Da Corriere della Sera del 02/08/2006

La bomba esplose alla stazione il 2 agosto 1980: 85 morti e 200 feriti

Strage di Bologna: Marini, nessun perdono

Molti messaggi nella giornata del ricordo. Il sindaco Cofferati: «La ferita si rimargina solo con la verità»

BOLOGNA - C'è stato l'indulto, ma per gli autori della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 «non c'è alcun perdono». È la dura condanna del presidente del Senato, Franco Marini, espressa in un messaggio inviato in occasione dell'anniversario del massacro. «Nessuna acquiescenza verso coloro che non ritengono indispensabile arrivare a una chiara, definitiva, giusta verità», ha proseguito Marini.
Fischi isolati di 6-7 anarchici (contestati a loro volta), molti applausi. La contestazione che negli anni scorsi aveva accompagnato e condizionato la commemorazione, soprattutto contro gli esponenti del governo Berlusconi, quest'anno è stata molto ridimensionata.
MESSAGGI - Sono stati numerosi i messaggi inviati dalle massime autorità dello Stato. «La strage alla stazione di Bologna è una delle troppe pagine nere del nostro Paese. Una ferita inferta alla democrazia, una ferita lacerante che ancora oggi non si rimargina. Il dovere delle istituzioni è quello di lavorare ogni giorno per il trionfo della veritá e della giustizia», ha scritto il presidente del Consiglio, Romano Prodi.
L'attentato creò «sgomento nell'intero Paese, scosso dalla viltà e dalla ferocia di quel tremendo fatto criminoso che mirava a scardinare il nostro sistema democratico». Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una lettera a Paolo Bolognesi, presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime della strage.
«La tragedia del 2 agosto 1980 rappresenta uno dei simboli più drammatici dell'orrore cui è potuto giungere il terrorismo nel nostro Paese», ha detto il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, nel suo messaggio.
«SOLO VERITÀ RIMARGINA LA FERITA» - «Abbiamo continuato a ricordare perché la verità giudiziaria e quella storica si completassero, per chiudere una ferita profonda che si potrà rimarginare solo quando non resteranno zone d’ombra», ha detto il sindaco di Bologna, Sergio Cofferati, intervenendo in consiglio comunale.

«FALLIMENTO NON SCOPRIRE MANDANTI» - «Vogliamo sentire impegni precisi dal governo, perché del segreto di Stato parliamo da 22 anni», ha replicato Paolo bolognesi, presidente dell'Associazione vittime del 2 agosto. «Il fatto che in 26 anni non si sia riusciti ad assicurare alla giustizia i mandanti, lo considero anche un fallimento della classe politica e di chi ha presieduto le istituzioni».

SEGRETO DI STATO: C'È O NON C'È? - «Sulla strage di Bologna il segreto di Stato non c'è e di conseguenza chi lo invoca lo confonde con il segreto sugli atti di indagine, che dipende dalla magistratura». Lo afferma il consigliere regionale emiliano di Forza Italia, Andrea Leoni. Il ministro per l'Attuazione del programma, Giulio Santagata: «Il segreto di Stato non è mai stato sollevato sulla strage di Bologna. Il governo s'impegna a nominare un commissario straordinario per garantire una più efficace applicazione della legge 206 del 2004 sulle nuove norme a favore delle vittime del terrorismo, e ancora in parte inapplicata», ha assicurato Santagata.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0