Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino

Edito da Mondadori, 2008
200 pagine, € 17,50
ISBN 8804580683

di Giuseppe Ayala

Quarta di copertina

Sono passati quindici anni dalla terribile estate che, con i due attentati di Punta Raisi e di via d'Amelio, segnò forse il momento più drammatico della lotta contro la mafia in Sicilia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino restano due simboli, non solo dell'antimafia, ma anche di uno Stato italiano che, grazie a loro, seppe ritrovare una serietà e un'onestà senza compromessi. Ma per Giuseppe Ayala, che di entrambi fu grande amico, oltre che collega, i due magistrati siciliani sono anche il ricordo commosso di dieci anni di vita professionale e privata, e un rabbioso e mai sopito rimpianto. Ayala rappresentò in aula la pubblica accusa nel primo maxi-processo, sostenendo le tesi di Falcone e del pool antimafia di fronte ai boss e ai loro avvocati, interrogando i primi pentiti (tra cui Tommaso Buscetta), ottenendo una strepitosa serie di condanne che fecero epoca. E fu vicino ai due magistrati in prima linea quando, dopo questi primi, grandi successi, la reazione degli ambienti politico-mediatici vicini a Cosa Nostra, la diffidenza del Csm e l'indifferenza di molti iniziarono a danneggiarli, isolarli. Per la prima volta, Ayala racconta la sua verità, non solo su Falcone e Borsellino, che in queste pagine ci vengono restituiti alla loro appassionata e ironica umanità, ma anche su quegli anni, sulle vittorie e i fallimenti della lotta alla mafia, sui ritardi e le complicità dello Stato, sulle colpe e i silenzi di una Sicilia che, forse, non è molto cambiata da allora.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La donna: li troveranno solo se qualche politico avrà una crisi di coscienza, o se confessano Riina e Provenzano
Falcone, la sorella accusa "Mandanti, chi sa deve parlare"
di Attilio Bolzoni su La Repubblica del 17/05/2007

News in archivio

Approda la Nave della legalità con giovani dalla Sicilia e da tutta Italia. I ragazzi in corteo dal porto di Palermo verso l'aula bunker del maxi processo
Palermo, migliaia di studenti per Falcone. Napolitano: "Battaglia va ripresa e sviluppata"
Maria Falcone: "L'Italia aspetta ancora verità sui mandanti". Grasso: "Dai giovani segnali di speranza"
su La Repubblica del 23/05/2007
L'ufficio requirente di Caltanissetta riapre l'inchiesta sulla strage del 19 luglio 1992. Secondo gli inquirenti apparati deviati del settore informativo avrebbero avuto un ruolo nell'attentato
Borsellino, per la strage di via D'Amelio la procura indaga sui servizi segreti
su La Repubblica del 17/07/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0