Da Ansa del 28/02/2003

Sofri non andrà a Strasburgo, neanche in manette

SOFRI NON ANDRA' A STRASBURGO

Respinto il ricorso presentato da Adriano Sofri contro il provvedimento del magistrato di Pisa che aveva negato all'ex leader di Lotta Continua il permesso per deporre davanti alla Corte Europea.

FIRENZE - Adriano Sofri non potrà andare a Strasburgo. Nè da uomo libero e neppure in manette. La notizia proviene dall' Amministrazione Penitenziaria che fa sapere - in modo stringato - "non è prevista la presenza nella città francese" dell'ex leader di Lotta Continua.
Il Tribunale di sorveglianza di Firenze ha infatti respinto il ricorso presentato da Adriano Sofri contro il provvedimento del magistrato di sorveglianza di Pisa che il 17 febbraio scorso gli aveva negato un permesso richiesto per recarsi a deporre davanti alla Corte Europea di giustizia di Strasburgo. Alla base del provvedimento vi sarebbero questioni di "sicurezza ed ordine pubblico".
"Una motivazione siffatta, - dice il difensore di Adriano Sofri, Alessandro Gamberini-, se confermata, più che un insulto sarebbe un'argomentazione farsesca". "Del resto - spiega - la Convenzione internazionale a cui ha aderito anche l'Italia, che assicurava il diritto a Sofri di essere presente all' udienza europea, ha come unica possibilità di deroga quella di invocare, da parte dello Stato che esprime il suo rifiuto ad acconsentire la presenza del ricorrente, solo ragioni di ordine e sicurezza pubblica".
In primo tempo, era stata ventilata l'ipotesi che potesse recarsi in Francia scortato, ma non gli è stata concessa neanche questa possibilità.
E dalle pagine del Foglio, in una lettera a Giuliano Ferrara Sofri scrive: "All'udienza sarei stato superfluo, non dovevo parlare, solo essere presente in una circostanza meramente simbolica, dunque per me suprema".
"Non è previsto dalla legislazione italiana in materia". sottolinea - invece - il presidente del Tribunale di sorveglianza di Firenze, Vincenzo Sapere, che comunque non era nel collegio che ha respinto il ricorso. "Nel caso di Sofri - ha affermato il magistrato - c' erano probabilmente le condizioni perché gli venisse concesso un permesso premio che gli consentisse, senza scorta, di spostarsi in Italia. Ma non è consentito che un detenuto in carcere possa lasciare, anche momentaneamente, il paese. L' unica possibilità di espatrio temporaneo - aggiunge poi - per un cittadino detenuto in Italia sarebbe un differimento temporaneo dell' esecuzione della pena,che dovrebbe comunque essere motivato da gravi condizioni di salute e dall' esistenza fuori del nostro paese di qualche centro clinico specializzato in cure che in Italia non sarebbe possibile fare".
L' ex leader di Lotta Continua, condannato a 22 anni di carcere con Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani per l' omicidio del commissario Calabresi, aveva chiesto un permesso - per la prima volta - per uscire dal carcere di Pisa e poter andare a Strasburgo da solo senza gli agenti di scorta. Ma l'istanza era stata respinta dal magistrato pisano. Da qui il ricorso, presentato il 19 febbraio dall'avvocato Gamberini. Il Tribunale di sorveglianza di Firenze lo ha però respinto ritenendo che la decisione del magistrato pisano fosse correttamente ed adeguatamente motivata.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Domani a Milano la targa per il commissario morto nel 1972. "Solo dopo 35 anni una targa gli restituisce la dignità"
Gemma Calabresi: "Solo ora torno dove uccisero Luigi"
di Dario Cresto-Dina su La Repubblica del 16/05/2007
In libreria dall'8 maggio "Spingendo la notte più in là" scritto dal figlio del commissario ucciso nel '72.
Il giorno che uccisero Calabresi, mio padre. Quell'agguato alla Cinquecento blu
Pubblichiamo alcuni stralci del romanzo: "Di quel 17 maggio mi resta un ricordo netto, preciso"
di Mario Calabresi su La Repubblica del 04/05/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006

News in archivio

L'ex leader di Lotta Continua stava beneficiando del differimento della pena. Il provvedimento è stato adottato dal giudice per la persistenza di rischi per la salute
Il tribunale di sorveglianza di Firenze concede a Sofri la detenzione domiciliare
su La Repubblica del 02/07/2007
Il silenzio della vedova del commissario e dei figli, nessuno li ha avvisati del provvedimento per Bompressi
La famiglia Calabresi non avvertita della grazia
su La Repubblica del 01/06/2006
Grazia: Sofri, nessun commento
Su Bompressi e sul suo caso dopo le parole di Mastella
su Ansa del 01/06/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0