco di Gemma Capra vedova del commissario Calabresi, assassinato al culmine di una campagna d'odio che lo riteneva falsamente responsabile della morte di Pinelli. Ma l'accostamento non provoca imbarazzo alla vedova del commissario: «In questi 40 anni — dice — non l'ho mai incontrata, ma mi sento di dire che lei, io ed i nostri figli siamo stati tutti vittime di una stagione di odio e di terrorismo. Oggi sento che la nostra sofferenza ci accomuna».

Due anni fa, commemorando la strage di piazza della Loggia, Manlio Milani aveva chiesto esplicitamente un gesto del genere da parte dello Stato. «E ora Napolitano dimostra di avere grande coraggio — commenta Milani da Brescia — compiendo un passo di grande significato umano e politico: al di là di quanto hanno detto le sentenze, per la prima volta lo Stato riconosce una sua responsabilità nella morte di Pinelli». Milani a Brescia ha fondato la «Casa delle memoria» proprio per approfondire i temi legati al terrorismo e agli anni di piombo; tirandosi addosso critiche spesso aspre in questi anni ha dato la parola anche a esponenti dell'estremismo nero, convinto che solo un clima di dialogo sia la premessa per arrivare alla verità sulla «notte della Repubblica». Per questo è convinto che l'apertura di Napolitano porterà con sé una stagione nuova: «Ascoltando la voce di tutte le parti, nessuna esclusa, potrà essere delineato con precisione il quadro storico che determinò quei fatti». E a questo proposito Milani chiede alle istituzioni di tradurre in un atto concreto l'apertura di una fase nuova: «Vengano finalmente resi pubblici i documenti di carabinieri, polizia, apparati dello Stato sui quali viene mantenuto ancora un anacronistico segreto. Il regolamento attuativo sulla nuova legge riguardante il segreto di Stato mi sembra l'occasione più opportuna». Al clima suscitato dall'invito alla vedova Pinelli non si associano però i familiari di molte vittime degli anni di piombo. «È un oltraggio alla memoria delle vittime di piazza Fontana», dice Giovanni Berardi, figlio di un maresciallo della Digos assassinato nel '78. Berardi parla di «ennesimo tentativo di falsa riappacificazione, negando ancora una volta verità e giustizia alle vittime del terrorismo».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

È in Sudafrica: «Voglio tornare». Aiutò Giannettini e Pozzan dopo Piazza Fontana e diede un dossier a Pecorelli
Maletti e gli anni delle stragi. Niente grazia al generale 007
Il no di Napolitano. Due condanne ma nessun giorno in cella
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 29/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009
L'intervista. Il magistrato di piazza Fontana: ora serve una riconciliazione
«Impunità per i protagonisti che sveleranno i misteri»
Il giudice Salvini: sì a una commissione con giuristi e storici

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0