All'incrocio tra Bhopal e Marghera. Storie di donne e uomini all'ombra di una multinazionale

Edito da Bradipo Libri, 2007
168 pagine, € 13,00
ISBN 8888329475

di Serena Martinelli

Quarta di copertina

Il dolore del racconto del più grande disastro chimico della storia. E la rabbia dell’assoluta mancanza di giustizia: all’indomani del disastro la Carbide pagò una cifra irrisoria solo alle famiglie che avevano avuto un morto e nulla più. Warren Anderson, presidente della multinazionale ai tempi del disastro, si è dato alla latitanza per sfuggire al processo. La Dow Chemical, che nel ’99 ha acquisito la Union Carbide, non solo si rifiuta di versare risarcimenti, ma non provvede nemmeno alla decontaminazione del sito industriale non sentendosi responsabile: grazie a lei ancora oggi gli abitanti della Spianata nera bevono acqua mortalmente contaminata. Ma chi è questa Dow Chemical? Nota in tutto il mondo soprattutto per il micidiale agente orange, ha al suo attivo altre “chicche”, tra cui il DBCP e un patto di segretezza stretto nel 1972 con la Montedison per tenere nascosti i risultati degli studi che dimostravano la cancerogenità del CVM. Ed è così che una storia apparentemente lontana diventa vicina e Bhopal si incrocia con Marghera e le due storie paiono procedere in un agghiacciante parallelo all’ombra della medesima politica economica che mette il profitto prima dell’uomo e non conosce etica né responsabilità. Si apre così lo sguardo su Marghera sulla verità di quei fatti e sulle tante bugie, sulla storia dei suoi operai morti ammazzati dal CVM lavorato senza precauzione sino al ’74 (mentre l’azienda ne conosceva la tossicità almeno dal ’72), fino ad arrivare al 2001 quando la Montedison vende la sua sezione poliuretani alla Dow Chemical. E da qui il parallelo appare ancora più stretto e procede dritto fino ad arrivare all’incidente del 2002 e alla fuga di toluene isocianato dallo stabilimento della Dow a Marghera. Dunque metil isocianato a Bhopal e toluene isocianato a Marghera, e così via con il drammatico incrocio di storie e di fatti in cui gli uomini e le donne sono scavalcati e annullati in nome del profitto, fino al tragicomico epilogo del dicembre 2003.
Il libro ripercorre la storia di Bhopal, dalla nascita della Union Carbide fino al suo arrivo alla Spianata Nera. E poi la storia della “bella fabbrica” (così viene chiamata) del Sevin, la sua costruzione, i primi anni di lavoro, le speranze i sogni e l’ignoranza dei lavoratori, i primi incidenti, fino alla notte del disastro. I 20.000 morti ammazzati dal MIC in quei giorni, le oltre 500.000 vittime fino a oggi.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0