Da La Stampa del 02/08/2006

Strage di Bologna, 26 anni dopo

Sono passati 26 anni dall'attentato alla stazione bolognese che costò la vita di 85 persone

MARINI AI FAMILIARI DELLE VITTIME
Il presidente del Senato Franco Marini ha inviato un telegramma al sindaco di Bologna Sergio Cofferati in occasione del 26/mo anniversario della strage alla Stazione di Bologna. Il messaggio di Marini è rivolto ai famigliari delle vittime e a tutti i bolognesi. «Anche a distanza di tanti anni nessuna comprensione è possibile per le ragioni di un gesto così assurdo - scrive Marini -. Nessun perdono per gli assassini, nessuna acquiescenza verso coloro che non ritengono indispensabile arrivare ad una chiara, definitiva, giusta verità. Rimane quest'anno come ogni anno la necessità che il ricordo e lo sdegno si rinnovino e ancora una volta diventino una motivazione per ciascuno di noi perchè la violenza da chiunque promossa continui ad essere considerata semplicemente per quello che sempre è: un drammatico, stupido , inutile errore». «Per l'insegnamento che dobbiamo ai nostri figli - conclude il telegramma del presidente del Senato - e ai figli dei colpiti di allora ti sia vicina la nostra ferma e consapevole solidarietà, contro ogni cedimento alla stanchezza che inevitabilmente porta il tempo».

L'APPELLO DI PAOLO BOLOGNESI
«Noi aspettiamo delle risposte dal governo Prodi che non devono essere dei convenevoli ma degli impegni». Questo è l'appello che il presidente Associazioni famigliari vittime della strage alla stazione di Bologna, Paolo Bolognesi, indirizza al presidente del Consiglio, Romano Prodi, in occasione della cerimonia per il 26esimo anniversario della strage di Bologna del 2 agosto 1980.

«Il dimenticarsi tutto il giorno dopo l'anniversario -continua Bolognesi- è il fallimento della classe politica che dopo 25 anni non ha assicurato alla giustizi ai mandanti». «Visto che le leggi proposte da alcuni anni, ed il segreto di Stato da 22 anni, non hanno avuto nessun risultato -conclude Bolognesi- sarebbe ora che adesso arrivassero degli impegni precisi».

IL MESSAGGIO DI NAPOLITANO
«Ai familiari delle vittime innocenti e al loro anelito di verità rivolgo un commosso pensiero interpretando i sentimenti di solidarietà di tutti gli italiani uniti oggi nella memoria di quel terribile giorno». Queste le parole che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha indirizzato a Paolo Bolognesi, presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna, e a tutti quanti ricordano oggi quel triste giorno, in occasione del 26esimo anniversario.

«Sono passati 26 anni -ricorda infatti Napolitano- dall'attentato del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna che costò tanti caduti, tanti feriti e tanto dolore, creando sgomento nell'intero Paese scosso dalla viltà e dalla ferocia di quel tremendo fatto criminoso che mirava a scardinare il nostro sistema democratico».

«Con la città di Bologna tutta l'Italia trovò subito la forza di reagire e ha mantenuto nel tempo la determinazione a consolidare i valori fondanti della Repubblica e la volontà di costruire prospettive sicure per la convivenza civile».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0