Da mondoacolori.org del 16/12/2005

È morto il pentito di Piazza Fontana

Fonte: L'Eco di Bercamo

Ha vissuto il suo ultimo anno e mezzo sotto copertura in provincia di Bergamo, in una casa di riposo al confine con la provincia di Milano. Fino a lunedì, quando è morto all'età di 66 anni. Si faceva chiamare Mario Rossi, ma in realtà era Carlo Digilio: il suo nome è legato alla strage di piazza Fontana a Milano, a quella bomba che il 12 dicembre del 1969 (nella foto l'interno della banca dopo l'esplosione) causò 17 morti e una ottantina di feriti. Colpito tempo fa da un ictus, è stato stroncato da un tumore.

E, quasi fosse un destino, la morte di Digilio è avvenuta proprio il 12 dicembre, lunedì scorso, nel trentaseiesimo anniversario di quella tragica strage che aprì in Italia la «strategia della tensione». I funerali sono già stati celebrati nell'Isola di San Michele, a Venezia, presenti solo i parenti più stretti.

Pentito, Carlo Digilio aveva aperto il terzo filone dell'inchiesta su Piazza Fontana: quella che aveva portato al coinvolgimento della cellula veneziana e mestrina di Ordine Nuovo. Era stato un neofascista, esperto di esplosivi grazie all'esperienza fatta nell'esercito, sospettato di aver confezionato gli ordigni per numerosi attentati. Digilio è stato l'unico non assolto di tutte le inchieste per la strage di Milano, degli undici processi che non hanno individuato i responsabili.

Gli ex esponenti di Ordine Nuovo - Delfo Zorzi e Carlo Maria Maggi - da lui indicati come direttamente coinvolti nella strage, sono stati condannati in primo grado all'ergastolo, con Giancarlo Rognoni, ma in appello sono stati assolti, anche se con la formula del dubbio. Per Digilio il reato di strage fu invece considerato prescritto, sia in primo che in secondo grado: gli furono così concesse le attenuanti.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La compagna dell'anarchico chiamata alla giornata delle vittime
Gemma Calabresi accoglie la Pinelli
«Giusto l'invito del Colle». Ma le associazioni dei familiari si dividono
di Claudio Del Frate su Corriere della Sera del 07/05/2009
INCHIESTE Carlo Lucarelli ricostruisce la carneficina di Milano e svela alcuni retroscena
La vittima preventiva di piazza Fontana
Tre mesi prima della strage un ex carabiniere morì in modo sospetto
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/03/2007
Strage di piazza Fontana, l'ex magistrato che scrisse la sentenza sulla morte dell'anarchico e la proposta di «Liberazione»
«Un francobollo in ricordo di Pinelli? Sì, ma non si uccida ancora Calabresi»
Il senatore D'Ambrosio: da pazzi ripetere la tesi dell'omicidio
di Dino Martirano su Corriere della Sera del 18/12/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0