Da Il Tempo del 02/03/2006
Originale su http://www.iltempo.it/approfondimenti/index.aspx?id=882432

Antonov era con Ali Agca in piazza San Pietro

ERA Sergei Antonov l'uomo fotografato in piazza San Pietro il 13 maggio 1981, giorno dell'attentato a Giovanni Paolo II. Lo ha stabilito una perizia della Polizia Scientifica. L'esame antropometrico, effettuato dagli esperti della Direzione Anticrimine del Polo Tuscolano, era stata richiesta dal capogruppo Ds della commissione Mitrokhin, Walter Bielli e inoltrata alla Polizia dal presidente dell'organismo bicamerale di inchiesta, Paolo Guzzanti. Secondo gli accertamenti effettuati, l'uomo dal colorito olivastro con i baffi e gli occhiali ripreso sulla piazza mentre guarda in direzione del Pontefice, già colpito dalla pistola di Ali Agca, sarebbe proprio Serghei Ivanov Antonov, il bulgaro processato e assolto per insufficienza di prove e sul quale i magistrati che hanno condotto le varie inchieste hanno nutrito sin dall'inizio parecchi dubbi. L'esito della perizia della Scientifica è stato reso noto in commissione Mitrokhin da Paolo Guzzanti. Ma la relazione finale della commissione, presentata ieri a San Macuto, va oltre sul ruolo del caposcalo della Balkan Air. La posizione del bulgaro al di là del colonnato su un'auto pronta per la fuga di Ali Agca, secondo la relazione della commissione, «significa probabilmente che Agca era destinato a morire dopo aver ucciso il Santo Padre e che gli sviluppi convulsi per il fallimento dell'attentato hanno sconvolto i piani. La presenza accertata di altri killer sulla piazza non è in contraddizione con tale ipotesi nè con gli sviluppi di altre vicende». La commissione sul dossier Impedian, che sull'attentato al Papa polacco ha sentito tutti i magistrati italiani che si sono occupati dell'inchiesta, è giunta alla conclusione che «esiste certamente la responsabilità di alcuni elementi dei servizi della polizia segreta bulgara e del Rumno, il Servizio segreto militare». Continuare a parlare di «pista bulgara» è tuttavia, secondo la commissione Mitrokhin, «non soltanto fuorviante, ma costituisce un vero e proprio depistaggio che tende a deviare l'attenzione dall'unica vera pista che è senz'altro sovietica». La relazione osserva inoltre come Emanuela Orlandi venga rapita nel momento più caldo dell'istruttoria, mentre il giudice Ilario Martella è in Bulgaria, e poche ore dopo la conclusione del secondo viaggio in Polonia di Giovanni Paolo II.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

TESTIMONIANZE Incontro con lo storico di Comunione e Liberazione mentre esce il nuovo libro
«Un errore negare l'autopsia su Papa Luciani»
Padre Camisasca racconta i retroscena di tre pontificati
di Aldo Cazzullo su Corriere della Sera del 13/03/2007
A Varsavia sapevano di Agca
Gli 007 polacchi informati in anticipo del complotto. Un loro ufficiale anni dopo lo rivelò al generale Cucchi. Che abbiamo sentito. Ecco la sua versione
di Gigi Riva su L'Espresso del 10/02/2007
COMPLOTTI - CITTA' DEL VATICANO, 1978
Chi ha paura del Papa che sorride?
di Alfio Caruso su La Stampa del 21/08/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0