La strage di Bologna e il terrorista sconosciuto. Il caso Ciavardini

Edito da Bietti Edizioni, 2003
377 pagine, € 16,00
ISBN 8882481484

di Gianluca Semprini

Quarta di copertina

La Strage di Bologna compiuta da un minorenne? Si chiama Luigi Ciavardini, pochi lo conoscono. In questo libro racconta la sua vita, la sua brevissima e drammatica carriera da terrorista. A 16 anni è gia in carcere per una rapina. A 17 anni, siamo nel 1980, conosce i Nar di Mambro e Fioravanti. A maggio prende parte all'omicidio dell'agente Evangelista, viene ferito, fugge per l'Italia latitante. Ad ottobre lo arrestano. Viene condannato a 14 anni anche per l'agguato al giudice Mario Amato. Nel 1986 viene tirato in ballo nel processo per la Strage di Bologna. Si proclama, con decisione, innocente. Nel 2000 viene assolto, nel 2002 - in appello - è nuovamente condannato. Secondo i giudici è lui che ha disposto la bomba che il 2 agosto a Bologna ha distrutto 85 vite. Ma è vero? Fra depistaggi e polemiche alla fine la strage l'avrebbero compiuta in tre: Ciavardini, Fioravanti e Mambro. I due capi dei Nar (Nuclei Armati Rivoluzionari) hanno ammesso tutti loro delitti (insieme sommano 17 ergastoli) ma hanno sempre negato la loro partecipazione alla strage. Li inchioda la dichiarazione di un pentito della Banda della Magliana, Massimo Sparti, che pochi mesi dopo la deposizione si ammala - la diagnosi è di tumore fulminante al pancreas - esce dal carcere, poi scompare. Siamo nel 1981. Oggi è ancora vivo e vegeto. I Nar - secondo l'accusa - sarebbero stata la manovalanza dei servizi segreti deviati e della P2. Alla fine dei processi generali e massoni vengono condannati, ma solo per depistaggio: non si hanno prove del loro ordine stragista. A Bologna avrebbero agito (per la prima volta) da burattini dei poteri deviati. Perché? Se Mambro e Fioravanti hanno il pentito Sparti che li inchioda, Ciavardini sembra avere un'altra colpa: quella di aver dichiarato - sempre: "il 2 agosto ero insieme a Mambro e Fioravanti a Padova. Non a Bologna". Contro di lui c'è solo una deduzione di uno dei tre stupratori del Circeo, Angelo Izzo, e uno strano avvertimento telefonico che nessuno ricorda. E nessuno ha mai indagato su piste alternative a quella "neofascista". 2 agosto 1980, Strage di Bologna: erano passati solo 40 giorni dopo Ustica, la Libia minacciava l'Italia, il nostro paese era crocevia di traffici internazionali di esplosivo. Piste mai analizzate durante 22 anni di inchieste: il più tragico attentato dell'Italia democratica l'avrebbe compiuto un minorenne. Sconosciuto.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0