Da Gazzetta del Mezzogiorno del 15/03/2006
Originale su http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_interni_NOTIZIA_01.asp?IDNo...

La mancanza del numero legale ha «sepolto» la Mitrokhin

Doveva far luce sul dossier dell'ex archivista del Kgb ma, nata tra le contestazioni e andata avanti tra le polemiche, la Commissione guidata da Paolo Guzzanti ha concluso i lavori senza poter approvare il documento finale
ROMA - Chiude senza un voto sulla relazione presentata dal presidente Paolo Guzzanti (Fi) la commissione di inchiesta sul dossier Mitrokhin che aveva l’incarico di far luce sulla querelle nata dalla fuga dell’ex archivista del Kgb con un ricco dossier sull’attività del servizio sovietico in Occidente. Uno stallo frutto della mancanza del numero legale: due voti in meno del quorum di 21 necessari per approvare il documento finale. L’organismo parlamentare d’inchiesta chiude così i battenti in un clima di forti polemiche e contestazioni che fa dire all’Unione che mai si era raggiunto un livello così basso nel Parlamento italiano.
In apertura di seduta, era stato il senatore a vita Giulio Andreotti a proporre di non passare al voto ma di rinviare tutto ad una eventuale nuova commissione che approfondisca nella prossima legislatura quanto di utile (ma non concluso) si è accumulato negli archivi di San Macuto. Ma la proposta aveva ricevuto un sostanziale no da parte di Forza Italia e, quando al sette volte presidente del Consiglio si è fatto notare che non vi erano dei precedenti, Andreotti ha risposto con una delle sue fulminanti battute: «Anche la morte non ha precedenti prima che accada».
Il dibattito si è protratto perchè la maggioranza cercava di raggiungere il quorum utile. Constatato che ciò non era possibile, si è arrivati al dunque con la verifica della mancanza del numero legale e quindi la chiusura dei lavori. Subito dopo si è riunito l’ufficio di presidenza che ha deciso di creare l’ufficio stralcio per gestire la pubblicazione dei documenti dell’archivio della commissione.
«Me l’aspettavo - ha detto Paolo Guzzanti - perchè quando si vota dopo la presentazione delle liste elettorali è chiaro che la questione risente dei malumori di chi non è stato ricandidato». Guzzanti, che scriverà un libro sui lavori della commissione, ha anche annunciato che si farà promotore, se sarà rieletto, di una iniziativa di legge per ricostituire la Mitrokhin. L’opposizione, che proprio oggi ha presentato, «in zona Cesarini», il suo documento finale, ha bollato in modo durissimo la guida, il metodo e il merito dei lavori della commissione d’inchiesta. «E’ uno dei punti più bassi raggiunti dal Parlamento italiano», si legge nel documento dell’Unione. La commissione «non ha apportato verità ma ha aumentato la confusione; non ha definito gli ambiti di conoscenza ma ha insinuato; non ha ricercato con spirito libero e scevro da pregiudizi ma ha riempito di pregiudizi e strumentalità ogni suo passo. Essa ha posto al livello del più irresponsabile giornale scandalistico una Commissione del nostro Parlamento, ferendone così il prestigio». Guzzanti è definito dal centrosinistra il «perno della strategia dell’infondatezza». Duramente criticata è la sua scelta di presentare una denuncia nei confronti dei vertici dei governi e dei servizi segreti che hanno gestito il dossier Mitrokhin, denuncia che il presidente ha tratto dall’elaborato del giudice Cordova, consulente della commissione. Forti critiche anche per i diversi filoni di indagine - dall’attentato al Papa al caso Moro, dalla strage di Bologna alla strategia del Kgb in Italia - che hanno seguito «esigenze occasionali e varie opportunità, difficilmente conciliabili con la ricerca della verità».
Paolo Cucchiarelli

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Londra espelle 4 diplomatici russi. Guerra di spie tra il Volga e il Tamigi
Tutto nasce come rappresaglia contro Mosca che ha negato l'estradizione di Lugovoi, accusato dalla Gran Bretagna di essere l'omicida di Litvinenko
di AA.VV. su La Repubblica del 16/07/2007
Nel computer dell'ex consulente della Mitrokhin 19 pagine sul premier. Poi i pm di Milano Spataro e Salvini, il direttore del Cesis e i giornalisti di Repubblica
Il falso dossier di Scaramella "Così la Russia manipola Prodi"
I pm hanno chiesto di utilizzare le registrazioni telefoniche tra Scaramella e il presidente della Mitrokhin
Scaramella e la trappola della Mitrokhin
"Guzzanti parte lesa". Ma nelle carte spunta un´altra ipotesi
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 27/12/2006

News in archivio

Identificato l’avvelenatore di Litvinenko
Scotland Yard scopre il «quarto uomo» che incontrò l’ex spia russa e lo uccise con una dose letale di polonio
su Il Tempo del 21/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0