Da L'Unità del 13/02/2005

Si dimette direttore della Cnn. Aveva detto: «In Iraq, giornalisti nel mirino dei marines»

Eason Jordan, direttore delle News di Cnn, si è dimesso nel pieno di una polemica per alcune dichiarazioni a lui attribuite sul numero allarmante di giornalisti rimasti uccisi in Iraq, giornalisti che - secondo quanto avrebbe detto Jordan - sarebbero stati deliberatamente presi di mira dalle forze americane. In una lettera ai colleghi pubblicata sul sito, Jordan - che nega di aver fatto quelle dichiarazioni - spiega di aver preso la decisione di lasciare per evitare all'immagine dell'emittente di essere offuscata da questa polemica. «Le mie affermazioni non sono state chiare quanto avrebbero dovuto essere», ha spiegato riferendosi a quanto da lui dichiarato al World Economic Forum di Davos.

«Ho grande ammirazione e rispetto per gli uomini e le donne delle forze armate americane», si legge ancora nella lettera di Jordan, che ricorda di aver seguito la situazione in Iraq come giornalista embedded, aggregato alle forze statunitensi, a Baghdad, Tikrit e Mosul. Jordan ricorda anche di essere stato a fianco di soldati, marinai, marine e uomini dell'aeronautica americani in Afghanistan, nella ex Jugoslavia, in Somalia, Kuwait, Bahrain e nel Golfo Persico.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Raccontare il conflitto in Iraq è diventata, per i media, un'impresa più letale di quelle toccate alle precedenti generazioni di reporter di guerra
Iraq, uccisi più giornalisti che in Vietnam e nella Seconda Guerra mondiale
di . Redazione su Ansa del 12/06/2006
I documenti ripresi da "Newsweek" riguardano i viaggi all´estero del reporter. Le vendette selettive dei pasdaran del nuovo corso
Varsavia, la guerra dei dossier "Kapuscinski collaborò con il regime"
Dagli archivi i rapporti del giornalista ai Servizi segreti comunisti
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 23/05/2007

News in archivio

13 febbraio 1991, Bagdad: la strage annunciata
Quindici anni fa i bombardieri americani facevano strage di civili a Bagdad
Circa 400 civili, quasi tutti donne e bambini, muoiono all'interno del bunker in cui avevano trovato riparo. Gli USA, responsabili dell'attacco, diranno che si trattava di un obiettivo militare
su mondoacolori.org del 13/02/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0