Il Grande Vecchio. Dodici giudici raccontano le loro inchieste sui grandi misteri d’Italia da piazza Fontana a Gladio

Edito da Baldini Castoldi Dalai, 1993
256 pagine, € 10,33
ISBN 8885988598

di Gianni Barbacetto

Quarta di copertina

Giancarlo Stiz è un sessantenne alto e dritto che veste giacche di fustagno e ha una grande passione per la caccia.L’ufficio di Gerardo D’Ambrosio è una stanza al quarto piano del palazzo di giustizia di Milano. 28 maggio 1974, martedì: Gianpaolo Zorzi, studente all’ultimo anno di giurisprudenza, quella mattina è a casa. Erano i primi anni Settanta. Giovanni Tamburino era giudice istruttore al palazzo di giustizia di Padova. Nei primi anni Settanta Guido Salvini era uno studente del liceo Manzoni di Milano.
Antonio Lombardi è un magistrato metodico. Lavora in silenzio, dietro un’aria timidissima.
Rosario Minna scrive romanzi gialli, l’ultimo narra di un personaggio che muore in carcere per un caffè avvelenato. Claudio Nunziata, abile, tenace, duro, lo chiamano Inquisitore, Robespierre, Torquemada rosso. Libero Mancuso: «Chi ha lavorato sui grandi misteri d’Italia sa bene che cosa deve aspettarsi».
Gherardo Colombo, aria da intellettuale svagato, parla accompagnando le parole con brevi gesti secchi della mano. Giuliano Turone nell'81 era un giudice quarantenne esperto e irrequieto, con baffi curati e dita sottili. La sua automobile si chiama Indro. Felice Casson chiama così la sua Mercedes bianca in onore di Indro Montanelli.

Sono questi i dodici giudici protagonisti del «Grande Vecchio», i titolari delle inchieste relative alle stragi che hanno insanguinato il nostro Paese dal 1969 al 1984. Gianni Barbacetto è andato a trovarli nei loro uffici, ne ha raccolto confessioni, sospetti, delusioni e certezze. Li ha interrogati, mettendosi a sua volta nei panni dell’investigatore. Ha ricostruito le loro biografie alla ricerca delle radici di vocazioni così ostinate da sembrare, considerata l’indifferenza, se non l’ostilità, che spesso ha accompagnato il loro lavoro, addirittura autolesionistiche. Ha fatto cioè quello che ogni buon giornalista dovrebbe fare ottenendo in cambio il libro della storia segreta dell’Italia degli ultimi venticinque anni.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'ultimo numero de L'Europeo è dedicato al "decennio frenetico"
Italia Anni '60
di Daniele Protti su L'Europeo del 06/06/2006
L'ultimo numero de L'Europeo è dedicato alle stragi impunite
Gli impuniti. Perchè le tragedie italiane restano senza colpevole
Vajont, Cermis, Porto Marghera, Moby Prince, Ustica, Stazione di Bologna, Portella della Ginestra, Seveso
di Roberto Bortone su mondoacolori.org del 31/03/2006

News in archivio

Un premio contro la violenza in memoria della strage del Circeo
Per educare i giovani al rispetto della donna
su La Repubblica del 05/09/2006
Nel nuovo numero de L'Europeo in edicola
Italia Anni '60, «stagione di contrasti
su Corriere della Sera del 07/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0