Da Il Manifesto del 14/05/2003

La quarta volta di Ovidio Bompressi

TRIBUNALE SORVEGLIANZA DEVE DECIDERE SU BOMPRESSI

Oggi il tribunale di sorveglianza decide per l'ennesima volta se Bompressi dovrà rimanere in carcere

Oggi il tribunale di sorveglianza di Genova si ritrova davanti il caso di Ovidio Bompressi, il condannato per il delitto Calabresi che in cella si consuma fino al rischio della vita. La sua incompatibilità con il carcere è già stata dimostrata per tabulas tre volte. E per tre volte i medici, il conforto degli affetti familiari e il calore della sua città - Massa - hanno salvato Bompressi. Scaduti a febbraio i quattro mesi di detenzione domiciliare concessigli dal tribunale di sorveglianza di Firenze quand'era uscito l'ultima volta dal don Bosco di Pisa, il giudice di sorveglianza di Massa aveva disposto la sospensione temporanea della pena. In attesa che il tribunale di Genova decidesse cosa fare. A Genova, forse, speravano che nel frattempo il problema fosse risolto alla radice, accogliendo la seconda domanda di grazia presentata per Bompressi dalla moglie e dalla figlia. La prima istanza, firmata da Bompressi, il ministro Castelli l'aveva bocciata perché inopportuna. Sulla seconda non si è mai pronunciato e resta chiusa in un cassetto in via Arenula. Così il tribunale di sorveglianza è "obbligato" a pronunciarsi. Ha solo due possibilità. O rispedisce Bompressi al don Bosco, valutanto che le sue condizioni di salute sono migliorate (e per fortuna lo sono), e nel giro di 15 giorni il caso per la quarta volta si riproporrà tal quale. Oppure prende tempo, disponendo una nuova perizia che terrà per una manciata di mesi Bompressi a casa. Anche in questo caso, continuando a latitare la grazia, il problema si ripresenterà. Chi vuol bene a Bompressi - e questo giornale gliene vuole - si sorprende a chiedersi se un nuovo drammatico soggiorno in carcere non renderebbe finalmente obbligatoria la concessione della grazia. E' un pensiero cinico e brutale, lo sappiamo. Ma che la grazia sia l'unica soluzione è arcinoto, anche per Sofri che non l'ha chiesta. A Strasburgo la Corte europea di giustizia, a cui si sono appellati Sofri, Bompressi e Pietrostefani (riparato a Parigi), sta impiegando più tempo del previsto per pronunciarsi sull'ammissibilità del ricorso. Un pronunciamento positivo finirebbe comunque nell'imbuto della grazia. E fin che Berlusconi avrà le sue personali gatte da pelare con la giustizia, la grazia per Sofri e Bompressi non farà un passo avanti. Rientrato questo impedimento, ne verrà fuori un altro. E così via in una catena infinita che solo una decisione quirinalizia potrebbe spezzare. Oggi alle 18 al Teatrino dei Servi di Massa il comitato "La città per Ovidio" torna sollecitare la grazia per Bompressi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Domani a Milano la targa per il commissario morto nel 1972. "Solo dopo 35 anni una targa gli restituisce la dignità"
Gemma Calabresi: "Solo ora torno dove uccisero Luigi"
di Dario Cresto-Dina su La Repubblica del 16/05/2007
In libreria dall'8 maggio "Spingendo la notte più in là" scritto dal figlio del commissario ucciso nel '72.
Il giorno che uccisero Calabresi, mio padre. Quell'agguato alla Cinquecento blu
Pubblichiamo alcuni stralci del romanzo: "Di quel 17 maggio mi resta un ricordo netto, preciso"
di Mario Calabresi su La Repubblica del 04/05/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006

News in archivio

L'ex leader di Lotta Continua stava beneficiando del differimento della pena. Il provvedimento è stato adottato dal giudice per la persistenza di rischi per la salute
Il tribunale di sorveglianza di Firenze concede a Sofri la detenzione domiciliare
su La Repubblica del 02/07/2007
Il silenzio della vedova del commissario e dei figli, nessuno li ha avvisati del provvedimento per Bompressi
La famiglia Calabresi non avvertita della grazia
su La Repubblica del 01/06/2006
Grazia: Sofri, nessun commento
Su Bompressi e sul suo caso dopo le parole di Mastella
su Ansa del 01/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0