Da Il Sole 24 Ore del 29/11/2006

Carlo Casalegno

Giornalista di gran stile e vero liberal

di Riccardo Chiaberge

Servo dello Stato>: così lo avevano bollato i suoi assassini, nella rivendicazione fatta all'Ansa quel 16 novembre del 1977. Lui l'avrebbe preso come un complimento. Perché <servo dello Stato> Carlo Casalegno era davvero, nel senso più vero e nobile del termine. <Servo> come Vittorio Bachelet, come Guido Rossa. O, per venire a giorni più vicini a noi, come Massimo D'Antona e Marco Biagi. Nel 1977 Torino era stata l'epicentro dell'attacco terroristico. Oltre sessanta attentati in dodici mesi, gambizzazioni quasi quotidiane, cinque omicidi. Tutto in nome di un'ideologia cupa e sanguinaria, che voleva trasformare l'Italia nella Cambogia di Pol Pot. Contro questo nemico senza volto Casalegno aveva ingaggiato, dalle colonne della <Stampa>, una battaglia ostinata, quasi una crociata personale. Senza mai invocare la pena di morte o la legge marziale, ma difendendo con pacatezza le ragioni della legalità democratica. I suoi editoriali erano scritti in uno stile sobrio, antiretorico, com'era nella sua indole di torinese schivo. Ma andavano dritti al bersaglio, facendo di chi li firmava un bersaglio predestinato e cosciente.

Casalegno era un liberale autentico, quando ancora definirsi tale non andava di moda. Oggi le sue idee sono diventate, almeno a parole, patrimonio comune: non c'è quasi più nessuno, a destra e a sinistra, che non si proclami liberale. É il suo stile, purtroppo, a trovare pochi imitatori. Nei media come in politica la nota dominante è l'eccesso. Si direbbe che il coraggio, che in Casalegno era tutt'uno con il riserbo e la moderazione, oggi si misuri in decibel e indici di ascolto. Che soltanto chi urla più forte, chi insulta e inveisce, sia da additare a modello di impegno civile.

Forse è proprio lo stile di Casalegno, il suo modo di essere giornalista, che hanno in mente Enzo Biagi e Giorgio Bocca quando rimpiangono una perduta età d'oro della professione, in contrapposizione all'attuale degrado.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A VENTICINQUE ANNI DALLA MORTE IERI L'OMAGGIO AL VICEDIRETTORE DELLA «STAMPA» UCCISO DALLA FOLLIA TERRORISTA DELLE BRIGATE ROSSE
CASALEGNO l'orgoglio di essere torinesi
Pubblichiamo il testo della commemorazione di Carlo Casalegno, che Arrigo Levi, direttore della Stampa nel 1977, ha fatto ieri in Consiglio comunale Arrigo Levi.
di Arrigo Levi su La Stampa del 29/11/2006
DAI SEQUESTRI IN FABBRICA AGLI ATTENTATI MORTALI: LA FOLLE STRATEGIA DELLE ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE
Br, un omicidio che segna il «salto di qualità»
Sei mesi più tardi ci sarà il rapimento di Aldo Moro
di Vincenzo Tessandori su La Stampa del 16/11/2006
Il giornalista fu ucciso dalle br venticinque anni fa
Carlo Casalegno, un dramma italiano
“Lotta continua” intervistò il figlio Andrea
di Nello Ajello su La Repubblica del 28/11/2002
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0