Da Aprile del 30/01/2006
Originale su http://www.aprileonline.info/articolo.asp?ID=8317&numero='92'

L'incredibile museo della P2

Villa Wanda finisce all'asta. La dimora di Licio Gelli, che negli anni Ottanta è stata la residenza più fotografata e perquisita d'Italia, sarà venduta al miglior offerente. Lo ha deciso il Tribunale di Arezzo.
L'asta è stata affidata a un notaio di Arezzo, che non ha ancora fissato la data. Da parte dei legali dell'ex Venerabile della P2, c'è tuttavia ancora qualche speranza di salvare l'edificio. "Stiamo già predisponendo opposizione all'atto - dichiara Raffello Giorgetti. avvocato di Gelli - e se risolveremo il contenzioso con l'erario l'asta non darà alcun esito".
Licio Gelli (classe 1919) non parla con i giornalisti. Le rare volte che rompe il silenzio, lo fa solo per parlare della prossima apertura di un'ala del Museo dell'Archivio di Stato a Pistoia (la sua città), con i tanti documenti legati alla storia della massoneria e alla sua storia personale. Sì, in Italia avremo anche il paradosso di un Museo della P2 (del resto, sono in tanti a pensare che i piani di questa Loggia sono stati quasi tutti realizzati con l'ascesa al governo di Berlusconi & company).
Siccome i paradossi o sono tali o non lo sono, i legali di Gelli giudicano legittima ma incredibile la situazione: lo Stato accetta la donazione dei documenti di Gelli per dar vita al Museo della massoneria, dall'altra procede con l'esecuzione immobiliare per farsi risarcire di un milione e mezzo di euro che lo stesso Gelli non ha mai pagato (sono le spese del processo per il crack del Banco Ambrosiano per il quale l'ex Venerabile è stato condannato: di qui i guai per Villa Wanda). Le parti civili e lo Stato hanno cercato di recuperare le spese processuali rifacendosi sull'immobile, un elegante edificio circondato da un immenso parco sulla collina di santa Maria delle Grazie, una delle zone più vip di Arezzo. I piccoli azionisti del Banco Ambrosiano, a propria garanzia, ne ottennero il pignoramento durante il processo. L'avvocatura dello Stato ha ora chiesto che la residenza sia messa all'asta (ma si vocifera che Gelli rimarrebbe in ogni caso l'affittuario).
L'ex capo della P2 risiede a Villa Wanda (Wanda è il nome di battesimo di sua moglie) da oltre trent'anni. Questa residenza è da sempre il simbolo della loggia massonica che fu scoperta nel 1981 e di cui facevano parte alcuni politici di oggi: da Berlusconi, che in quel periodo era solo un imprenditore, a Cicchitto, che all'epoca era socialista e oggi è uno dei portavoce di Forza Italia. Ma c'era pure il futuro "deus ex machina" della tv Maurizio Costanzo (Cicchitto e Costanzo hanno il merito di aver ammesso la propria iscrizione, mentre i tanti altri affiliati – politici, finanzieri, avvocati, militari, industriali – cercarono di negarlo nonostante il lavoro d'indagine della Commissione parlamentare d'inchiesta presieduta da Tina Anselmi).
Gelli andò ad abitare in questa villa con la moglie Wanda e i figli quando passò dalla Permaflex alla Dormire, azienda che produceva materassi a molle. La società era sua e della famiglia Lebole, il cui capostipite, Mario, vendette a Gelli la dimora che, al tempo, si chiamava Villa Carla. Gelli divenne poi un importante dirigente della Giole, l'azienda di abbigliamento della famiglia Lebole, dove nell'aprile del 1981 furono sequestrati i famosi elenchi degli iscritti alla P2 (quelli con tanti nomi illustri, alcuni dei quali abbiamo appena ricordato per gli smemorati). Dopo la scoperta dei registri, il Venerabile fuggì in Svizzera, ma poi si costituì nel 1987 tornando così a vivere in Italia. Di lui si tornò a parlare quando – con le rivelazioni di Cossiga – scoppiò il "caso Gladio" (la rete anticomunista pronta a entrare in azione se il Pci avesse vinto le elezioni). Poi di nuovo l'oblio, come capita a troppi episodi oscuri della storia italiana. Qualcuno, però, si ricorda che Gelli fece il suo esordio politico da volontario fascista che andò a combattere in Spagna al fianco delle truppe di Francisco Franco nella guerra civile che dilaniò quel paese (1936-1939).

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'attuale presidente di Intesa-San Paolo, nell'agosto di 25 anni fa prese in mano il Nuovo Banco che nasceva dal Vecchio travolto dagli scandali
Bazoli: "La mia vera storia all'Ambrosiano tra Calvi e la P2"
"Quando mi proposero l'incarico esitai. Il quadro del Paese era drammatico con la mafia che dilagava e la loggia segreta appena scoperta"
di Massimo Giannini su La Repubblica del 07/08/2007

News in archivio

CASO CALVI: MAGISTRATI CHIEDONO ACQUISIZIONE NUOVI ATTI DI INDAGINE
DAGLI INDUMENTI DEL BANCHIERE AI LIBRETTI DI VOLO DI DUE PILOTI, ECCO LE NUOVE PROVE
su Adnkronos del 23/11/2005
 
Cos'è Archivio900?
«Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)»... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0