Da Liberazione del 27/05/2007

Strage dei Georgofili

Grasso: «Il "papello" di Riina è ancora sul tappeto. La politica dica cosa vuol fare»

Ieri a Firenze, in occasione del quattordicesimo anniversario della strade di via dei Georgofili, il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso ha affrontato due temi: quello dell'attualità del "papello di Riina" e quello delle responsabilità della politica. Le richieste che facevano parte della "trattativa" avviata da Cosa Nostra nel 1993 e che sono state alla base degli attentati mafiosi di Roma Milano e Firenze, contenute nel famoso "papello" letto nell'aula-bunker del maxiprocesso da Leoluca Bagarella, «sono tuttora argomenti di attualità», ha detto Grasso nel corso di una tavola rotonda a cui partecipava anche Pier Luigi Vigna, organizzata dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Firenze per ricordare le vittime della strage dei Georgofili. «Mi riferisco - ha precisato il procuratore nazionale antimafia - all'abolizione del 41 bis e dell'ergastolo, alla questione della confisca dei beni dei mafiosi, alla revisione dei processi, alla delegittimazione dei collaboratori di giustizia. Tutti questi temi sono ancora oggi attuali. Bisogna far sì che la memoria del passato ci spinga a non trascurare alcuni fatti odierni e avere la massima attenzione perché quegli accadimenti non si riproducano. Queste tematiche sono ancora sul tappeto e non sono affatto risolte. Alla politica chiedo una presa di coscienza, così come la chiese nel 2002 Gabriele Chelazzi in una audizione davanti alla Commissione antimafia - ha ribadito il capo della Dia - perché noi abbiamo fatto il nostro lavoro di magistrati, ma adesso la politica si deve interrogare per capire nel contesto di quell'epoca cosa può aver prodotto tutto questo, cosa può aver dato a Cosa Nostra la consapevolezza di avere una sorta di avallo per poter procedere su questo piano e di poter ritenere che avrebbe trovato un interlocutore credibile. C'è l'obbligo della politica di chiarire al suo interno se ci sono stati interessi, e quali, in quel periodo. Così come è responsabilità della politica evitare che nelle proprie fila possa venir candidato un mafioso».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

GIALLI D'ITALIA
Gardini e i padrini
Due colpi esplosi dalla sua pistola. Le pressioni degli uomini di Riina. E il legame con l'uccisione di Borsellino. Ecco perché è stata riaperta l'inchiesta sulla morte
di Salvo Vitale su Antimafia200 del 26/03/2006
di Lorenzo C. su LorenzoC del 01/02/2004

News in archivio

Un servizio dell'Espresso: dopo le indagini su Calcestruzzi la procura di Caltanissetta chiede alla Dia di esaminare il caso
L'ombra della mafia su Gardini riaperta l'inchiesta sul suicidio
su La Repubblica del 11/08/2006
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0