Da Ansa del 04/03/2003

SOFRI: AL VIA UDIENZA DAVANTI A CORTE EUROPEA

Dell'inviato Francesco Cerri

Dopo una saga giudiziaria di oltre 15 anni, 9 processi, altrettante sentenze in altalena fra colpevolezza e assoluzione, il caso Sofri approda a Strasburgo.
La corte europea dei diritti umani ha tenuto oggi una udienza di tre ore sul ricorso presentato contro lo stato italiano dall'ex-leader di Lotta Continua, con Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani, tutti e tre condannati a 22 anni di carcere in ultima istanza per l'omicidio Calabresi sulla base delle accuse del 'pentito' Leonardo Marino. L'Italia e' accusata di avere violato, in questo lungo e travagliato iter giudiziario gli articoli della Convenzione europea dei diritti umani sull'equo processo e sul diritto alla liberta' e alla sicurezza. Nel giro di 2-3 settimane ora la corte di Strasburgo dovra' decidere se dichiarare o meno ammissibile il ricorso. Poi, se la decisione sara' positiva, entro settembre ci sara' la sentenza.
I tre principali interessati non erano presenti all'udienza: Adriano Sofri, in carcere a Pisa, avrebbe voluto esserci ma non e' stato autorizzato a recarsi a Strasburgo dalla giustizia italiana. Una decisione che ha suscitato un mare di polemiche. Bompressi, uscito dal carcere per gravi motivi di salute, non era in condizione di muoversi, e Pietrostefani, latitante in Francia dove gode di piena liberta' di movimento, ha preferito non essere presente. C'erano invece in prima fila fra il pubblico, davanti ai 12 giudici della quarta sezione della corte europea che dovra' pronunciarsi sul caso Sofri, il fratello di Adriano, Gianni, seduto vicino al leader radicale Marco Pannella venuto a denunciare il parallelismo, 20 anni dopo, con la vicenda di Enzo Tortora.
SOTTO ACCUSA GIUSTIZIA ITALIANA - L'attacco sferrato alla giustizia italiana, o perlomeno a quella parte che ha gestito la vicenda Sofri, dal legale dell' ex-leader di Lc, Alessandro Gamberini, e' stato durissimo. L'avvocato ha denunciato le violazioni del "principio di imparzialita' del giudice" in "tre decisivi momenti" dell' interminabile vicenda giudiziaria di Sofri, ma anche dei diritti della difesa sanciti dall'Europa. Gamberini ha parlato della situazione della nomina del presidente della corte d'assise, Minale, a Procuratore della repubblica aggiunto di Milano, mentre era ancora in corso il primo processo. "Quando ha scritto la sentenza aveva gia' preso le nuove funzioni, trovandosi cosi a giudicare le richieste di un pm che stava per divenire un suo sottoposto" ha accusato l'avvocato di Sofri.
Gamberini ha anche denunciato la ormai famosa "sentenza suicida", l'assoluzione pronunciata nel 1993 dalla corte di assise di appello di Milano ma con una motivazione curata dal giudice Pincioni dedicata solo nelle 4 ultime pagine alle ragioni dell'assoluzione e nelle altre 382 a quelle in favore della colpevolezza. "Se fosse stata scritta diversamente avrebbe potuto chiudere definitivamente" la vicenda giudiziaria di Sofri e compagni, ha detto Gamberini. Venne invece annullata dalla Corte di Cassazione. L'avvocato di Sofri ha anche puntato il dito contro il presidente della terza sezione della corte di assise di Milano Della Torre, "animato da un forte pregiudizio nei confronti degli imputati", contro la scomparsa delle 'prove' dell'omicidio Calabresi dopo l'arresto di Sofri e compagni, le "bugie" di Marino, "coperte" dai carabinieri, il silenzio consentito in fase di revisione a Antonia Bistolfi, la compagna di Leonardo Marino, loro grande e unico accusatore.
NESSUN COMPLOTTO, AVVOCATO DEL GOVERNO - L'avvocato del governo Francesco Crisafulli ha cercato di smantellare il lungo 'j'accuse' dell'avvocato di Sofri. Crisafulli ha denunciato la teoria del 'complotto', che sarebbe all'origine della condanna dei tre ex-di Lotta Continua per un delitto di cui si sono sempre proclamati innocenti. L'avvocato del governo ha anche contestato sul piano procedurale la ricevibilita' della denuncia alla corte di Strasburgo sostenendo che non sono state esaurite le "vie di ricorso interne" previste dalla Convenzione europea.
Ora tutto e' nelle mani dei 12 giudici europei della quarta sezione, presieduta dal britannico Sir Nicolas Bratza, autore di un curioso lapsus al termine dell'udienza. "Renderemo successivamente la nostra sentenza sul merito" ha prima detto - dando la sensazione di considerare scontata l'ammissibilita' - concludendo la riunione. "No, scusate, prima decideremo sulla ricevibilita'" si e' subito corretto.
Se la Corte europea dara' loro ragione, gli avvocati di Sofri sperano di ottenere da Strasburgo non solo una "compensazione morale", cioe' il riconoscimento delle violazioni intervenute nel processo, ma anche una pressione giuridica per l'Italia affinche' - detto il co-difensore Benedetto Nascimbene - "ci sia l'obbligo per lo stato di rimettere le cose a posto".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Domani a Milano la targa per il commissario morto nel 1972. "Solo dopo 35 anni una targa gli restituisce la dignità"
Gemma Calabresi: "Solo ora torno dove uccisero Luigi"
di Dario Cresto-Dina su La Repubblica del 16/05/2007
In libreria dall'8 maggio "Spingendo la notte più in là" scritto dal figlio del commissario ucciso nel '72.
Il giorno che uccisero Calabresi, mio padre. Quell'agguato alla Cinquecento blu
Pubblichiamo alcuni stralci del romanzo: "Di quel 17 maggio mi resta un ricordo netto, preciso"
di Mario Calabresi su La Repubblica del 04/05/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006

News in archivio

L'ex leader di Lotta Continua stava beneficiando del differimento della pena. Il provvedimento è stato adottato dal giudice per la persistenza di rischi per la salute
Il tribunale di sorveglianza di Firenze concede a Sofri la detenzione domiciliare
su La Repubblica del 02/07/2007
Il silenzio della vedova del commissario e dei figli, nessuno li ha avvisati del provvedimento per Bompressi
La famiglia Calabresi non avvertita della grazia
su La Repubblica del 01/06/2006
Grazia: Sofri, nessun commento
Su Bompressi e sul suo caso dopo le parole di Mastella
su Ansa del 01/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0