Da mondoacolori.org del 15/04/2005

Cagliari, una mostra sui pi¨ crudeli strumenti di supplizio per ricordare che esistono ancora paesi in cui vengono applicati

Mostra: Tutte le facce della tortura. Un allarme sui diritti violati

Fra i promotori dell'iniziativa anche Amnesty International.
Esposte gogne, sedie inquisitorie, ruote di spezzamento
News presente nelle categorie:
Il secolo globalizzatoStoria dei diritti umaniTortura
GABBIE d'impiccagione, gogne, sedie inquisitorie, ruote di spezzamento e maschere d'infamia. Una mostra, a Cagliari, racconta una storia di orrori che è ancora drammaticamente viva in alcune aree del pianeta. E questa mostra, che si intitola Strumenti di tortura dall'epoca romana ai giorni nostri, ha proprio questo scopo: richiamare l'attenzione su quei paesi nei quali garantismo e democrazia sono valori lontani.

In corso (fino al 26 giugno) presso il centro culturale Il Ghetto, la mostra fa parte di un progetto più ampio (che prevede attività collaterali e multimediali, incontri e rassegne) realizzato in collaborazione con, fra gli altri, Amnesty International, l'Accademia messicana dei diritti umani, le Nazioni Unite. Un invito alla riflessione in un momento in cui intolleranza, razzismo, antisemitismo, violenza e guerra conquistano quotidianamente la ribalta delle cronache.

L'esposizione proviene dal Museo storico della tortura di San Gimignano, in Toscana, e comprende un centinaio di pezzi di pregio: dalla "veglia" (o "culla di Giuda") alla "Vergine di Norimberga", dalla gogna alla ghigliottina ad altri inquietanti macchinari, come le sedie inquisitorie, i cerchi schiacciatesta, il corcefisso-pugnale. Non si tratta solo di tormenti per il corpo: ci sono anche i supplizi psicologici, studiati per umiliare e privare la vittima della sua dignità. Un esempio, le cosiddette "maschere di derisione".

Gli strumenti esposti sono stati raccolti in tutta l'Europa e dimostrano come la fantasia e l'ingegno non abbiano incontrato alcun ostacolo nella ricerca di sistemi che infliggessero le torture più crudeli. Una mostra, inaugurata nel 1983 a Firenze, ma che ha conquistato negli anni fama internazionale e il titolo di "formidabile testimonianza contro la criminalità di Stato e di potere, in ogni luogo e in ogni tempo esercitata".

Una caratteristica dell'esposizione è nel taglio attuale dell'allestimento: sobrio, fatto di immagini e testimonianze sulle violazioni dei diritti umani perpetrate di volta in volta su quei soggetti ritenuti indegni, dagli eretici agli oppositori politici, dai delinquenti comuni alle presunte streghe fino ai malati di mente.

"Strumenti di tortura"
Il Ghetto, via Santa Croce 18, Cagliari
Dal martedì alla domenica 9-13 e 16-20
Info 070.6401730

Sullo stesso argomento

 
Cos'´┐Ż Archivio900?
´┐ŻIo so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt´┐Ż ´┐Ż una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)´┐Ż... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0