Da Ansa del 02/06/2006

Ustica - Dopo 26 anni il Governo chiede chiarezza

Dopo 26 anni di inchieste e un fiume in piena di polemiche, il Governo prende una posizione chiara in uno dei «misteri italiani», il disastro di Ustica, una delle più intricate e complesse vicende nazionali. Lo fa con uno breve comunicato: «Il governo ha deciso di dare mandato all'Avvocatura dello Stato, costituita quale parte civile, a proporre ricorso per Cassazione avverso la sentenza della Corte d'Appello di Roma, 6 aprile 2006, relativa alle imputazioni connesse al disastro aereo di Ustica».

A Palazzo Chigi si procede con determinazione ma si fa anche attenzione a non urtare suscettibilità: «Il governo - è anche scritto nella nota - nel ribadire la piena fiducia nell'operato dell'Aeronautica militare ha inteso in questo modo sollecitare, anche a garanzia degli stessi interessati, una piena e definitiva pronuncia della Cassazione in ordine all'assoluta estraneità ai fatti dei soggetti coinvolti e alla corretta interpretazione del nuovo testo delle norme penali poste a tutela dello Stato e delle sue Istituzioni introdotto dalla legge n. 85/2006». La sentenza è quella emessa dalla Corte d'Appello di Roma il 15 dicembre 2005 e pubblicata il 6 aprile del 2006, in cui sono stati assolti i generali dell'Aeronautica Lamberto Bartolucci e Franco Ferri dall'accusa di alto tradimento in relazione a presunti depistaggi delle indagini relative al disastro di Ustica, avvenuto il 27 giugno del 1980. Bartolucci e Ferro omisero di comunicare al Governo informazioni sul disastro aereo di Ustica, secondo l'accusa, e per questo avrebbero tradito. Nella sentenza i due ufficiali vengono assolti con una formula precisa: «Il fatto non sussiste». La Procura Generale nel ricorso sostiene che questa formula deve essere sostituita con un'altra: «Il fatto contestato non è più previsto dalla legge come reato». La legge è, appunto, quella cui fa riferimento Palazzo Chigi, la n.85/2006, entrata in vigore nel periodo compreso tra la lettura del disposizione della sentenza di secondo grado (15 dicembre 2005) e la pubblicazione delle sue motivazioni (6 aprile 2006). In essa si sostiene, tra l' altro, che l'attentato alla Costituzione si configura soltanto compiendo atti violenti. In un certo senso la legge si attaglia alle accuse rivolte dalla magistratura ai due generali dell' Aeronautica. Inoltre, l'utilizzo della diversa formula richiesta nel ricorso della Procura Generale potrebbe rivelarsi un grimaldello giudiziario per riaprire in qualche modo il processo. Bartolucci e Ferro sono gli unici imputati davanti alla Corte di Assise di Appello. In primo grado, il 30 aprile 2004, la terza Corte d'Assise di Roma assolse Bartolucci, Ferri, Zeno Tascio e Corrado Melillo per i presunti depistaggi ma per un capo di imputazione nei confronti dei primi due, riguardante l' informazione alle autorità politiche della presenza di altri aerei la sera dell'incidente, fu considerata la prescrizione. Il Procuratore Generale è impersonato da due dei tre pm del primo grado affidati alla Procura Generale soltanto per questo processo, Erminio Amelio e Maria Monteleone, e da un procuratore generale. Ad oggi ancora non c'è certezza sulle cause del disastro: bomba a bordo, missile, collisione o quasi-collisione. Quest' ultima è ritenuta dal giudice Rosario Priore la causa più verosimile. N‚ c'è chiarezza sullo scenario in cui è avvenuta la tragedia: che il velivolo si sia trovato casualmente coinvolto in un'esercitazione militare, che sia stato usato come schermo per oscure operazioni, che siano stati i libici con una bomba o con un missile a farlo saltare, oppure con un Mig ritrovato tempo dopo sulla Sila. Ma ci sono anche altre ipotesi: è stato un tentativo fallito di abbattere l'aereo di Gheddafi; il DC9 fu colpito da un missile lanciato da un sottomarino francese, o da israeliani che intendevano abbattere un aereo francese diretto in Iraq. Qualcuno ha anche sostenuto che la tragedia è collegata alla strage di Bologna. Sospetti si sono addensati anche su casi apparentemente molto distanti dalla vicenda Ustica. Molti hanno sollevato dubbi su presunti collegamenti con l'incidente delle frecce tricolori a Ramstein, le uccisioni del gen. Giorgieri da parte del terrorismo di sinistra e del gen. Boemio a Bruxelles, e inoltre incidenti stradali e suicidi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

II relitto del DC9 pazientemente ricostruito. Gli effetti personali delle 81 vittime del volo Itavia. Curato da Christian Boltanski, nasce a Bologna il Museo di Ustica.
La galleria di fantasmi che chiedono giustizia per la strage impunita
Per evitare che, di questo e altri misteri italiani, restino solo schegge
La Cassazione assolve i generali. Il capo dell'Aeronautica: «Cancellate le ombre». Il legale dei familiari: «Siamo indignati»
Ustica, nessun colpevole. E nessun risarcimento
L'ira dei parenti delle vittime. Il governo: benefici già previsti nella Finanziaria
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 11/01/2007

News in archivio

Sentenza del tribunale civile di Palermo, a cui, nel 1990, si erano rivolti i parenti di quattro persone morte il 27 giugno '80. Un verdetto diverso da quello, definitivo, del processo penale
Ustica, giudice ordina risarcimento per quattro vittime della strage
su La Repubblica del 30/05/2007
Sostituire la formula "il fatto non sussiste" con quella "perchè il fatto contestato non è più previsto dalla legge come reato" aprirebbe la strada ai risarcimenti delle vittime
Strage di Ustica, il Pg della Cassazione "Si cambino motivazioni dell'assoluzione"
su La Repubblica del 10/01/2007
Lungo viaggio da Pratica di Mare al capoluogo felsineo. ll velivolo sarà ricostruito nel museo della memoria
Bologna, arrivato il relitto del Dc-9 di Ustica
su La Repubblica del 25/06/2006

In biblioteca

di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
di Ray Cipson, Mark Demon
Lo Vecchio, 2008
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0