Da La Repubblica del 02/08/2005

Ciampi: " Sdegno sempre vivo". La piazza fischia Tremonti

Le celebrazioni del 25ennale della strage di Bologna. Pera: "Contro il terrorismo mai abbassare la guardia"

Romano Prodi: "Limitare il segreto di Stato"
BOLOGNA - A 25 anni dalla strage di Bologna "lo sgomento e lo sdegno per tanta inaudita ferocia rimangono vivi nella coscienza civile degli italiani, così come rimane viva la solidarietà per i familiari delle vittime innocenti". E' questo uno dei passi del messaggio inviato dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi a Paolo Bolognesi presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime.

Contestato Tremonti. Fortissima la contestazione al vice presidente del consiglio, Giulio Tremonti. Fischi, urla ("vattene", vergogna"), provenienti da tutti i settori del piazzale davanti alla stazione, non solo dalla parte occupata dai no global. E il piazzale si è svuotato almeno per metà. "Bella piazza", il commento sarcastico rivolto da Tremonti a Cofferati. Al termine Tremonti non ha commentato la contestazione. "Sarebbe stato meglio non fischiare" ha detto Prodi.

La piazza in silenzio. A conclusione del discorso che dal palco ha tenuto il presidente dell'associazione dei familiari, Paolo Bolognesi, è stato osservato un minuto di silenzio, annunciato con tre fischi della locomotiva. Piazza Medaglie d'oro, antistante l'ingresso della stazione, gremita dalla folla è rimasta in religioso silenzio fino all'ultimo fischio tradizionale della locomotiva.

Prodi. Il segreto di stato "deve essere limitato e funzionale all'interesse comune, ma sempre limitato". Romano Prodi tocca uno dei temi delicati legati alla manifestazione di oggi: l'abolizione del segreto di stato riguarda "in genere la nostra legislazione, non solo il problema della strage di Bologna". Dunque, afferma Prodi, questo argomento "non dobbiamo tirarlo fuori nelle occasioni singole e frammentate", perché è invece "un problema da affrontare in modo serio, generale, organico". E nell'ottica di uno "stato più trasparente, sempre e comunque in cui- conclude Prodi- il segreto di stato deve essere limitato e funzionale all'interesse comune, ma sempre limitato".

Pera. Il presidente del Senato, Marcello Pera, invece, ha proposto un parallelismo tra i vecchi e i nuovi terrorismi: "Il terrorismo non è un fenomeno legato al passato e non bisogna abbassare la guardia. Così oggi abbiamo nuovamente conferma che i terroristi minacciano ancora lo svolgersi quotidiano e ordinato delle nostre democrazie. Il terrorismo non vincerà"

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
La nuova inchiesta Lo «Sciacallo» tira in ballo i servizi segreti americani. Torna la pista del tedesco Kram
Carlos «assolve» Mambro e Fioravanti
Strage di Bologna, è stato interrogato per la prima volta a Parigi
di Biagio Marsiglia su Corriere della Sera del 26/04/2009

News in archivio

La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Cofferati: "Per arrivare alla verità si operi senza nessuna zona di incertezza"
Strage Bologna, si celebra il 27° anniversario. Bolognesi: "Sul web i documenti dei servizi"
Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
La bomba scoppiò alle 10.25 del 2 agosto 1980 nel piazzale della stazione. Il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime si scaglia contro "l'omicidio politico"
Strage Bologna, le accuse di Bolognesi. "In Parlamento gli amici dei terroristi"
Prodi: "Le vittime hanno bisogno di verità per perdonare, e anche la democrazia ne ha bisogno". Napolitano: "Indispensabile mantenere viva la memoria di quella drammatica stagione"
su La Repubblica del 02/08/2007
Comunicato stampa: dal libro di Riccardo Bocca rivelazioni sulla strage di Bologna
Fonte: Associazione Familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna
su mondoacolori.org del 28/06/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0