Da La Stampa del 16/11/2002

Carlo Casalegno

Era uno di noi

di Marcello Sorgi

VENTICINQUE anni fa, il 16 novembre 1977, Carlo Casalegno, vicedirettore della «Stampa» cadde in un agguato delle «Brigate rosse». L’avevano atteso, solo, disarmato e senza scorta, nell’androne di casa, all’ora di pranzo. Gli avevano sparato quattro colpi di pistola dritti al volto, per ucciderlo. «Abbiamo giustiziato il servo dello Stato Carlo Casalegno», telefonarono infatti all’agenzia Ansa dopo l’attentato. Invece sopravvisse.

Lottò contro la morte, tra sofferenze atroci ma cosciente, per tredici giorni, fino al 29 novembre. Era il primo giornalista assassinato da un commando brigatista. Il primo a pagare il prezzo più alto per il suo pensiero democratico e libero, per il suo coraggio professionale e personale. «La Stampa» era la sua vita.

Se quel 16 novembre aveva rifiutato l’invito del direttore Arrigo Levi, che come ogni giorno voleva accompagnarlo a casa, era per ragioni di servizio. Perché al giornale o per il giornale amava fare tutto, con scrupolo, con semplicità, con umiltà, sebbene fosse tra i commentatori politici più conosciuti e più autorevoli.

Alla «Stampa» era, fin dai tempi di Giulio De Benedetti, «il professore». Non soltanto perché professore di scuola era stato, ma anche perché nel giornalismo aveva portato - e continuava - i suoi studi severi, come prima di lui, sempre alla «Stampa», avevano fatto Filippo Burzio e Luigi Salvatorelli. Ascoltato consigliere di De Benedetti, che spesso gli chiedeva di scrivergli i famosi corsivi siglati g.d.b., dalle direzioni di Alberto Ronchey e di Arrigo Levi aveva avuto lo spazio adeguato alla sua capacità di analisi e all’eleganza, alla lucidità, alla forza della sua scrittura.

La rubrica settimanale «Il nostro Stato» rivelava, già nell’essenzialità del titolo, il suo impegno civile sostenuto da un’intensa formazione intellettuale e morale: l’antifascismo, la Resistenza, gli ideali del partito d’azione intrecciati con il pensiero gobettiano del «Risorgimento senza eroi» e dell’Italia postunitaria.

Avversario irriducibile d’ogni eccesso ideologico, d’ogni integralismo, d’ogni fanatismo, Casalegno era instancabile nel dibattere, spiegare e difendere lo spirito democratico. Pronto a pagare di persona, nella cultura come nella politica, osò avventurarsi pericolosamente a scandagliare fino in fondo il verminaio dell’estremismo, delle formazioni eversive, del terrorismo: per sapere, per capire e far capire.

Sebbene assediato da avvertimenti e da minacce, era voluto andare di persona, a fine settembre 1977, nella Bologna tappezzata di manifesti inquietanti - «Tiriamo fuori i compagni dalle galere!» - inviato speciale alla «tre giorni del dissenso», dove si radunavano gli Autonomi e i «pi-trentottisti» del «partito armato».

Ma a condannare Carlo Casalegno fu un articolo pubblicato sulla prima pagina della Stampa l’11 novembre - «Terrorismo e chiusura dei "covi"» - in cui denunciava: «Al terrorismo, rosso e nero, si aggiunge un duplice squadrismo, d’estrema destra e d’estrema sinistra, che nel nostro Paese ha assunto proporzioni sconosciute nel resto dell’Occidente». E tuttavia si opponeva alle proposte di leggi speciali: «Le leggi già in vigore offrono tutti i mezzi necessari per combattere l’eversione, purché siano applicate con risolutezza imparziale contro tutti i violenti e i loro complici, e per tutti i reati».

Fino all’ultimo le riforme civili, il diritto, la democrazia furono nei pensieri di quest’uomo pacato, senza eccessi e senza odio, che per odio fu ucciso. Era stato per trent’anni un’anima forte di questo giornale, che oggi lo ricorda con nostalgia, con riconoscenza, con orgoglio.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A VENTICINQUE ANNI DALLA MORTE IERI L'OMAGGIO AL VICEDIRETTORE DELLA «STAMPA» UCCISO DALLA FOLLIA TERRORISTA DELLE BRIGATE ROSSE
CASALEGNO l'orgoglio di essere torinesi
Pubblichiamo il testo della commemorazione di Carlo Casalegno, che Arrigo Levi, direttore della Stampa nel 1977, ha fatto ieri in Consiglio comunale Arrigo Levi.
di Arrigo Levi su La Stampa del 29/11/2006
Carlo Casalegno
Giornalista di gran stile e vero liberal
di Riccardo Chiaberge su Il Sole 24 Ore del 29/11/2006
DAI SEQUESTRI IN FABBRICA AGLI ATTENTATI MORTALI: LA FOLLE STRATEGIA DELLE ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE
Br, un omicidio che segna il «salto di qualità»
Sei mesi più tardi ci sarà il rapimento di Aldo Moro
di Vincenzo Tessandori su La Stampa del 16/11/2006
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0