Da Il Tempo del 19/11/2006

Caso Moro, le figlie accendono il dibattito «a distanza»

di ALESSIA FREDA LATINA

Si torna a parlare del caso Moro. Ad accendere il dibattito ci hanno pensato, seppur a distanza, le figlie dello statista ucciso nel 1978 dopo 55 giorni di prigionia. Agnese, a Latina in occasione del convegno Se ci fosse luce, ha incontrato per la prima volta Alberto Franceschini (fondatore insieme a Renato Curcio delle Brigate Rosse) e ha regalato ai presenti un ritratto umano del presidente della Democrazia Cristiana: «Era semplicemente mio padre, quello che mi portava l’acqua la sera quando ero a letto, quello che non era capace di aggiustare una lampadina e che, quando era lontano da casa, ci ricordava sempre di spegnere il gas. Era un tipo riservato e, quando andavamo al mare a Terracina, scendeva in spiaggia con la giacca e la cravatta». Da un lato, quindi, una città, Latina, che non vuole dimenticare e che ad Aldo Moro dedica persino uno spettacolo teatrale, curato dal regista pontino Giancarlo Loffarelli e in scena dal 6 all’8 febbraio al D’Annunzio. Dall’altro Maria Fida che, all’epoca della strage di via Fani, aveva 31 anni. Ospite di Tg2 Dieci Minuti, il rotocalco di attualità condotto da Maurizio Martinelli, a un’ora di distanza dal convegno pontino, ha acceso nuovamente il dibattito in occasione dell’uscita del libro I silenzi degli innocenti di Antonio Fasanella. Un testo che vuole dare voce a chi non l'ha mai avuta. Anzi, a coloro cui è stata, in mille modi, negata. Solo i carnefici sono stati chiamati a testimoniare su quei terribili anni. L'Italia, rischia di essere l'unico Paese al mondo dove paradossalmente la storia la si lascia scrivere dagli ex terroristi. Avvicinando le vittime (scampati o sopravvissuti a stragi e attentati) e i loro familiari, si ascoltano così racconti di delusioni, di solitudine e di disinteresse da parte delle Istituzioni. «Avrei preferito morire anch’io in quell’attentato - ha dichiarato Maria Fida Moro - La mia vita è cambiata da quel giorno, così come quella di mio figlio. L’Italia ha ignorato l’anniversario della strage di Nassiriya? Non è stato il Paese a ignorarlo, ma le Istituzioni che mal lo rappresentano».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A 29 anni dal rapimento parla uno dei più stretti collaboratori dello statista ucciso dalle Br: venne sacrificato per la ragione di Stato e del partito
«E Piccoli disse: se Moro torna sono dolori»
I ricordi di Corrado Guerzoni: la Dc seguì il Pci, e non fece nulla per salvarlo
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 16/03/2007
LA LETTERA. Una lettera del presidente della Repubblica al nostro giornale. Il capo dello Stato chiede più attenzione nell'informazione televisiva
Ex br in tv, chiedo rispetto per le vittime del terrorismo
di Giorgio Napolitano su La Repubblica del 13/03/2007

News in archivio

La donna, braccio destro di Mario Moretti, condannata diversi ergastoli. Quasi tutti i parenti delle vittime si erano detti contrari alla scarcerazione
Br, libertà condizionata alla Balzerani partecipò al commando che sequestrò Moro
su La Repubblica del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0