Da APCom del 17/11/2006

Somalia. Armi italiane per il governo provvisorio somalo

Almeno 18 camion dell'Esercito italiano sarebbero arrivati nel 2005 nel porto di El Maan, alle porte di Mogadiscio e si sarebbero diretti poi nella località di Johwar, allora sede del governo provvisorio, su alcuni degli automezzi sarebbero state montate mitragliatrici anti-aeree; lo sostiene una nuova inchiesta di Rainews 24, citata dalla Misna, nelle stesse ore in cui un nuovo rapporto di esperti dell'Onu denuncia il presunto coinvolgimento di 10 governi di Africa e Medio Oriente nella fornitura di armi alla Somalia malgrado l'embargo internazionale.

Nel maggio scorso un precedente dossier del Palazzo di Vetro - al quale si riferisce la prima parte dell'inchiesta - indicava anche l'Italia tra i paesi che hanno violato il divieto di vendere armi alla Somalia introdotto nel 1992 dopo il crollo del regime di Siad Barre e l'inizio della guerra civile. Secondo il coordinatore degli ispettori Onu Bruno Schiemsky, le risposte fornite dal governo italiano - totale estraneità all'invio di camion e ammissione di sei spedizioni aeree di materiale attraverso la cooperazione - "più che offrire risposte, apre nuovi interrogativi".

Secondo l'Italia - come si legge in una lettera della rappresentanza del nostro paese all'Onu, ricordata dalla Misna - i camion potrebbero essere stati esportati da un privato ma nessuna documentazione in merito è stata fornita dalle autorità né sono stati indicati eventuali acquirenti degli automezzi dell'esercito.

L'inchiesta di Rainews 24 chiama ancora in causa l'Italia anche nel nuovo rapporto appena presentato al Consiglio di sicurezza, nel quale si accusa l'Eritrea di aver fornito armi alle Corti islamiche che controllano Mogadiscio: il governo di Asmara avrebbe acquistato da un'azienda italiana componenti per i caccia 'Mb 339', regolarmente registrata in base alla legge sul commercio internazionale di armi, che prevede però il blocco delle forniture verso i paesi destinatari di aiuti della Cooperazione governativa. Come nel caso dell'Eritrea.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Rieplode la guerra civile in Somalia
La battaglia di Mogadiscio
di Luciano Scalettari su Famiglia cristiana del 14/04/2007
Pena di morte, da Addis Abeba il premier spinge per la moratoria
L'Italia all'Unione Africana: «Siamo pronti a ospitare un summit sulla Somalia»
Prodi: nei negoziati anche i moderati delle Corti islamiche
di Francesco Alberti su Corriere della Sera del 30/01/2007
La drammatica avventura dell'inviato del Corriere in Somalia
«Le mie ore di terrore in mano ai miliziani»
Massimo Alberizzi arrestato e portato all'aeroporto di Mogadiscio. «Il luogo ideale per un'esecuzione». L'interrogatorio e il rilascio
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0